sfondo endy
Luglio 2022
eventiesagre.it
Luglio 2022
Numero Evento: 21151374
Eventi Vari
Calendario Eventi E Manifestazioni A Alessandria
La Storia Di Alessandria: Da Napoleone A Umberto Eco
Date:
Dal: 28/01/2022
Al: 28/01/2022
Dove:
Logo Comune
Piazzetta Della Lega
Piemonte - Italia
Contatti
Fonte
CulturAl
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
fiaccadori-300x250
dado d'oro

Calendario Eventi E Manifestazioni A Alessandria

La Storia Di Alessandria: Da Napoleone A Umberto Eco

Venerdì 28 Gennaio 2022 -
Piazzetta Della Lega - Alessandria (AL)

Calendario Eventi E Manifestazioni A Alessandria - Alessandria

Il Calendario degli Eventi e delle Manifestazioni ad Alessandria regala sempre opportunità per divertirsi, gustare, imparare qualcosa, grazie alle feste tradizionali, alle sagre, agli appuntamenti culturali, agli spettacoli teatrali e ai concerti che vi svolgono costantemente in città.

 

Da Napoleone a Umberto Eco
Alessandria e la sua storia: un nuovo racconto sui muri della città

Venerdì 28 gennaio in anteprima il suggestivo videomapping nel cuore della città  
https://visitalessandria.it

La storia di Alessandria, i suoi personaggi, i miti e le leggende che ne hanno creato nei secoli l'identità e la cultura, sarà raccontata in anteprima venerdì 28 gennaio, attraverso luci fantasiose, animazioni e immagini suggestive, sui muri dei palazzi della centralissima Piazzetta della Lega.

È il nuovo progetto realizzato dal Comune di Alessandria per far scoprire, con una spettacolare rappresentazione artistica, a turisti e visitatori, le principali vicende che hanno caratterizzato, dalla nascita ai giorni nostri, la secolare storia di Alessandria.    

Il videomapping trasformerà l’intera piazza, scrigno del centro cittadino, in un susseguirsi di  splendidi effetti visivi, che prenderanno vita,  regalando ai visitatori il fascino e la  magia  della storia di una comunità e delle personalità che ne hanno segnato la crescita e l’evoluzione nel tempo.

Il video si apre con una data, il 3 maggio del 1168: è l’anno della fondazione di Alessandria, nome assunto in onore di Papa Alessandro III.  Una pergamena si srotola svelando la mappa dell’allora città e si susseguono i nomi dei territori che intorno all’antico borgo Rovereto, unendosi, diedero vita alla nuova municipalità. “Un’impresa collettiva, lenta e faticosa, come recita lo stesso video, risultato di una collaborazione fra genti diverse, contro un nemico comune: Federico Barbarossa, Imperatore del Sacro Romano Impero”.

E dalla storia si passa alla leggenda, quella del pastore Gagliaudo Aulari, che con uno stratagemma salvò Alessandria dall’Imperatore Barbarossa, facendogli credere che la città avrebbe ancora potuto resistere a lungo all’assedio e convincendolo così a ritirare le sue truppe.

Si ritorna poi alla verità storica e attraverso una serie di dipinti è presentato Papa Pio V, il Papa alessandrino, successivamente proclamato santo, pontefice della controriforma cattolica e della Lega Santa, protagonista della vittoria della battaglia di Lepanto. Proprio quest’anno ricorre il 450° anniversario della morte di Papa San Pio V e la Città di Alessandria, la Diocesi, la Provincia e il Comune di Bosco Marengo, borgo natio dell’unico Papa piemontese, hanno presentato un calendario di iniziative, che si snoderanno per tutto il 2022, per celebrare la ricorrenza.

Il video procede con un altro importante personaggio determinante per la storia di Alessandria.

È Napoleone con la vittoriosa battaglia di Marengo del 14 giugno del 1800, che rese leggendario il condottiero più famoso della Storia, e consacrò Alessandria capitale naturale dell’Italia napoleonica.

A poco più di vent’anni dalla storica battaglia, la città divenne protagonista di un altro celebre momento storico. Il 10 marzo 1821 per la prima volta nel territorio italiano, ancora non definito nei suoi confini, venne issato il Tricolore nella Cittadella di Alessandria, uno dei più grandiosi monumenti europei nell’ambito delle fortificazioni permanenti, costruita dai Savoia nel  XVIII secolo,fra i pochi ancora esistenti in Europa, divenuto un simbolo storico della città.

Nel Risorgimento si inserisce la figura di Santorre di Santa Rosa, anima dell’insurrezione che nell’allora Regno di Sardegna, con Torino capitale del territorio piemontese, diede vita ai primi moti risorgimentali che quarant’anni dopo, portarono alla costituzione del Regno d’Italia. Importante la sua opera Delle speranze degli italiani, dove si tracciavano le linee del rinnovamento politico-culturale che egli auspicava per tutta la penisola.

Sulla scena alessandrina a metà dell’800 compare un altro importante personaggio, che segnò una svolta decisiva nel processo di industrializzazione della comunità. È Giuseppe Borsalino fondatore della storica azienda di cappelli e del marchio, grazie al quale il nome di Alessandria è divenuto famoso in tutto il mondo. Giuseppe è il vero motore dell’azienda che cresce rapidamente grazie alla qualità del prodotto e alla costante ricerca di nuovi mercati, in Europa innanzitutto, ma anche in Sud America, negli Stati Uniti, in Australia e Nuova Zelanda. Celebri i primi cartelloni pubblicitari, realizzati dall’illustratore triestino Marcello Dudovich, un’innovazione anche nel campo della pubblicità commerciale con i primi slogan che richiamano all’unicità e allo stile inconfondibile dei cappelli della Borsalino. Questi sono divenuti un mito per eleganza e qualità, insieme alla storia di una impresa artigianale con intuito imprenditoriale che ha innovato verso l’industrializzazione. Il cappello Borsalino rappresenta un’icona del made in Italy nel mondo grazie anche al cinema e agli innumerevoli divi che l’hanno indossato sul grande schermo. Da Totò e Peppino in “La banda degli onesti” a Jean Paul Belmondo e Alain Delon in “Borsalino” e ancora Humphrey Bogart e Ingrid Bergman in “Casablanca” fino ad Harrison Ford in “Indiana Jones”.

E proprio il cappello Borsalino rappresenta il trait d’union con un altro alessandrino illustre. Umberto Eco nato ad Alessandria il 5 gennaio del 1932, era un semiologo, filosofo e prolifico scrittore, grande osservatore ed esperto di comunicazione e media. Scomparso nel 2016, l’autore de “Il nome della Rosa” e “Il Pendolo di Foucault”, era legato ad Alessandria e la città con discrezione e affetto conserva la sua memoria. Il video si conclude proprio con una sua frase “Raccontare fa rinascere. Narrare significa prendere il mito, la verità di un tempo e, senza tradirla, rimetterla in presa diretta”.

Ed è così che da venerdì 28 gennaio alle ore 18 Alessandria si presenterà a chi vorrà scoprirla, grazie al prezioso lavoro realizzato dalla ditta Proietta s.r.l di Avigliana, conosciuta in tutt’Italia e all’estero per le sue performance artistiche che hanno cambiato il volto e la percezione di tanti luoghi pregevoli. Hanno inoltre contribuito al video mapping il giovane scrittore e illustratore alessandrino Giulio Legnaro  e l’Associazione Culturale “Ombre Rosse”.

Valerio De Luca



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2022-01-27 09:54:51
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.