sfondo endy
Gennaio 2021
eventiesagre.it
Gennaio 2021
Numero Evento: 21027418
Eventi Musicali
Festival Organistico Internazionale
Città Di Treviso E Della Marca Trevigiana - 32^ Edizione
Date:
Dal: 25/09/2020
Al: 11/10/2020
Dove:
Treviso
Veneto - Italia
Contatti
Tel.: 0423 950150
Fonte
Studio PRP
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento

Festival Organistico Internazionale

Città Di Treviso E Della Marca Trevigiana - 32^ Edizione

Da Venerdì 25 Settembre a Domenica 11 Ottobre 2020 - dalle ore 20:45
Provincia di Treviso

Festival Organistico Internazionale -

 

XXXII FESTIVAL ORGANISTICO INTERNAZIONALE
“CITTA’ DI TREVISO E DELLA MARCA TREVIGIANA”

La trentaduesima edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso e della Marca trevigiana” (25 settembre - 11 ottobre 2020) offre nuovamente l’occasione di scoprire o riscoprire le potenzialità dell’organo come strumento dotato di grande storia, suggestione e versatilità.

Questa edizione del Festival” annuncia Michele Pedoja, Presidente del Comitato Promotore del festival “sarà interamente dedicata al ricordo di Riccardo Moscatelli, per oltre venticinque anni Segretario e, soprattutto, anima del Festival, che ci ha purtroppo lasciato ormai da cinque anni, lasciando un vuoto incolmabile

Il direttore artistico del Festival, Roberto Antonello, nei dodici concerti in programma ha voluto rappresentare l’ampio ventaglio di suoni e di stili, di musica sacra e profana di cui si compone la sconfinata letteratura organistica, coinvolgendo sia giovani organisti sia alcuni maestri di fama internazionale nei diversi recital che esalteranno le peculiarità dell’organo, strumento del quale si può affermare - più che per ogni altro - che non ne esistono due simili. La particolare situazione causata dalla pandemia Covid-19, ha costretto la direzione artistica del festival a coinvolgere solamente artisti italiani: troppo incerte, infatti, sono attualmente le possibilità di movimento dai vari paesi europei e, per lo stesso motivo l’annuale Meeting di ECHO, l’associazione dei Festival Organistici Europei, non ha potuto aver luogo.

Con la programmazione di sette concerti nella Città di Treviso (tra i quali quattro nella suggestiva “Promenade” pomeridiana programmata il 3 ottobre) e di cinque in altrettanti Comuni della provincia, l’inestimabile patrimonio di organi storici della Marca torna a far sentire le tante preziose voci date nei secoli agli strumenti da organari di grande valore. Una programmazione coprodotta da Asolo Musica Veneto Musica e resa possibile dal fondamentale sostegno dei Comuni che ospitano i concerti, in primis quello della Città di Treviso, della Regione Veneto e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con l’indispensabile contributo de Gruppo Pro Gest e di CentroMarca Banca e la preziosa disponibilità delle comunità parrocchiali coinvolte.

La programmazione del festival prenderà il via venerdì 25 settembre (ore 20,45), con il tradizionale concerto dedicato a Johann Sebastian Bach all’organo Zanin della chiesa parrocchiale di Santa Bona, lo strumento intorno al quale prese il via la straordinaria avventura del Festival. Edoardo Bellotti - organista e clavicembalista internazionalmente riconosciuto fra i più esperti di prassi esecutiva storica ed improvvisazione e che ha suonato nei più importanti festival di tutto il mondo - proporrà un breve percorso attraverso le composizioni organistiche appositamente scritte per le diverse ricorrenze dell’anno liturgico e provenienti da fonti manoscritte, raccolte, autografi e copie, che testimoniano il precorso artistico di Bach nel dipingere musicalmente il contenuto del testo sacro, traducendo in musica gli “affetti” ed il messaggio teologico e spirituale in esso contenuto.

Una immersione nel repertorio romantico, invece, sarà quello di sabato 26 settembre (ore 20.45), nella chiesa Parrocchiale di Salgareda: all’organo Andrea Zeni costruito nel 1999 Elisa Teglia – docente di Organo al Conservatorio di Vicenza - proporrà infatti un programma dal titolo Autori romantici francesi (e non solo) a confronto; il concerto concluderà con un’improvvisazione libera, durante la quale l’organista farà il suo personale omaggio allo stile francese che ha dato così tanti frutti nel corso della storia della musica.

Si torna a Treviso, domenica 27 settembre (ore 16,30) alla Chiesa di Sant’Ambrogio di Fiera, dove è custodito un prezioso strumento costruito da Gaetano Callido nel 1779. Alessio Colasurdo, organista di Campobasso vincitore di una edizione del Premio Nazionale delle Arti promosso dal MIUR presenta Quadri d’organo: guidare l’ascoltatore, attraverso la musica d’organo, tra le tre sale di un’astratta pinacoteca musicale è l’obiettivo fissato per quest’appuntamento domenicale; il programma pensato, approfittando della versatilità e ricchezza timbrica dell’organo Callido, desidera infatti presentare quattro quadri storici, per confrontarli certo stilisticamente ma soprattutto più per lasciarli vivere concretamente.

Giovedì 1 ottobre (ore 20,45) eccoci a Santa Caterina, una delle sedi dei Musei Civici di Treviso, dove si trova l’organo in stile rinascimentale costruito nel 1998 da Francesco Zanin e donato alla Città di Treviso da Fondazione Cassamarca che aveva attuato un progetto di restauro e ripristino di tanti strumenti storici della città, contribuendo a rendere Treviso una delle capitali europee della musica organistica: per questo motivo, il Comitato promotore ha deciso di dedicare il concerto a Dino De Poli, già Presidente Onorario di ECHO. Antico e nuovo tra rinascimento e barocco è il titolo del programma con cui Francesco Cera – clavicembalista, organista e direttore tra i più apprezzati interpreti italiani della musica antica e che dopo molti anni torna a Treviso - accosterà quattro grandi personalità dell’organo, appartenenti a due nazioni, l’Italia (pur suddivisa in molteplici ducati e stati) e la Spagna, nazioni o meglio regioni d’Europa che ebbero tra loro contatti molto significativi in periodi sfaccettati e complessi, a volte contraddittori e dai confini non ben definiti quali sono stati il Rinascimento ed il Barocco.

Sabato 3 ottobre ecco la tradizionale Promenade Organistica che vedrà impegnati due giovani organisti – Tomas Gavazzi e Antonio Pantalone - in un percorso circolare che partirà alle 15.00 da Sant’Agostino con l’Organo Serassi del 1858, proseguirà alle 15,45 a San Gregorio che custodisce un Callido del 1769, quindi alle 16,30 nella Chiesa della Croce con l’organo più antico di Treviso costruito da Pietro Nacchini nel 1750, per tornare a Sant’Agostino alle 17,15.

Domenica 4 ottobre (ore 16,30) il Festival si sposta nella Chiesa parrocchiale di San Trovaso di Preganziol dove Manuel Tomadin - probabilmente l’organista italiano più decorato in competizioni di esecuzione/interpretazione della sua generazione -  all’organo Giovanni Bazzani del 1843 ed il montebellunese Fabiano Martignago con il flauto dolce eseguiranno un concerto dal titolo Il Settecento: secolo dorato nella musica da chiesa.

Particolare occasione sarà quella di venerdì 9 ottobre (ore 20,30), nella Chiesa di Casale sul Sile, con l’ensemble Accademia Palatina formata dal soprano Jeanne-Marie Lelièvre, il violoncellista Thomas Chigioni e Elia Pivetta che suonerà su un organo positivo della ditta Zanin. Luci, ombre ed affetti dalla Serenissima è il titolo del concerto: il Settecento che vede il tramonto della Serenissima, è considerato un periodo buio e di decadenza all’interno della storia di Venezia; esso è però un momento particolarmente luminoso dal punto di vista artistico, il vero e proprio «canto del cigno» della Repubblica del Leone.

Altro prezioso strumento è l’organo Barbini del 1758 custodito nella Chiesa Parrocchiale di Caselle di Altivole che sarà suonato sabato 10 ottobre (ore 20,45) dall’organista comasco Ismaele Gatti Questo concerto, dal titolo Musica Adriatica, si propone di esplorare una parte della variegata produzione musicale di area veneta e marchigiana composta tra il XVIII e il XIX secolo. Il trait d'union che connette queste due regioni non è solo il mare, come ci ricorda il titolo, ma anche la presenza cospicua in entrambi i territori di strumenti di scuola veneta ed in particolare del grande organaro Gaetano Callido molto attivo nelle Marche, in cui costruì circa un quarto dei suoi strumenti.

Conclude il XXXII Festival, domenica 11 ottobre (ore 16,30), nella Chiesa Parrocchiale di Santa Lucia di Piave, il concerto dell’organista marchigiana Federica Iannella all’organo Zanfretta del 1892. Il programma è dedicato alle Trascrizioni operistiche da Rossini, Bellini, Pacini e Verdi… tra spartiti pubblicati e manoscritti inediti: l'Ottocento in Italia fu innegabilmente il secolo dell'opera lirica, genere musicale che dettò legge nel gusto del pubblico. Niente di strano quindi che pagine melodrammatiche, arie o preludi o duetti, venissero trascritte per quello che era uno strumento piuttosto diffuso, l'organo, che era dotato di possibilità fonico-espressive fuori dal comune attraverso la scelta dei vari registri.

Tutti i concerti nelle chiese sono a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili secondo la normativa antiCovid con obbligo della mascherina

Info per il pubblico: festorganisticotv@hotmail.it - www.festivalorganistico.com
Asolo Musica Veneto Musica - 0423 950150 - www.asolomusica.com - info@asolomusica.com

IL PROGRAMMA

Venerdì 25 settembre, ore 20.45
TREVISO
Chiesa di Santa Bona
Organo Franz Zanin, 1988
Edoardo Bellotti

Johann Sebastian Bach
SOLI DEO GLORIA
Musiche per L’Anno Liturgico

Sabato 26 settembre, ore 20.45
SALGAREDA
Chiesa Parrocchiale
Organo Andrea Zeni, 1999
Elisa Teglia
Autori romantici francesi (e non solo) a confronto
Théodore Dubois, César Franck, Pietro Alessandro Yon,
Charles-Marie Widor, Jean Alain, Elisa Teglia

Domenica 27 settembre, ore 16.30
TREVISO
Chiesa di Sant’Ambrogio di Fiera
Organo Gaetano Callido 1779
Alessio Colasurdo
Quadri d’Organo
Ignazio Spergher, Bernardo Storace, Alessandro Marcello,
Wolfgang A. Mozart, Arcangelo Corelli, Nicolò Moretti

Giovedì 1 ottobre, ore 20.45
TREVISO
Chiesa di Santa Caterina
Organo Francesco Zanin, 1998
in stile rinascimentale
Francesco Cera
Antico e nuovo tra rinascimento e barocco
Antonio de Cabezon, Andrea Gabrieli, Francisco Correa de Arauxo, Girolamo Frescobaldi

Sabato 3 ottobre
TREVISO
CONCERTO PROMENADE
Ore 15.00
Chiesa di Sant’Agostino
Organo Fratelli Serassi, 1858
Tomas Gavazzi

Da Bergamo a…. Bergamo
Gaetano Donizetti, Vincenzo Petrali, Padre Davide da Bergamo
Ore 15.45
Chiesa di San Gregorio
Organo Gaetano Callido 1769
Antonio Pantalone

Viaggio musicale per l’Europa
Antonio Vivaldi, Juan Cabanilles, Louis-Claude Daquin, John Stanley, Georg Muffat
Ore 16.30
Chiesa Auditorium Santa Croce
Organo Pietro Nacchini 1750
Tomas Gavazzi
Splendore barocco
Claudio Merulo, Christian Erbach, Bernardo Pasquini, Domenico Zipoli
Ore 17.15
Chiesa di Sant’Agostino
Organo Fratelli Serassi, 1858
Antonio Pantalone

L’organo italiano tra concerto e liturgia
Padre Davide da Bergamo, Vincenzo Petrali

Domenica 4 ottobre, ore 16.30
PREGANZIOL
Chiesa parrocchiale di Santrovaso
Organo Giovanni Bazzani 1843
Fabiano Martignago, flauto dolce
Manuel Tomadin, organo
Il settecento: secolo dorato nella musica da chiesa
Agostino Tinazzoli, Georg Friedrich Handel, Wolfgang Christoph Druckenmüller,
Georg Philipp Telemann ,
Giovanni Battista Martini

Venerdì 9 ottobre, ore 20.45
CASALE SUL SILE
Chiesa di Santa Maria Assunta
Accademia Palatina
Jeanne-Marie Lelièvre: soprano
Thomas Chigionivioloncello
Elia Pivettaorgano positivo
Luci, ombre ed affetti dalla Serenissima
I maestri del Settecento veneziano
Benedetto Marcello, Antonio Caldara, Giovanni Benedetto, Platti Baldassare Galuppi

Sabato 10 ottobre, ore 20.45
ALTIVOLE
Chiesa Parrocchiale di Caselle
Organo Barbini 1758
Ismaele Gatti
Musica Adriatica
Johann Sebastian Bach, Benedetto Marcello, Gaetano Valeri,
Girolamo Pera, Giovanni Morandi

Domenica 11 ottobre, ore 16.30
SANTA LUCIA DI PIAVE
Chiesa Parrocchiale
Organo Gaetano Zanfretta 1892
Federica Iannella
Trascrizioni operistiche da Rossini, Bellini, Pacini e Verdi
tra spartiti pubblicati e manoscritti inediti

Tutti i concerti nelle chiese sono a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili secondo la normativa antiCovid con obbligo della mascherina

Info: festorganisticotv@hotmail.it - www.festivalorganistico.com
Asolo Musica Veneto Musica - 0423 950150 - www.asolomusica.com - info@asolomusica.com

Il 15 settembre del 1989, un recital dell’organista olandese Peter Westerbrink, dava inizio alla prima edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso” (questa la prima denominazione), nato su iniziativa di alcuni appassionati in collaborazione con la Circoscrizione di Santa Bona del Comune di Treviso.

Con quella prima iniziativa, il Comitato promotore del Festival avviava la propria attività con l’ambizione di organizzare annualmente una rassegna di musica organistica, ma soprattutto di sensibilizzare Enti e privati al recupero dell’ingente patrimonio di strumenti meccanici storici di cui la città era particolarmente ricca, tanto da potersi ritenere unica al mondo.

Sono stati trent’anni intensi, a Treviso, durante i quali sono stati restaurati - con il fondamentale supporto di Fondazione Cassamarca - tutti gli organi storici della città (che da molti anni vanta la più alta densità nel mondo di preziosi strumenti perfettamente funzionanti), ma sono anche sorte altre iniziative per restauri e nuove costruzioni, nelle quali il Comitato Promotore del Festival è stato a vario titolo coinvolto. Strumenti che costituiscono un patrimonio immenso in tutta la provincia, che grazie all’eco internazionale dell’impresa continua a richiamare molti studenti e organisti provenienti da ogni parte del mondo desiderosi di conoscerli e provarli, che negli ultimi quindici anni ha creato un vero e proprio turismo organistico, anche grazie alla generosa disponibilità del direttore artistico Roberto Antonello e dei volontari del Comitato Promotore ad assisterli e ad accompagnarli durante la loro permanenza a Treviso.

Dopo trent’anni di attività, il Festival è nel pieno della sua maturità, e oltre ad aver realizzato centinaia di concerti, decine di iniziative didattiche e discografiche, si è anche fatto promotore, nel 1997, di un Comitato Europeo delle Città d’Organi Storici (ECHO) che, esattamente 20 anni fa - nel settembre del 1999 - ha assunto formalmente la denominazione Europae Civitates Historicorum Organorum (ECHO), che ha per molti anni avuto la propria sede a Treviso.

Il gemellaggio con le città ECHO (che attualmente sono Alkmaar-Olanda, Brussels-Belgio, Freiberg-Germania, Fribourg-Svizzera, Innsbruck-Austria, Mafra-Portogallo, Toulouse-Francia, Treviso-Italia e Trondheim-Norvegia) è - non solo per il Festival ma per tutta la Città di Treviso - un vera e propria finestra culturale spalancata sull’Europa: il suo spirito più autentico sta, infatti, nell’arricchire e favorire la promozione e lo scambio della cultura organistica specifica di ogni Paese e di cooperare nella promozione nel restauro di organi storici, nella coproduzione di importanti eventi musicali e nel favorire lo scambio di studenti, idee, pubblico. (www.echo-organs.org).

Inoltre, il Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso e della Marca Trevigiana” è anche parte fondamentale del circuito regionale Cantantibus Organis (il progetto di valorizzazione degli organi meccanici realizzati tra il Settecento e il Novecento nelle province di Treviso, Belluno, Vicenza, Rovigo e Venezia), che coinvolge Enti e associazioni locali nella realizzazione di centinaia di concerti in tutto il Veneto, la cui gestione è affidata ad Asolo Musica Veneto Musica, vicina al Festival fin dalla sua fondazione.



    News Evento

    Leggi anche


    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.