sfondo endy
Gennaio 2021
eventiesagre.it
Gennaio 2021
Numero Evento: 5283
Eventi Mostre
I Segni Del Potere
realtà e immaginario della sovranità nella Roma imperiale
Date:
Dal: 26/01/2008
Al: 28/07/2008
Dove:
Logo Comune
Veneto - Italia
Contatti
Telefono:
Fonte
meteweekend
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento

I Segni Del Potere - VeneziaI segni del potere: 
realtà e immaginario della sovranità nella Roma imperiale
 
26 gennaio - 28 luglio 2008

Sede:
"I Segni del potere" sono attualmente esposti a Palazzo Grassi a Venezia nella mostra "Roma e i barbari. La nascita di un nuovo mondo".

Orari:
Tutti i giorni dalle 09.00 alle 19.00 (chiusura casse ore 18.00).

Ingresso:
Tariffa intera € 15. Tariffa ridotta € 6. 

Informazioni e prenotazioni:
Prenotazioni e prevendite: dal lunedì al venerdì: 08.00-20.00 (servizio a pagamento) 
Dall'Italia: 899.666.805 Dall'estero: +39 0424 600 458 (fax: +39 0424 464191). 
Onlinewww.vivaticket.it. Commissione 1 euro.

Un’esposizione eccezionale per un ritrovamento archeologico che non ha eguali.
“I Segni del Potere” è il titolo della presentazione degli scettri, delle lance da cerimonia e dei portastendardi imperiali trovati alle pendici del Palatino durante uno scavo condotto dall’Università di Roma “La Sapienza” su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sotto la direzione di Clementina Panella, professore ordinario presso il Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e Antropologiche dell’Antichità.

Scettri e stendardi, simboli del potere dell’antica Roma, erano noti fino ad oggi solo attraverso le fonti iconografiche: dalle monete ai dittici, dai bassorilievi alle pitture di età imperiale. Adesso i preziosi manufatti trovati al Palatino danno valore scientifico alla tradizione.
Il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo alle Terme accoglie questo tesoro con un allestimento progettato per l’evento e pensato come un prezioso scrigno all’interno degli spazi del Medagliere. Qui sono esposti lo scettro con sfera in vetro verde, le due sfere in vetro dorato appartenenti ad un secondo scettro, il globo in calcedonio che, con molta probabilità, rappresenta la Terra ed era sormontato da un’aquila o dalla Vittoria, i quattro portastendardi in oricalco e ferro, e le due lance da parata con punte a sei lame. Un ricco apparato iconografico costituito da monete, dittici d’avorio, cammei e rilievi accompagna la lettura del ritrovamento che viene datato tra la fine del III secolo e gli inizi del IV secolo d.C..

Il luogo del ritrovamento
Lo scavo delle pendici nord-orientali ha restituito un’importante stratigrafia di terre e murature databile dall’VIII secolo a.C. ai nostri giorni e ha riportato alla luce situazioni e oggetti di straordinario valore storico, antiquario e storico. artistico, tra i quali spiccano le insegne imperiali. La fossa che le conteneva è stata scavata in uno dei vani seminterrati di una terrazza appartenente al settore Palatino della reggia di Nerone nota con il nome di Domus Aurea. A differenza di quanto accade altrove i Flavi, succeduti nel 69 d.C. a Nerone, non distruggono le terrazza ma la completano, realizzandovi accanto un tempietto che, affacciandosi sulla piazza dove svettano il Colosseo e la Meta Sudans, occupa l’angolo della pendice palatina. Incluso nel perimetro del palazzo imperiale, questo complesso rappresenta credibilmente la ricostruzione di un più antico santuario, bruciato anch’esso nel 64 d.C. Strettamente legato ad Augusto e alla sua famiglia, è stato identificato in via di ipotesi con le Curiae veteres che le fonti scritte attribuiscono a Romolo, che menziona come terzo vertice del limite sacro (pomerium) della città rotulea e che i Cataloghi Regionari ricordano ancora nel IV secolo d.C. nella X Regio (Palatium). Nonostante i massicci interventi che interessano questo settore urbano nel II e III secolo d.C., il sistema terrazza-santuario mantiene l’aspetto assunto con Flavi e resta in uso almeno sino agli inizi del V secolo d.C.

Datazione e interpretazione del ritrovamento
Per quanto riguarda la datazione, gli strati che coprono la fossa in cui erano riposte le insegne rimandano agli inizi del IV secolo d.C. L’appartenenza ad un imperatore è giustificata non dal singolo reperto, ma dal “corredo” nel suo insieme. Esso doveva essere di norma custodito nei pressi del luogo in cui è stato ritrovato. Alla luce di queste considerazioni non sembra impossibile collegare le insegne con Massenzio e il loro occultamento, fatto eccezionale, con la sua sconfitta e morte nella battaglia di Ponte Milvio del 312 d.C. Tra gli ultimi decenni del III e gli inizi del IV secolo d.C. non vi sono momenti altrettanto cruciali, né nella storia della città, né in quella degli imperatori che esercitano stabilmente il loro potere in Roma e vi periscono tragicamente. Suggestiva è l’attribuzione a questo imperatore-tiranno, che nel rapporto con la Roma più antica cerca la legittimazione al suo potere, e suggestivo che il ritrovamento sia avvenuto in una zona che dalla tradizione scritta e dall’archeologia sappiamo così legati alla Roma delle origini e ad Augusto nella sua immagine di nuovo Romolo e rifondatore dello stato.



    News Evento

    Leggi anche


    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.