sfondo endy
Agosto 2020
eventiesagre.it
Agosto 2020
Numero Evento: 21018621
Eventi Culturali
Incontro Con Miriam Mafai
Date:
Dal: 24/02/2009
Al: 24/02/2009
Dove:
Logo Comune
via de' Cerretani 30r
Toscana - Italia
Contatti
Telefono: tel.0552382652
Fonte
Cinzia Zanfini
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
fiaccadori-300x250 proc

Incontro Con Miriam Mafai - Firenzemartedì 24/02/2009 ore 18:00
la Feltrinelli Libreria
via de' Cerretani 30r-Firenze

INCONTRO CON
MIRIAM MAFAI

Miriam Mafai racconta la storia delle donne che hanno vissuto gli anni del «pane nero», quelli del secondo conflitto mondiale, che le videro balzare al ruolo di capofamiglia e di uniche vincitrici della guerra perduta. La fame e la guerra spinsero tante donne fuori casa, le obbligarono a cercarsi un lavoro, a prendere decisioni, ad aiutare coloro che sparavano, o a sparare loro stesse, a uscire dal ruolo che gli era stato affidato dal fascismo e dalla Chiesa, di "moglie e madre esemplare". E una volta vissuta, la "trasgressione" rivelò l'esistenza e la possibilità di percorsi individuali sconosciuti. È così che la necessità diventò per molte una scelta, una cosciente assunzione di responsabilità, un nuovo modo di essere donna e persona. Dopo un periodo di assenza Pane nero torna finalmente sugli scaffali delle librerie grazie all'editore Ediesse. Abbiamo invitato Miriam Mafai presentarlo insieme a Rossella Martina.


Incontro Con Miriam Mafai - Firenze

Miriam Mafai

PANE NERO

Donne e vita quotidiana nella seconda guerra mondiale

Miriam Mafai racconta la storia delle donne che hanno vissuto gli anni del «pane nero», quelli del secondo conflitto mondiale, che le videro balzare al ruolo di capofamiglia e di uniche vincitrici della guerra perduta. La fame e la guerra spinsero tante donne fuori casa, le obbligarono a cercarsi un lavoro, a prendere decisioni, ad aiutare coloro che sparavano, o a sparare loro stesse, a uscire dal ruolo che gli era stato affidato dal fascismo e dalla Chiesa, di "moglie e madre esemplare". E una volta vissuta, la "trasgressione" rivelò l'esistenza e la possibilità di percorsi individuali sconosciuti. È così che la necessità diventò per molte una scelta, una cosciente assunzione di responsabilità, un nuovo modo di essere donna e persona.

Con la forza evocativa di un maestro neorealista, Miriam Mafai ricostruisce la vita quotidiana di questo esercito femminile: madri, mogli, ragazze, operaie, mondine, borghesi e principesse, ebree e gentili, fasciste e partigiane, «pescecane» e borsare nere. Ne nasce un'epopea che ha come scenario le città bombardate, le campagne percorse dalle fanterie di tutti gli eserciti, Roma, città aperta.

Miriam Mafai

Nata a Firenze nel 1926, ha partecipato alla resistenza antifascista a Roma nelle file del Pci. Dopo la Liberazione ha continuato la sua attività politica e dal 1951 al 1956 è stata assessore al Comune di Pescara. Nel 1957 è stata a Parigi come corrispondente del settimanale «Vie Nuove», nel 1960 a «l'Unità» come redattore parlamentare.

Direttore di «Noi Donne» dal 1965 al 1970, è passata poi come inviato speciale a «Paese Sera». Dal 1983 al 1986 è stata presidente della Federazione nazionale della stampa. Dal 1975 è inviato speciale di «la Repubblica». Tra le altre sue opere ricordiamo: L'apprendistato della politica: le donne italiane nel dopoguerra (1979); Il lungo freddo: storia di Bruno Pontecorvo, lo scienziato che scelse l'Urss (1992); Botteghe Oscure, addio:com'eravamo comunisti (1996); Dimenticare Berlinguer: la sinistra italiana e la tradizione comunista (1996); Il sorpasso: gli anni straordinari del miracolo economico, 1958/1963 (1997); Il silenzio dei comunisti/ Vittorio Foa, Miriam Mafai, Alfredo Reichlin (2002); Diario italiano, 1976/2006 (2006).



    News Evento

    Leggi anche


    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.