sfondo endy
Settembre 2020
eventiesagre.it
Settembre 2020
Numero Evento: 21169934
Eventi Festival
Passaggi Festival
8° Festival Della Saggistica
Date:
Dal: 26/08/2020
Al: 30/08/2020
Dove:
Logo Comune
Marche - Italia
Contatti
Fonte
PASSAGGI Festival Saggistica - Ufficio Stampa
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
fiaccadori-300x250 proc
la bella epoque

Passaggi Festival

8° Festival Della Saggistica

Da Mercoledì 26 a Domenica 30 Agosto 2020 -
Fano (PU)

Passaggi Festival - Fano

Al via l’ottava edizione
PASSAGGI FESTIVAL 2020: SI COMINCIA

Non solo libri, non solo saggi: poesia, fumetto, narrativa, teatro, scienza, mostre d’arte, laboratori, visite guidate. 60 eventi e 100 ospiti. Dal 26 al 30 agosto a Fano

Da Oliver Stone, ospite internazionale che inaugura la piazza principale del festival, a Nicola Crocetti, Premio Passaggi 2020, che chiude la manifestazione. Questi i due corni della parabola temporale dell’ottava edizione di Passaggi Festival della Saggistica 2020 che riempirà di libri e di cultura la città di Fano, nelle Marche, da mercoledì 26 a domenica 30 agosto. Nel mezzo 100 ospiti e 60 eventi in 5 giorni per la kermesse letteraria dell’estate italiana ideata e diretta dal giornalista Giovanni Belfiori, in media-partnership con La Lettura – Corriere della Sera, Ansa, Vista, Rai Cultura, Rai Radio 3, Rai Italia e Rainews24, col contributo del Comune di Fano, della Regione Marche, main sponsor Coop Alleanza 3.0.

Un programma per pubblici e per gusti differenti, con tanti libri e tanti saggi, ma non solo. Poesia, fumetto, narrativa, teatro, scienza, mostre d’arte, laboratori, visite guidate, rassegne ed appuntamenti pensati per il pubblico giovane e per quello dei bambini. Giovanni Allevi, Nando dalla Chiesa, Corrado Augias, Linus, Valerio Massimo Manfredi, Gianluigi Nuzzi, Ema Stokholma, Oliviero Toscani, Giorgio Zanchini, a cui andrà il Premio Andrea Barbato per il Giornalismo 2020, tra i nomi più noti. Ma anche due maestri italiani del fumetto, Giacinto Guadenzi e Filippo Scòzzari, la figlia di Bud Spencer, Cristiana Pedersoli, gli ex magistrati Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte, due realtà di successo della musica indie e del web, Giovanni Truppi e Il Terzo Segreto di Satira. E poi le novità di questa ottava edizione, come Buongiorno Passaggi, tre saggi presentati al mattino in un locale del mare con caffè e giornale gratis, Futuropresente, incontri su lavoro e innovazione, consigliato per studenti e imprenditori, Chiedersi Perché, la filosofia spiegata ai più piccoli, ma anche conferme come Europa / Mediterraneo, la rassegna di narrativa straniera al suo secondo anno con un’autrice italo-polacca esordiente e un focus sugli scrittori albanesi in Italia a cui parteciperà anche l’ambasciatore della Repubblica di Albania.

Gli eventi sono come sempre gratuiti. Per quelli di piazza XX Settembre e della Mediateca Montanari è consigliabile prenotare. Per le altre sedi si entra fino ad esaurimento dei posti. Da non dimenticare la mascherina: senza non si può accedere alle aree degli incontri. Ulteriori informazioni su accesso e sicurezza sul sito di Passaggi Festival (www.passaggifestival.it).

Il programma nel dettaglio

Il palco centrale di Piazza XX Settembre ospita la rassegna Grandi Autori. È qui che si tesse il filo conduttore dettato dal tema, che quest’anno è: “Leggere per ricordare comprendere costruire”. Si aprirà mercoledì 26 agosto, alle 20, con il saluto inaugurale degli organizzatori e a seguire un evento speciale del festival: il regista statunitense premio Oscar Oliver Stone che presenta in anteprima la sua autobiografia (“Cercando la luce. Scrivere, dirigere e sopravvivere” La nave di Teseo). Alle 21 un decano del giornalismo italiano, Corrado Augias (“Breviario per un confuso presente” Einaudi). Giovedì 27 il giornalista di Rete 4 Gianluigi Nuzzi (ore 19, “Giudizio universale”, Chiarelettere) conversa con Giorgio Santelli di Rainews24 e la politologa Nadia Urbinati (ore 21, “Io, il popolo”, Il Mulino) è intervistata da Alessandra Longo di Repubblica; venerdì 28 il medico Pier Luigi Rossi (ore 19, “Le ricette della buona salute”, Aboca Edizioni) converserà con Patrizio Roversi, Nando dalla Chiesa (ore 21, “La partita del secolo. Italia–Germania 4 a 3”, Solferino) è intervistato da Antonio Di Bella direttore di Rainews24 con il vice campione del Mondo 1970 e centrocampista azzurro in Italia-Germania Giancarlo 'Picchio' De Sisti e Cristiana Pedersoli, figlia di Bud Spencer (ore 22.30, “Bud. Un gigante per papà”, Giunti) conversa con il giornalista e conduttore tv Tiberio Timperi e con il presidente della Quadriennale d’Arte Umberto Croppi. Sabato 29 agosto sono attesi i magistrati Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte (ore 19, “Lo Stato illegale. Mafia e politica da Portella della Ginestra ad oggi”, Laterza) che conversano con Nando dalla Chiesa. Sabato è anche la giornata del Premio Andrea Barbato per il Giornalismo assegnato al giornalista Rai Giorgio Zanchini: il Premio verrà consegnato alle 21.00 sul palco di piazza XX Settembre, subito dopo aver presentato con Lorenzo Pavolini di Rai Radio 3 il suo ultimo saggio su cultura e informazione (“Cielo e soldi” Aras). Chiude il fotografo e pubblicitario di fama internazionale Oliviero Toscani (ore 22.30, “Caro Avedon. La fotografia in 25 lettere ai grandi maestri”, Solferino) intervistato da Alessandra Longo. Domenica 30 agosto la giornata conclusiva è affidata al compositore, direttore d’orchestra e pianista Giovanni Allevi (ore 19, “Revoluzione”, Solferino) che conversa con Massimo Sideri del Corriere della Sera, e al maestro del genere fiction/non-fiction, lo storico Valerio Massimo Manfredi (ore 21, “Antica Madre”, Mondadori).

Il Premio Passaggi, assegnato ogni anno a personalità autorevoli del panorama culturale e civile italiano, per il 2020 è stato conferito all'editore Nicola Crocetti, grecista di fama e fondatore della rivista “Poesia”. A lui è dedicato l’incontro di Passaggi diVersi che chiuderà l’intera manifestazione, domenica 30 alle 22 alla Chiesa di San Francesco, al quale partecipano Antonio Troiano, responsabile del settimanale del Corriere della Sera “La Lettura” e capo redattore Cultura del quotidiano di via Solferino, Roberto Galaverni, critico letterario de La Lettura – Corriere della Sera, e Fabrizio Lombardo, poeta e redattore della rivista di letteratura Versodove. Ma non sarà l’unico momento a lui dedicato: da mercoledì 26 a sabato 29 agosto alle 21 sul palco di piazza XX Settembre, Un minuto di poesia. Omaggio a Nicola Crocetti, con letture dei poeti Francesca Perlini, Franca Mancinelli, Renata Morresi e Vincenzo Bagnoli.

Da giovedì 27 a sabato 29, alle ore 9.30 al Bon Bon Art Cafè del lungomare Lido, Buongiorno Passaggi. Libri a colazione con la giornalista del Corriere della Sera Federica Seneghini (“Giovinette. Le calciatrici che sfidarono il Duce”, Solferino), la docente di Storia all’Università di Bologna Maria Giuseppina Muzzarelli (“Le regole del lusso. Apparenza e vita quotidiana dal Medioevo all'età moderna”, Il Mulino), lo storico ed ex rettore dell’Università di Urbino, Stefano Pivato (“Storia sociale della bicicletta”, Il Mulino), intervistati dalla critica letteraria Carolina Iacucci e da Chiara Grottoli della redazione di Passaggi.

Libri alla San Francesco  - ospitati nell’omonimo suggestivo monumento a cielo aperto - conta sei appuntamenti:  mercoledì 26 agosto il giornalista di Repubblica Marco Bracconi (ore 17.30, “La mutazione”, Bollati Boringhieri) intervistato da Filippo Rosati, presidente dell’associazione Umanesimo Artificiale, e da Fabio Bordignon dell’Università di Urbino; a seguire sarà Bracconi insieme al direttore del festival Giovanni Belfiori ad intervistare Cinzia Sciuto (ore 19, “Non c’è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo”, Feltrinelli); giovedì 27 Pietro Del Soldà (ore 18, “Sulle ali degli amici” Marsilio) conversa con Carolina Iacucci; venerdì 28 Chiara Valerio (ore 18, “La matematica è la politica”, Einaudi) è intervistata da Alessandro Beretta de La Lettura – Corriere della Sera. Gli altri tre incontri saranno condotti da Flavia Fratello de La7 e Tiziana Ragni di Repubblica Live che avranno ospiti, alle ore 21, tre note giornaliste: Costanza Rizzacasa D’Orsogna (giovedì 27, “Non superare le dosi consigliate”, Guanda), Ritanna Armeni (venerdì 28, “Mara. Una donna del Novecento” Ponte alle Grazie) e Simonetta Fiori (sabato 29, “La testa e il cuore. L'amore in trenta storie”, Guanda).

Sempre la San Francesco, alle 22.30, ospiterà la rassegna di narrativa Europa/Mediterraneo, quest'anno dedicata a scrittori di origine straniera che vivono in Italia con un focus sull’Albania. Giovedì 27 apre l'italo-polacca Dagmara Bastianelli (“Il balcone in pietra”, Edizioni Dialoghi), intervistata da Lorenzo Pavolini; venerdì 28 l'italo-albanese Elvis Malaj (“Il mare è rotondo”, Rizzoli) dialoga con Pavolini e Alice Astrella; sabato 29 altri due scrittori albanesi che vivono in Italia: il medico Arben Dedja (“Trattato di medicina” Vague edizioni) e Durim Taci (“Extra Time”, Mimesis Edizioni) in conversazione con Jessica Chia de La Lettura - Corriere della Sera e alla presenza dell’ambasciatore albanese Anila Bitri Lani e dell’addetta culturale dell’ambasciata Ledia Mirakaj.

 “Passaggi di Benessere” con due volumi pubblicati da Aboca Edizioni, alle 18 alla San Francesco: il primo sabato 29 agosto con Erika Maderna (“Con grazia di tocco e di parola - La medicina delle sante”) intervistata da Loredana Lipperini di Radio 3, il secondo domenica 30 con il poeta e scrittore Tiziano Fratus (“Sogni di un disegnatore di fiori di ciliegio”) che conversa con Antonio Riccardi, poeta e direttore editoriale di Aboca.

Lo spazio per i giovani è ai giardini del Pincio con Fuori Passaggi, dedicato a musica e social, e Passaggi fra le Nuvole, ai graphic novel: tutte le sere alle 21.30, sabato doppio appuntamento. Giovedì 27 salirà sul palco il direttore artistico di Radio Dj Linus (“Fino a quando” Mondadori) che converserà con il dj e critico musicale Luca Valentini. Venerdì 28 ci sarà il cantautore Giovanni Truppi (“Cinque” Coconino Press) con gli illustratori Antonio Pronostico e Fulvio Risuleo. Sabato 29 Ema Stokholma (“Per il mio bene” Harper Collins) e a seguire la performance live della band Meganoidi nell’ambito della presentazione del libro della giornalista musicale Francesca Amodio (ore 22.30, “L’Osteria del Palco” Polaris) a cui parteciperà il patron del MEI- Meeting delle etichette Indipendenti Giordano Sangiorgi insieme a Ivana Stjepanovic del MEI, la quale conduce anche l’incontro di chiusura, domenica 30 agosto, con il collettivo satirico più amato del web, Il Terzo Segreto di Satira (“La paranza dei buonisti” Longanesi”). Al critico di fumetti Alessio Trabacchini il compito di conversare con gli ospiti di Passaggi fra le Nuvole: giovedì 27 Gianluca Costantini (“Libia” Mondadori) presenta l’ultima sua opera di graphic journalism, venerdì 28 agosto l’appuntamento è con l’illustratrice Claudia Palmarucci (“Marie Curie” Orecchio Acerbo), sabato 29 un protagonista della scena del fumetto europeo, Filippo Scòzzari (“Lassù no” Coconino Press) e domenica 30 chiude il fumettista Michele Petrucci (“L’insaziabile” Coconino Press).

Alla Mediateca Montanari Memo, alle 18, gli eventi per i più piccoli. Alla rassegna Piccoli asSaggi, la Saggistica per diventare grandi, curata dalla direttrice del Sistema Bibliotecario di Fano Valeria Patregnani, si affianca una nuova programmazione di libri filosofici condotta dalla giovane filosofa Ippolita Bonci Del Bene. Dedicati alla scienza del pensiero gli appuntamenti di giovedì 27 con Simonetta Tassinari (“S.O.S. Filosofia” Feltrinelli Kids) e venerdì 28 con Armando Massarenti (“Socrate, quell’adorabile rompiscatole” e “Platone e l’uomo invisibile” ELI La Spiga Edizioni). Gli animali saranno invece i protagonisti degli incontri di Piccoli Assaggi grazie a Marina Marinelli (“Prendere il volo” Topipittori), sabato 29 agosto, e a Claudia Fachinetti (“Ninna il piccolo riccio con un grande cuore” Piemme – Il battello a vapore), domenica 30.

Alla Memo anche due lezioni di Saper Fare: dalle 17 alle 19, sabato 29 Lorenzo Pavolini, direttore Scuola Passaggi, su ‘Scrivere. Da dove cominciare’ e a seguire Gianluca Sposito, avvocato e scrittore, su ‘Imparare la retorica (senza essere… retorici)’; Sposito presenta, insieme al giornalista Dante Leopardi, anche il volume “Quanto siamo retorici. Libera l’oratore che è in te” (Intra).

Domenica 30 agosto, sempre alla memo dalle 17 alle 19, appuntamento con Futuropresente - Incontri dialoghi e visioni sulle nuove tecnologie: una conversazione con Stefano Da Empoli (Presidente i-Com Istituto per la competitività, Università della Tuscia) autore di “Intelligenza artificiale: ultima chiamata” (Egea - Università Bocconi), Mario Mantovani (Presidente Cida Manager italiani) autore de “Il lavoro ha un futuro anzi tre” (Guerini), Paolo Dello Vicario (Ceo ByTek Marketing) e Michele Loreti (Università di Camerino).

Dalla collaborazione con l’Università di Camerino nascono i laboratori per bambini e i seguitissimi appuntamenti di Calici di Scienza. Tutti i pomeriggi da giovedì 27 a sabato 29, alle 16.30 alla Memo, laboratori di chimica e di informatica per bambini dai sei ai dodici anni tenuti da ricercatori e docenti di UniCam. Alle 18.30 alla Sala da tè L’Uccellin bel verde, Calici di Scienza, conversazioni con aperitivo offerto ai partecipanti. Protagonisti i docenti dell’Università: giovedì 27 Pippo Ciorra, senior curator per l’architettura al MAXXI di Roma (Istruzioni per non restare senza architettura); venerdì 28 l’informatica Barbara Re (Tre storie di donne scienziato: una per ricordare, una per comprendere e una per costruire); sabato 29 la biologa Stefania Scuri (L’Acqua: per ricordare, per comprendere e per costruire); e infine domenica 30 chiude l’informatico Michele Loreti (Scienza è Gioco).

Tre le esposizioni della sezione Arti Visive tra pittura, fumetto e fotografia visitabili dal 26 agosto al 27 settembre. La mostra principale, “Strip o no?”,  è dedicata a un grande illustratore italiano, Giacinto Gaudenzi, le cui opere saranno ospitate negli spazi della Memo (inaugurazione mercoledì 26 agosto alle 18.30). La pittrice Veronica Chessa porta all’Enoteca Terra, in centro storico, un lavoro inedito dal titolo “Identità mascherata”, mente la Centraledicola di piazza Amiani ospita le fotografie di Alessandro Santi e i testi di Massimo Bini curati da Marcello Sparaventi per Centrale Fotografia in collaborazione con AF News.

Passaggi in Teatro propone “La caduta della Luna”, pièce teatrale su Leopardi e Fellini 'lunari' prodotta da Passaggi Festival, con regia, soggetto e sceneggiatura di Carolina Iacucci e tre giovani attori protagonisti (Irene Guidi, Tommaso Rizzitelli, Sebastiano Valentini). Appuntamento di chiusura della prima giornata del festival, mercoledì 26 alle 22.30 alla San Francesco.

Tornano, infine, anche le visite guidate a cura di Manuela Palmucci. Da mercoledì 26 agosto a sabato 29 alle 18 in giro per Fano alla scoperta delle botteghe della tradizione, dei luoghi e dei monumenti di Passaggi in Città (pubblicazione del festival), del centro storico e per i più piccoli una visita in bicicletta vietata ai maggiori di 14 anni.

Programma sempre aggiornato su: www.passaggifestival.it


Passaggi Festival - Fano

TIBERIO TIMPERI A PASSAGGI FESTIVAL

Intervista Cristiana Pedersoli che presenta un libro dedicato alla figura del padre Bud Spencer. Un ritratto personale dedicato alla vita di uno degli attori più amati dal pubblico

Un nuovo nome si aggiunge alla nutrita lista degli ospiti di Passaggi Festival della Saggistica in programma a Fano, nelle Marche, dal 26 al 30 agosto. È quello di Tiberio Timperi, giornalista e conduttore televisivo apprezzato ed amato dal grande pubblico che salirà sul palco di piazza XX Settembre per conversare, insieme a Umberto Croppi - presidente della Quadriennale d’Arte di Roma e direttore di Federculture – con Cristiana Pedersoli, autrice di un libro su suo padre Bud Spencer (“Bud. Un gigante per papà”, Giunti) che verrà presentato nella sezione Grandi Autori venerdì 28 agosto alle 22.30.

Tiberi – tifoso come Bud della Lazio – accompagnerà l’autrice nel raccontare le avventure, gli amori e le passioni della vita smisurata di un uomo che  è stato uno degli attori più amati dal suo pubblico, al quale diceva sempre di dovere tutto. Un ritratto familiare, personale, estremamente vivido e coinvolgente, ricco di aneddoti, dedicato da una figlia ai suoi figli e ai tanti fan che ancora lo adorano.

Un successo che ha travalicato i confini nazionali - nel 1999 la rivista Time lo ha collocato al primo posto fra gli attori italiani più famosi al mondo – dalla Cina agli Stati Uniti, dall’Europa all’America del Sud. In Germania è ancora oggi un vero mito. Lo conoscono da quando era Carlo Pedersoli, il campione di nuoto che il 9 luglio 1951 durante un bilaterale Germania-Italia vinse i 100 metri stile libero e fu il primo nuotatore in assoluto sul suolo tedesco a nuotare la distanza in meno di un minuto: dal 2011, in una cittadina a 50 km da Stoccarda, la piscina di quel record porta il suo nome. Alla sua morte, il 27 giugno 2016, l’allora ministro della Giustizia tedesco, Heiko Maas, lo ricordò come “un eroe assoluto della mia infanzia” e l’anno dopo le Poste tedesche lo hanno onorato con una serie limitata di francobolli esauriti in 24 ore. In Ungheria, a Budapest, gli hanno dedicato un parco pubblico, una birra, uno straordinario ritratto su un grande muro, una statua in bronzo di due metri, un libro e un documentario su uno dei suoi più famosi personaggi, Piedone lo sbirro. In quel paese è davvero amatissimo anche perché i suoi film negli anni della dittatura erano il simbolo di una libertà accessibile mentre i western americani venivano censurati.

Il libro racconta inoltre tanti episodi della vita avventurosa di Carlo Pedersoli prima che incontrasse il cinema, che diventasse Bud Spencer a 37 anni. Nuotatore, poi pugile, fece i lavori più disparati, progettò un rimorchiatore che divenne una casa vacanze per la famiglia, fece il chimico in Venezuela, entrò in contatto con gli sciamani dell’Amazzonia, fu bagnino in un grand hotel di Caracas, studiò chimica e giurisprudenza ma per poco non raggiunse mai la laurea.

“Lui diceva sempre – racconta la figlia Cristiana - di non essere un attore. Dopo molti anni ho capito il senso di quella frase: sul set non interpretava nessun personaggio, era esattamente come era nella vita.”


di Giovanni Belfiori
direttore Passaggi Festival della Saggistica

Meglio rivelarlo subito: il tema di questa ottava edizione di Passaggi Festival, “Leggere per ricordare, comprendere, costruire” non è quello che avevamo pensato prima dell'epidemia. La parola chiave individuata non era “leggere”, bensì “identità”. Poi, dopo il termine del lockdown, abbiamo ragionato su ciò che era accaduto. Ci lasciamo dietro un tempo strano, fatto di difficoltà, di incertezze, ma soprattutto fatto di una lunga, estenuante, a volte stressante, preoccupata attesa.

Ecco 'attesa' è la parola chiave del tempo che abbiamo vissuto, ma contemporaneamente 'attesa' è anche la motivazione e la parola chiave di ogni lettura.

L'attesa del lettore, innanzitutto. L'attesa per come finirà un romanzo, l'attesa di terminare un saggio e comprendere appieno un fatto storico. E poi l'attesa del personaggio letterario: l’attesa del commissario Maigret incerto sugli indizi che ha davanti, l'attesa angosciata del naufrago Robinson Crusoe che si interroga su dove sia finito, l'attesa di Odisseo alla ricerca della rotta verso Itaca, l'attesa infinita del Conte di Montecristo rinchiuso nella prigione del Castello d'If o quella snervante e surreale di Joseph K davanti a un processo in cui non sa di cosa sia accusato.

Qui, invece, nel periodo di isolamento, ci siamo trovati a vivere un'attesa vissuta sulla nostra carne, un'attesa di dolore, a volte perfino di morte, quasi sempre di paura.

Ci sono state, dunque, negli stessi giorni dell'epidemia, due attese. Una contro l'altra. E l'attesa letteraria ci è servita per contrastare quella reale, che abbiamo vissuto con trepidazione, nervoso, stress. E qui è stata la salvezza del lettore nei confronti di chi lettore non è. Il lettore ha avuto dalla sua un'arma pacifica e potente: il libro. Chi non legge, si è trovato immerso nell'attesa imposta dalla malattia dilagante. Chi legge, ha opposto all’attesa della l’attesa della lettura.

Ragionando sull'ambiguità della parola 'attesa', è nato il tema dell'edizione: leggere, il verbo migliore per esprimere il tempo trascorso. Leggere ha rappresentato la nostra salvezza. Chi ha avuto la forza, la voglia, la capacità di leggere, ha avuto una carta in più. Abbiamo letto per vivere altrove, per fuggire ai numeri dell'epidemia, per sognare, per evadere senza violare leggi e dpcm. Oggi dovremmo leggere anche per comprendere meglio il presente e progettare il futuro, senza l'illusione di affidarci alle "magnifiche sorti e progressive", ma con la consapevolezza che nei libri possiamo trovare, magari qua e là, magari ogni tanto, quella forza e quella speranza che ci consentono di superare le asperità. Leggere è sempre una condizione di libertà, o perché ci libera dal presente o perché ci aiuta a costruirne uno migliore; a volte serve per fare entrambe le cose, ed è ciò di cui avremmo bisogno oggi.

    bollicine nel chiostro


    News Evento

    Leggi anche


    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.