sfondo endy
Dicembre 2021
eventiesagre.it
Dicembre 2021
Numero Evento: 21189118
Teatro Teatro
Non Rassegnamoci
1^ Edizione
Date:
Dal: 22/10/2021
Al: 22/10/2021
Dove:
Logo Comune
C.so Brescia, 77
Piemonte - Italia
Contatti
Fonte
Ufficio Stampa
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
fiaccadori-300x250

Non Rassegnamoci

1^ Edizione

Venerdì 22 Ottobre 2021 - dalle ore 21:00
Teatro Q77 - C.so Brescia, 77 - Torino (TO)

Non Rassegnamoci - Torino

“AMARSIAMORSI”
Prima edizione di “Non RASSEGNAmoci”
“PATHOS – DALL'INDIVIDUO ALL'ASSOLUTO”
22 OTTOBRE – ORE 21
Teatro Q77 di Torino (C.so Brescia 77).

Venerdì 22 ottobre alle ore 21 presso il Teatro Q77 di Torino - per la prima edizione di “Non RASSEGNAmoci - Pathos: dall'individuo all'assoluto” - sul palco lo spettacolo “AMARSIAMORSI” della Compagnia “Biloura Collective” che ha già ricevuto uno “Special Mention Award for a Performance by International Artist al BANGKOK THEATRE FESTIVAL del 2018. Regia di Silvia Ribero e  Angie Rottensteiner, aiuto regia di Vita Malahova, musiche di Angie Rottensteiner, partiture fisiche di Silvia Ribero, costumi e scenografie di Francesco Balbusso, Tina Polimeni, Silvia Ribero e luci di Oscar Rositani.

Ingresso 12€, ridotto 10€.  Per chi fosse interessato, possibilità di cenare con la formula apricena a 8 euro. Servizi bar disponibile in sala.
Info e prenotazioni: info@qsettantasette.com / Tel. 335/8366084.

LO SPETTACOLO “AMARSIAMORSI”
"Il vento è disegnato dai petali del susino che cadono leggeri" (Pia Pera)

Special Mention Award for a Performance by International Artist
BANGKOK THEATRE FESTIVAL 2018 – Tailandia

Due donne dalle esistenze in bilico si muovono sullo sfondo delle migrazioni di oggi e di sempre. Hanno bagagli diversi e diversi orizzonti, si incontrano e si amano come possono, a metà strada. Si muovono tra amore, morte, passione, violenza e speranza. Per cercare, per trovare, per lasciar andare la vita. Il loro amore è un giardino segreto, un giardino che è il luogo dell’esistenza, finalmente, la loro, dove fermarsi insieme, dove fiorire. Ma anche metafora della vita stessa e dei suoi conflitti, talvolta amaramente irrisolvibili, narrando la brutalità e la poesia del trovarsi e del perdersi.

AMARSIAMORSI è uno spettacolo che riflette sulle attuali migrazioni in Europa, sull’amore tra due donne, sulla difficoltà di affrontare la perdita. Uno spettacolo di paesaggi evocati dal canto, di storie narrate attraverso dialoghi gestuali, di messaggi portati dalle immagini. Uno spettacolo dai linguaggi misti, ibridati, che tocca diversi generi oltrepassandoli: teatro danza, teatro musicale, teatro visivo e teatro d‘attore.

Lo spettacolo è ispirato alle riflessioni sulla vita e la morte offerte dall’autrice italiana Pia Pera nel libro “Al giardino ancora non l’ho detto” e alla storia vera di un richiedente asilo nigeriano – incontrato in Italia attraverso il progetto ODI – perseguitato in patria per la propria omosessualità. AMARSIAMORSI è inoltre figlio di EFFIMERIA: progetto triennale di ricerca transdisciplinare e interculturale sul tema della morte, sviluppatosi tra Brasile e Italia. Il progetto ha organizzato molteplici performance, attività artistiche e culturali in cooperazione con enti di ricerca e artisti di vari settori.

Recensione Prof.ssa Laura Mariani, docente di Storia dell'Attore al DAMS di Bologna:
Due artiste in scena in una danza trattenuta, un filo narrativo minimale, un grande tema: il modo con cui ognuno di noi si rapporta alla morte. Una situazione beckettiana anche grazie all’alberello portato in scena, ma un Beckett letteralmente fiorito, per quei fiori cuciti sulla stoffa, che danno alla morte i colori che ha in tanti paesi dell’America Latina, e per la delicatezza con cui la morte entra in relazione con l’amore.

Recensione Federica Amatuccio, direttrice artistica del PoverArte Festival - Sezione Teatro:
Elegante, poetico, delicato. Amarsiamorsi è un susseguirsi costante di questi tre aggettivi. Le due protagoniste, attraverso un raffinato arco narrativo, intrecciano una storia d’amore basata sul silenzio e sugli sguardi rubati. Questo gioco di seduzione porta ad un confronto diretto con la Morte: una Morte che ha il corpo di una bella donna e il volto della tradizione. La scena è nuda, un albero bianco nella sua semplicità domina lo spazio e scandisce lo scorrere del tempo. AMARSIAMORSI è un delicatissimo quadro rinascimentale.

Review by Bangkok Theatre Festival critic Greek Piroonluk:
AMARSIAMORSI epitomizes the saying that goes “theatre is the world on stage.” The show bursted with meanings due to stellar artistic execution and presentation. Each prop was intentionally introduced, as though the props themselves were characters on stage. The two actresses created this masterpiece as one, there are no words for describing their partnership on stage. This performance explores death, love, blooming and suffering. Occasionally, we can sense the emergence and disintegration of beauty as well as the uncertainty of life simultaneously. Grow flowers and let them bloom in your life. Accept that on some days, there will be rain. When that happens, bow down to kiss the clock and keep moving forward.

BILOURA è un collettivo di arti performative composto da artiste/i e intellettuali provenienti da varie culture e discipline, con base in Piemonte. Il suo lavoro di ricerca artistica pone al centro l’interculturalità e la transdisciplinarietà, quali orizzonti e strategie per oltrepassare generi e barriere culturali all’interno della creazione artistica. Dalla sua fondazione, in Valchiusella nel 2013, BILOURA si è configurato vieppiù come soggetto internazionale per la ricerca e la produzione artistica, con particolare attenzione all’innovazione delle forme e dei linguaggi scenici, alle tecniche di regia collettiva, al dialogo interculturale. Il collettivo affronta questioni sociopolitiche contemporanee attraverso progetti transdisciplinari di medio termine; al momento sta lavorando - attraverso i progetti ODI e 5 VOICES FOR 1 - a temi quali la possibilità di una società interculturale, la tratta della prostituzione, l’emarginazione femminile. Il collettivo, inoltre, regolarmente organizza scambi artistici internazionali, quali ad esempio CLASTIC Residency, di cui BILOURA è ente organizzatore col sostegno dell’University College London (UK). Le residenze, gli spettacoli, i seminari e gli eventi culturali di BILOURA circuitano in diversi Paesi del mondo, oltre che localmente in Canavese, seguendo una dinamica g-local.

Gli scopi principali e trasversali di BILOURA sono: innovazione dei linguaggi scenici, delle tecniche drammaturgiche e registiche e della formazione dell’attore in direzione transdisciplinare e interculturale; creazione artistica come azione di dialogo con la contemporanea società globale e multietnica, volta all’avvicinamento tra produzione artistica e realta di emarginazione, quali ad esempio migranti e periferie.

Recentemente:

  • 2021 - organizzatore della rassegna di arti performative Polimorfa 1° ed. 2021, bando CORTO CIRCUITO di Fondazione Piemonte dal Vivo
  • 2020 - vincitore residenza artistica con borsa di produzione all'Asia Culture Center di Gwangju (Corea del Sud) con lo spettacolo "Silent Voices"
  • 2019 - vincitore residenza artistica con borsa di produzione allo spazio di danza contemporanea im_flieger di Vienna (Austria) con la performance FLESH

www.biloura.com

Ingresso 12€, ridotto 10€

Prenotazione obbligatoria tramite il form online che si trova sul sito di Areté Teatro, -  https://www.areteteatro.com/nonrassegnamoci/



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2021-10-11 17:50:15
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.