sfondo endy
Luglio 2022
eventiesagre.it
Luglio 2022
Numero Evento: 21186726
Eventi Festival
Paesaggi Del Corpo A Velletri
3° Festival Internazionale Di Danza Contemporanea
Date:
Dal: 21/05/2022
Al: 16/07/2022
Dove:
Logo Comune
Lazio - Italia
Contatti
Fonte
Theatron 2.0 Press Office
Scheda Evento
dado d'oro

Paesaggi Del Corpo A Velletri

3° Festival Internazionale Di Danza Contemporanea

Da Sabato 21 Maggio a Sabato 16 Luglio 2022 -
Velletri (RM)

Paesaggi Del Corpo A Velletri - Velletri

III edizione di Paesaggi del Corpo
Festival Internazionale Danza Contemporanea
21 maggio - 16 luglio 2022 | Velletri (RM)

Spettacoli, performance site specific e incursioni urbane per la III edizione di Paesaggi del Corpo Festival Internazionale Danza Contemporanea

Dal 21 maggio al 16 luglio la III edizione di Paesaggi del Corpo - Festival Internazionale Danza Contemporanea animerà la città di Velletri (RM) con spettacoli, performance site specific e incursioni urbane presentati da compagnie italiane, formazioni internazionali e giovani autori e autrici.                                                                       

Il titolo di Paesaggi del Corpo 2022 è DiversificAzioni e rimanda al desiderio di raccogliere al suo interno una rosa ampia di proposte artistiche differenti, per cogliere l’originalità e la specificità dei linguaggi del contemporaneo. L'identità del progetto si definisce nel proporre esperienze nel campo della danza in ascolto con il territorio, mettendo in atto momenti di incontro e confronto tra le arti, tra gli artisti e la cittadinanza, tra le diverse associazioni e gli enti coinvolti nella realizzazione. Il progetto aspira a radicarsi, a intessere una fitta rete di relazioni con le comunità.

Ospiti di Paesaggi del Corpo alcuni tra i nomi di punta del panorama italiano contemporaneo, come Compagnia Atacama, Gruppo E-Motion, Padova Danza A.S.D., Borderline Danza, Compagnia Megakles Ballet Petranuradanza, Mandala Dance Company, Asmed Balletto Di Sardegna, AIEP Ariella Vidach, Naturalis Labor, Egribianco Danza, Compagnia Create Danza/Balletto Di Calabria,  Zebra/Silvia Gribaudi, Balletto Teatro Di Torino, Compagnia Arearea, Artemis Danza, Motus A.C. Aps, Res Extensa Dance Company; oltre alle compagnie internazionali Tanzcompagnie Gießen (Germania), Cie Art Mouv (Corsica/Francia), EnClave Danza (Spagna), Compagnie Irene K (Belgio). Il programma prevede anche produzioni di autori e coreografi emergenti e under 35 come Manolo Perazzi, Giovanna Rovedo e Sharon Estacio, Sara Pischedda e Luca Castellano, Luca Vona, Massimiliano De Luca.

Ad arricchire il programma di Paesaggi del Corpo 2022, Dance System, progetto triennale che prevede la realizzazione di conferenze, tavole rotonde e dibattiti intorno alla Danza Contemporanea in Italia e all’Estero organizzato da Theatron 2.0, in collaborazione con Paesaggi del Corpo. Il primo appuntamento si terrà il 21 maggio presso la Casa delle Culture e della Musica, durante la giornata inaugurale del Festival.

I luoghi del festival, scelti con l’attenzione a valorizzare il patrimonio culturale della città di Velletri, sedi degli spettacoli e delle performance, sono il Teatro Artemisio Gian Maria Volonté; la Casa delle Culture e della Musica (Auditorium, Chiostro, Portici, Giardino, Sala degli affreschi), struttura seicentesca dell’ex Convento del Carmine, luogo denso di attrattive storiche e artistiche e monumento culturale; il centro storico dove avverranno le incursioni di danza urbana in luoghi come piazza Cairoli. Inoltre, la Scatola dell’Arte di Roma, sede dell'associazione culturale, ospiterà le residenze artistiche e i laboratori.

Il programma comprende anche laboratori pratici con esito finale aperto al pubblico che verranno realizzati in collaborazione con le scuole di danza del territorio, aperti a danzatori, attori, performer, professionisti, amatori, in dialogo tra percorso creativo e approccio pedagogico, guidati da coreografi e docenti di fama internazionale come Beatrice Libonati, danzatrice solista e assistente artistica nella compagnia di Pina Bausch dal 1978 al 2006 e poetessa autrice di sette libri di poesie.

Con la finalità di sostenere la creazione artistica, verranno ospitate in residenza creativa la Compagnia Atacama sul progetto Altrove Oltre il Mondo e Mandala Dance Company sul progetto Riti di Passaggio e all'interno della sezione Nuove generazioni Giovanna Rovedo - Sharon Estacio sul progetto Orchestrating Spaces.

Incentrato sulle differenti declinazioni dei linguaggi delle arti performative, il Festival raccoglie al suo interno diverse sezioni tematiche che si sviluppano a partire dall’interesse per la multidisciplinarietà, per il dialogo fra le arti e per l’apertura all’internazionalità e alla relazione fra le culture. Per approfondire la ricerca sul dialogo tra corpo/danza e architetture, beni culturali e paesaggi urbani le compagnie saranno invitate a far entrare in relazione le loro creazioni con i luoghi non convenzionali, dialogando con le architetture e gli spazi naturali. La compresenza delle varie performance dei diversi autori che si susseguiranno negli spazi, genererà  a sua volta un dialogo fra le opere, dando luogo ad una differente modalità di presentazione e incontro con il pubblico. La ricerca tra danza e nuove tecnologie darà vita a un’esplorazione dei media interattivi in relazione al corpo e al movimento, interagendo con proiezioni, facendo delle nuove tecnologie un punto di ricerca espressiva attento all’innovazione del linguaggio.  Per questa terza edizione, inoltre, verrà approfondito il dialogo tra le diverse arti grazie alla programmazione di opere con contenuti multidisciplinari che attraversano altri campi come la poesia, le arti visive, la musica e il cinema.

Accanto alla programmazione di spettacoli, il Festival anche per questa edizione metterà in atto progettualità speciali e attività di laboratorio e didattica per creare nuove opportunità per avvicinarsi alla danza contemporanea: tra le altre attività culturali organizzate volte a educare e promuovere il pubblico il programma prevede la messa in atto di Progetti Multidisciplinari Speciali indirizzati ai giovani in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Roma, sede di Velletri, che coinvolgerà studenti e docenti delle triennali di Pittura e Grafica Editoriale nelle attività del festival. Gli allievi seguiranno gli spettacoli e le performance nel momento dell’allestimento e della presentazione al pubblico. Con il loro sguardo specifico, rivolto al disegno, alla pittura, alla fotografia, al video, si avvicineranno alla danza, per poi restituirne, ciascuno attraverso il mezzo espressivo scelto forme, impressioni, emozioni, stimoli.

Come per gli anni precedenti, il Festival verrà realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte, sotto la Direzione artistica di Patrizia Cavola, con il contributo di Regione Lazio, in collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri e con il patrocinio del Comune di Velletri. Tutte le attività si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti-covid.

Il programma del Festival è su: paesaggidelcorpo.it

PROGRAMMA PAESAGGI DEL CORPO 2022

CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA

21 maggio h 16:00 - 19:00  
Dance System Abitare lo spazio. La funzione trasformativa delle arti performative
a cura di Theatron 2.0

TEATRO ARTEMISIO GIAN MARIA VOLONTÉ

21 maggio h 21:00   
COMPAGNIA ATACAMA - Altrove Oltre il Mondo

22 maggio h 19:00 
TANZCOMPAGNIE GIESSEN -The other side
GRUPPO E-MOTION - Without Color

28 maggio h 21:00
ART MOUV - En Attendant James B. (Waiting James B.)
PADOVA DANZA A.S.D. - Water Dance (New Road)

29 maggio h 19:00
BORDERLINE DANZA – Thread
COMPAGNIA MEGAKLES BALLET PETRANURADANZA – Fisiognomica
MANDALA DANCE COMPANY - Riti di Passaggio

CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA

11 giugno h 18:30
COMPAGNIE IRENE K - ¿Adonde Trio
ASMED Balletto di Sardegna - Welcome TU Italy
ARIELLA VIDACH AIEP – Kinexa Studio

PIAZZA CAIROLI

12 giugno h 12:00
COMPAGNIE IRENE K -  ¿Adonde – Encounter
NATURALIS LABOR - Piccoli Lupi-Pezzi Fragili

CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA

12 giugno h 18:30
EGRIBIANCO DANZA - She screams
NATURALIS LABOR - Piccoli Lupi-Pezzi Fragili
COMPAGNIE IRENE K - ¿Adonde – Strenght

CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA

18 giugno h 18:30
MANOLO PERAZZI /Gruppo E-Motion - Fermo Immagine
COMPAGNIA CREATE DANZA/Balletto di Calabria - L'arte dell'attesa
LUCA VONA/ Ass. Cult. Atacama Onlus – Resilienza

PIAZZA CAIROLI

19 giugno  h 12:00
SILVIA GRIBAUDI/BALLETTO TEATRO DI TORINO - Peso Piuma Collective

CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA

19 giugno  h 18:30
SILVIA GRIBAUDI/BALLETTO TEATRO DI TORINO - Peso Piuma Collective
ZEBRA/SILVIA GRIBAUDI - Peso Piuma

9 luglio  h 18:30
COMPAGNIA AREAREA - Autunno da Le Quattro Stagioni
ARTEMIS DANZA - Charles & Gelsomina
ENCLAVE DANZA – Coyolx
MOTUS A.C. APS - Rise and Fall

16 luglio h 18:30
GIOVANNA ROVEDO - SHARON ESTACIO /Ass. Cult. Atacama Onlus - Orchestrating Spaces
COMPAGNIA ATACAMA -  Danze specific per la Casa delle Culture e della Musica
RES EXTENSA DANCE COMPANY -  Puzzle

INFO
paesaggidelcorpo.it
facebook | instagram: paesaggidelcorpo
info@paesaggidelcorpo.it


Paesaggi Del Corpo A Velletri - Velletri

WITHOUT COLOR
Trilogia sull’abitare

22 maggio - ore 19:00
Teatro Artemisio Gian Maria Volontè
Paesaggi del Corpo Festival – Velletri (RM)

 

Domenica 22 maggio alle ore 19:00, presso il Teatro Artemisio Gian Maria Volontè di Velletri (RM), nell’ambito di Paesaggi del Corpo Festival, va in scena Without Color, trilogia sull’abitare ideata da GRUPPO e-MOTION, con il contributo del Ministero della Cultura, della Regione Abruzzo, del Comune dell’Aquila e Operazione RESTART. La compagnia di danza abruzzese, diretta da Francesca La Cava, darà vita a una performance introspettiva e contemporanea sulla bellezza della diversità.

Without Color racconta l’universalità delle espressioni emozionali e l’efficacia del linguaggio del corpo. Quattro performer appartenenti a culture diverse si confrontano sulla scena, scoprono le loro differenze e manifestano il proprio stupore attraverso i meccanismi dell’improvvisazione. La partitura gestuale degli interpreti si muove alla ricerca di espressioni vitali, movimenti naturali e dialoghi che costruiscono una narrazione tra il reale, il grottesco e il trascendentale, riscoprendo gli spazi nascosti della mente.

«Si tratta di un progetto pensato e concepito in tanti anni - afferma la regista Francesca La Cava - e nasce dal desiderio di lavorare con dei danzatori di diverse etnie, considerando il mio grande amore per l'Africa. Lo spettacolo è inserito in una Trilogia sull'abitare, inteso anche come dimorare nel proprio corpo.

È un approfondimento sul nostro essere e stare nel mondo che comincia proprio dall’epidermide: abitare la propria fisicità significa conoscere e approfondire quello che siamo. Non vuole essere un percorso guidato, non è un lavoro contro un luogo comune o sul razzismo, non ne voglio parlare perché per me è un fatto superato. Vorrei mettere a confronto tutti gli universali, ciò che appartiene a tutti gli esseri umani, i tratti comuni che caratterizzano qualsiasi etnia per arrivare a una contaminazione».

L’esistenza degli universali culturali è spiegabile, secondo molti antropologi, con le costanti fisiologiche che caratterizzano la specie umana: l’esistenza di due sessi, la debolezza fisica dei bambini o il bisogno di cibo. Le differenze fra i corpi vengono rappresentate attraverso la spontaneità dei danzatori che raccontano la loro storia dalla spensieratezza dell’infanzia fino alle consapevolezze dell’età adulta, ironizzando su alcuni stereotipi del pensiero occidentale. «Osservando il corpo - prosegue la regista - scoprono di avere qualcosa in comune. Nella foto di scena tutti i performer sono seduti, mostrano il palmo della mano e la pianta dei piedi ed è possibile notare come queste parti del corpo siano uguali per tutti: la pianta del piede ha lo stesso colore, così come il palmo della mano e i denti. Quello è uno degli universali che abbiamo scoperto lavorando in scena».

La creazione si sviluppa alternando momenti di profonda drammaticità a momenti di ironia e la grande fisicità dei danzatori viene esaltata dalle coreografie, dall'uso della voce e dal suono del corpo, partitura essenziale della performance. La regia e le coreografie sono di Francesca La Cava, in scena insieme agli interpreti Asahi Arop Lombardo, Timothée Ballo, Letizia Dessi e Antonio Taurino. La musica originale di Flavio Pescosolido parte da suoni tradizionali per evolversi in una chiave totalmente elettronica, una “non musica”, un qualcosa che non può essere descritto e che inizia dalla contrazione del respiro, atto di nascita della vita stessa. L’aiuto alla drammaturgia è affidato ad Anouscka Brodacz, e Stefania Bucci è assistente alla coreografia. Le scene e costumi sono di Elisabetta Falqui, il disegno luci di Michele Innocenzi e le foto di Paolo Porto.

LA COMPAGNIA
GRUPPO e-MOTION è una compagnia di danza contemporanea con sede a L’Aquila, unica realtà di produzione della danza in Abruzzo finanziata dal Ministero della Cultura. La Compagnia è sostenuta dalla Regione Abruzzo e dal Comune dell’Aquila. La ricerca del gesto e quella personale sono alla base degli spettacoli del GRUPPO e-MOTION, le cui performance sono viaggi poetici e introspettivi all’interno dell’essere umano e della società contemporanea.

WITHOUT COLOR
Trilogia sull’abitare

Regia e coreografia Francesca La Cava
Aiuto alla drammaturgia Anouscka Brodacz 
Assistente alla coreografia Stefania Bucci
Musica originale Flavio Pescosolido
Scene e costumi Elisabetta Falqui
Disegno luci Michele Innocenzi
Foto Paolo Porto

Interpreti e collaborazione artistica Asahi Arop Lombardo, Timothée Ballo, Letizia Dessi, Francesca La Cava e Antonio Taurino.

Produzione: GRUPPO e-MOTION con il contributo del MiC - Ministero della Cultura, della Regione Abruzzo, del Comune dell’Aquila e Operazione RESTART

    eventiesagre-sagra-maialino-treia


    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2022-05-17 13:51:29
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.