sfondo endy
Ottobre 2019
eventiesagre.it
Ottobre 2019
Numero Evento: 21105978
Eventi Festival
Festival Della Biodiversità
13^ Edizione
Date:
Dal: 12/09/2019
Al: 24/09/2019
Dove:
Logo Comune
Lombardia - Italia
Contatti
Tel.: 02.2410161
Fonte
Stampa Cineteca Milano
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
eventiesagre-maestri del gioiello

Festival Della Biodiversità

13^ Edizione

Da Giovedì 12 a Martedì 24 Settembre 2019 -
Parco Nord - Milano (MI)

Festival Della Biodiversità - Milano

Ascolta le voci della Terra

XIII EDIZIONE 12.09 – 24.09 2019

Dal 12 al 24 settembre 2019 Parco Nord Milano organizza la 13° edizione del Festival della Biodiversità, entrato ormai nelle abitudini settembrine dei milanesi.

La manifestazione nazionale, celebre per i temi della natura e della sostenibilità, quest’anno si ispira ai valori stabiliti dall’UNESCO, che ha proclamato il 2019 ”Anno internazionale delle lingue indigene” con l’obiettivo dichiarato di “preservarle, tutelando i diritti e il benessere di chi è in grado di tenerle in vita”.

Per tredici giorni il Festival diventa una finestra sul mondo delle lingue native attraverso le tante iniziative in programma capaci di valorizzare l’unicità dei loro contesti naturali e di concentrare l’attenzione sui linguaggi della natura, e sulle relazioni che le popolazioni indigene instaurano con gli elementi naturali.

Da anni il Festival propone un percorso interculturale a più voci, lontano da forme facili di sensibilizzazione e consapevolezza. Quest’anno il cammino parte dalle voci della Terra legate tra loro da corde primordiali.

Si tratta di un viaggio che offre al grande pubblico gli eventi più amati e diventati ormai essenza stessa del Festival, come i tanti laboratori per bambini e le loro famiglie con proposte di letture e passeggiate nella natura, di girono e di notte; i mercati dei piccoli produttori scelti da Slow Food; i workshop per adulti a tema naturalistico o artistico per un programma di tredici giorni di intense attività. Torna anche “Fino alla fine della notte”, lo speciale sleeping concert a cura del complesso Enten Hitti, uno dei più originali gruppi di ricerca musicali italiani, che quest’anno propone un concerto meditativo condotto da Juri Camisasca, cantautore, musicista, mistico, collaboratore di Franco Battiato, autore di canzoni per Alice, Giuni Russo, Milva.

Il Festival negli anni ha saputo far proprio anche il linguaggio del teatro e le sue grammatiche. L’arte si riappropria così dei suoi spazi, come il Teatrino Breda -  testimone di spettacoli dove il teatro si fonde con la natura – e ne inventa di nuovi come il Lago di Niguarda.

Accade quindi che la natura diventi un’estensione dell’azione teatrale, e non semplice scenografia. Ed è ciò che avviene in tutti gli spettacoli in programma scelti dalla direttrice artistica Lorenza Zambon: Berta. Canto alla terra. Una narrazione lirica di Teatro Nudoecrudo, un inno in difesa del pianeta affidato alla voce potente  dell’attivista Berta Caceres, leader dell’etnia Lenca; le Otto Montagne di Minima Theatralia, trasposizione teatrale dell’omonimo romanzo di Paolo Cognetti; Emigranti di Faber Teatro, un viaggio teatrale e musicale alla scoperta di nuove terre e antiche culture; Quattro passi per sgranchirsi l’anima, con la leggerezza che solo Antonio Catalano da trasmettere; Miti di Stelle di O Thiasos TeatroNatura, diretto da Sista Bramini e tratto dalle Metamorfosi di Ovidio; Il Paese che non c’è di Ura Teatro e Gigi Gherzi sull’epopea del popolo curdo; Zanna Bianca con Francesco D’Elia, liberamente ispirato ai romanzi e alla vita avventurosa di Jack London.

In questo viaggio tra le culture e i grandi ecosistemi del mondo accade che le voci più lontane si mescolino anche con il cibo. Ed ecco allora nascere il MEET-NIC, un grande e partecipato pic-nic biodiverso in cui i partecipanti condividono pietanze delle proprie origini, e dove cibo diventa mediatore tra lingue diverse, per incontrarsi tra sconosciuti e comunicare per comprendersi.

Presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema, il festival propone la rassegna La lingua misteriosa del cinema, un viaggio in otto film dalle origini della lingua sino alle culture e alle popolazioni che la globalizzazione sta scartando. Non mancherà una proiezione per i più piccoli con il film d’animazione I primitivi (Nick Park, 2018), che racconta le avventure di una bizzarra tribù dell’Età della Pietra.

Il Festival della Biodiversità non abbandona il linguaggio della divulgazione scientifica che ne contraddistingue gli incontri, mescolato quest’anno da quello più antropologico. Infatti a partire dall’incontro di apertura, si rende evidente da un lato la distinzione del concetto di biodiversità in natura e in ambito culturale; dall'altro il nesso tra biodiversità culturale e etnolinguistica, senza che una posizione ideologica a tutela degli ecosistemi e delle specie in via d’estinzione alimenti il falso mito di un "buon selvaggio".

I luoghi del Festival continuano a intrecciarsi ai luoghi della cultura del Parco: la Cascina Centro Parco, innanzitutto, cuore pulsante del festival, che ospita un museo interattivo La Casa del Parco, lo Spazio-Mostra Tropical Experience e i Bunker Breda; ma anche il Museo Interattivo del Cinema, le serre di Villa Lonati, Oxy.gen a Bresso, l’OrtoComune di Niguarda, il Lago di Niguarda, il Bunker dell’Aeroporto, il Teatrino Breda e Villa Torretta,  dove si svolge la consueta giornata inaugurale.

INFO
www.festivalbiodiversita.it
prenotazioni@festivalbiodiversita.it
T 02.2410161 – 02.241016232
Facebook Twitter @ParcoNordMilano

Debora Vella


Festival Della Biodiversità - Milano

13. edizione
FESTIVAL DELLA BIODIVERSITA'
Rassegna cinematografica

La lingua misteriosa nel cinema: 8 film per raccontare un mondo perduto

Dal 21 al 24 settembre 2019

All'interno della 13° edizione del Festival della Biodiversità, entrato ormai nelle abitudini settembrine dei milanesi, il MIC - Museo Interattivo del Cinema presenta una rassegna di titoli a tema ambientale ispirati ai valori e agli intenti stabiliti dall'ONU che ha proclamato il 2019 Anno Internazionale delle Lingue Indigene

Il cinema, quello più sperimentale, ha spesso tentato di raccontare attraverso le immagini lingue, popolazioni, culture in via di estinzione. La rassegna La lingua misteriosa del cinema - 8 film per raccontare un mondo perduto è un lungo percorso dalle origini della lingua, con i film Otzi – L’ultimo cacciatore (Felix Randau, 2017) e Il primo Re (Matteo Rovere) , ma è anche un viaggio nelle culture che la globalizzazione sta eliminando, come vedremo in Tanna (Bentley Dean, Martin Butler, 2015) e Apocalypto (Mel Gibson, 2006).

Infine con il documentario Stella Polaris Ulloriarsuaq (Yatri N. Niehaus, 2017) ci avviciniamo, oltre che all’idioma degli Inuit, al dramma del cambiamento climatico e la fine di una cultura, tutti segnali utili per capire quanto è importante la difesa delle lingue del mondo e della biodiversità.

Non mancherà anche una proiezione per i più piccoli con il film d’animazione I primitivi (Nick Park, 2018), che racconta le avventure di una bizzarra tribù dell’Età della Pietra  utilizzando la tecnica della stop-motion.

Da non perdere, inoltre, l'evento speciale a cura di Slow Food, Cibo & riti delle minoranze linguistiche storiche d'Italia, che si terrà sulla Terrazza MIC martedì 24 settembre alle ore 18: si parlerà delle tradizioni gastronomiche delle comunità italiane di lingua occitana, slovena, croata, griki e sarda, indagate e interpretate alla luce del profondo nesso che le unisce al tempo festivo e rituale. Alla conferenza seguirà una degustazione in terrazza.
Ingresso unico € 5,00 con prenotazione obbligatoria telefonando in giorni e orari d'ufficio allo 0287242114 o scrivendo a info@slowfoodnordmilano.it
 
*****

IL CALENDARIO DEI FILM
 
Sabato 21 settembre
h 15.00 Otzi – L’ultimo cacciatore
Felix Randau, Germania/ Italia/Austria, 2017, 97’. Int.: Jürgen Vogel, Susanne Wuest.
Più di 5300 anni fa un uomo e il suo clan vengono attaccati. L'unico a sopravvivere è un neonato che merita vendetta.
 
h 17.00  Apocalypto
Mel Gibson, USA, 2006, 139’. Int.: Rudy Youngblood, Dalia Hernandez.
L'impero dei Maya è in declino e un popolo invasore sta distruggendo i fasti dell'antica civiltà. Un uomo, Zampa di Giaguaro, tenterà l’ardua impresa di salvare se stesso, la sua famiglia e il suo popolo.
 
Domenica 22 settembre
h 15.00 I primitivi - Early Man
Nick Park, UK/Francia, 89’, animaz.
Dug il cavernicolo vive nella foresta con la sua tribù, ancorata allo stile di vita dell'Età della pietra, finché un gruppo di guerrieri già entrati pienamente nell'Età del bronzo scaccia tutti loro nelle aride Badlands.
 
h 17.00 Stella Polaris Ulloriarsuaq
Yatri N. Niehaus, Germania/Danimarca, 2017, 86’.
Un progetto artistico sito in Groenlandia che coinvolge i media della fotografia e del cinema per raccontare una tematica oggi sempre più scottante: il surriscaldamento globale. Imponenti e silenziosi, questi monti frastagliati si ergono come simbolo del surriscaldamento globale e creano un ponte per la consapevolezza tra arte, cultura e scienza.
 
h 19.00 Tanna
Bentley Dean, Martin Butler, Australia, 2015, 104'. Int.: Mungau Dain, Marie Wawa.
Ispirato a una storia vera: nel 1987 due giovani, Wawa e Dain, si ribellarono per primi alla secolare tradizione dei matrimoni combinati a Vanuatu, nel Pacifico meridionale.
 
Martedì 24 settembre
h 17.00 Su Re
Giovanni Columbu, Italia, 2012, 80’. Int.: Fiorenzo Mattu, Pietrina Menneas.
La Passione di Gesù, raccontata attraverso passi dei quattro Vangeli, letti sinotticamente e affidati ad attori non professionisti, sullo sfondo di una Sardegna rurale e non contaminata dalla modernità.

h 18.00 Cibo e riti delle minoranze linguistiche storiche d’italia
Conferenza a cura di Slow Food Nord Milano 
A seguire
Visioni di Sardegna
Gavino Gabriel, Italia, 1932, 12’.
Un documentario costituito da quattro brevi filmati, una sorta di sinfonia visivo-musicale, in cui si alternano intensi primi piani, immagini di ambienti sardi e scene ricostruite appositamente per le riprese (a metà strada tra realismo e teatralizzazione), il tutto tenuto assieme dall’intreccio tra le registrazioni di musiche tradizionali e una colonna sonora orchestrata dallo stesso Gabriel.
A seguire
Degustazione Sarda e festa in terrazza
Ingresso unico € 5,00
Prenotazione obbligatoria telefonando in giorni e orari d'ufficio allo 0287242114 o scrivendo a info@slowfoodnordmilano.it


h 21 Il primo Re
Matteo Rovere, Italia/Belgio, 2018, 127’. Int.: Alessandro Borghi, Alessio Lapice.
Una storia senza tempo di amore, sangue e conflitto: quella dei mitici fratelli Romolo e Remo.

Stampa Cineteca Milano



News Evento

Leggi anche


Data ultimo aggiornamento pagina 2019-09-19 15:04:18
Inserito da Michela Gesualdi
Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.
eventiesagre-maestri-del-gioiello