sfondo endy
Ottobre 2021
eventiesagre.it
Ottobre 2021
Numero Evento: 21147114
Eventi Festival
Maravee Festival
20^ Edizione
Date:
Dal: 25/06/2021
Al: 22/10/2021
Dove:
Friuli Venezia Giulia
Italia
Contatti
Fonte
AtemporaryStudio
Scheda Evento
artisticamente-2017-desk 300x250
bollicine in villa

Maravee Festival

20^ Edizione

Da Venerdì 25 Giugno a Venerdì 22 Ottobre 2021 -
Friuli Venezia Giulia - Italia

Maravee Festival -

FESTIVAL MARAVEE FOLLE 2021

Il folle convivio dell’arte
come resilienza
alla negazione delle folle

Ritorna da fine giugno 2021 il Festival Maravee riaccendendo i riflettori sull’empatia, l’interattività e il coinvolgimento emozionale!

Dopo aver concentrato il progetto 2020 in estate, facendo fronte alle restrizioni di quella difficile annualità e portandola fino al 27 giugno corrente, quando chiuderà i battenti la mostra Io Abito alla Galleria Civica di Pirano, con l’edizione 2021 Maravee approda alla sua 20° edizione.

“Vent’anni d’intrecci dialoganti fra arte e spettacolo – afferma la direttrice artistica Sabrina Zannier – che nella lunga tenuta temporale hanno premiato i tre aspetti fondativi del Festival: la messa in scena emozionale della società coeva, la valorizzazione di location storiche e naturalistiche attraverso l’animazione della creatività contemporanea e il costante dialogo artistico tra il qui e l’altrove per costruire un orizzonte glocal”.

Intitolata MARAVEE FOLLE. Il folle convivio dell’arte come resilienza alla negazione delle folle, organizzata dall’Associazione culturale Maravee con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, dei Comuni di Grado e Gemona del Friuli e delle slovene Obalne Galerije Piran, grazie alle collaborazioni di Gervasoni, Comunità Collinare, Comune di Colloredo e CP & Partners, l’edizione 2021 inscenerà una ricca carrellata di eventi che da fine giugno arriverà all’autunno nelle location storico-architettoniche e industriali del Friuli Venezia Giulia – il sedime dell’ex Chiesa della Beata Vergine delle Grazie a Gemona del Friuli, il Castello di Colloredo di Monte Albano, la Casa della Musica e l’ex Cinema Cristallo di Grado e la fabbrica Gervasoni – per poi approdare nell’inverno 2022 alla tappa transfrontaliera delle Obalne Galerije Piran.

Maravee mette in scena l’anima che ha fondato la sua riconoscibilità: il convivio linguistico fra arti visive e spettacolo, sul quale ha costruito il concept di un “Teatro dell’arte” animato da tematiche socialmente condivisibili. Dopo anni dedicati a puntuali temi individuati su riflessioni sociologiche e filosofiche nell’esistenza quotidiana collettiva, in occasione del proprio ventennale Maravee eleva a oggetto di riflessione quel concetto di convivio sconfinante che dal 2002 è stato individuato come urgenza di relazione e condivisione creativa, necessaria per sottolineare il senso dell’arte e per amplificarne la diffusione.

Lo fa contemplando ancora la società coeva, in cui si registra l’indubbia metamorfosi esistenziale dettata dalla pandemia, che ha iperbolizzato l’era delle grandi incertezze e sta dettando la necessità di un’umanizzazione rigenerata della società, come scrive il filosofo e sociologo Edgar Morin, noto per il suo approccio transdisciplinare.

Il “Folle convivio dell’arte” indica la volontà e la capacità di superare limiti e confini, per generare spettacoli che nascono dalla poetica di altre opere, entrambe dedicate alla ricerca della felicità dell’uomo contemporaneo, anche coinvolgendolo in performance partecipate.

E’ questo sconfinamento che Maravee intende inscenare come “Resilienza alla negazione delle folle”, intese come moltitudini di persone riunite in un luogo, che l’arte in parte contempla coinvolgendola nelle opere e in parte intende raggiungere con la sua pervasività. 

La mancata partecipazione alle folle, il distanziamento e il rallentamento della vita sociale sono terreno fertile per uno sguardo a ritroso nel tempo, alla ricerca di pensieri e opere che nella loro valenza umanistica conservano indicazioni in ogni epoca foriere di nuove vie. Maravee Folle si appella quindi a Il Convivio e alla Divina Commedia di Dante Alighieri, che unendo l’opera alle vicende della vita, nel 700° anniversario della sua morte riafferma di aver parlato all’umanità intera, affinché essa, oggi come allora, possa intraprendere un percorso di redenzione.

Convivio inteso come vita culturale condivisa, che attraverso la metafora del cibo si eleva a “banchetto di sapienza”, in cui avviene un contatto profondo, teso tra filosofia e amore, offerto da Dante in lingua volgare, con intento divulgativo. Con lo stesso intento, Maravee inscenerà come vivande (le canzoni dantesche) opere di prosa, danza e musica, accompagnate da video e fotografia; e come pane (il commento dantesco alla canzone) le scenografie nutrite di altre opere, ossia il linguaggio visivo e i commenti curatoriali come suggerimenti emozionali e concettuali per gustare le vivande.

CALENDARIO

25 giugno 2021
Umana Commedia: le folle guidate dal folle
Gemona del Friuli, Sedime ex Chiesa della Beata Vergine delle Grazie

9 luglio 2021
Guarnerius in Convivio
Colloredo di Monte Albano, Palco nel parco del Castello

28 agosto —  26 settembre 2021
Convivio alla finestra
Grado, Casa della Musica

11 settembre —  3 ottobre 2021
Blossoms
Grado, Cinema Cristallo

8  — 22 ottobre 2021
Corpi di resilienza
Fabbrica e show-room Gervasoni

Gennaio / febbraio 2022
Angeli o bestie?
Pirano (Slovenia), Obalne Galerije Piran

SABRINA ZANNIER

Giornalista, critico e curatore indipendente nel campo dell’arte contemporanea aperta alla trasversalità linguistica, ha curato mostre e cataloghi in Italia, Francia e Slovenia. Ha collaborato alla XLV Biennale di Venezia, al Centro d’arte contemporanea di Villa Manin di Passariano (UD) e con gli editori Clueb, Fratelli Alinari, Skira e l’Istituto Treccani. Ha fatto parte della Commissione dell’Italian Studio Program per il P.S.1 di New York e ha collaborato con il regista e artista Bigas Luna per progetti performativi ed editoriali. Come consulente d’arte ha operato e opera con aziende come Brionvega, Furla, Illycaffè, Banca Friuladria, Sinetica Industries, Gervasoni. Dal 2002 è direttore artistico di Maravee, Festival d’arte e spettacolo che si svolge in Friuli Venezia Giulia e in Slovenia.

IL FESTIVAL MARAVEE

Ideato nel 2002 da Sabrina Zannier con l’intento di portare l’arte contemporanea a un vastissimo pubblico attraverso la messa in scena emozionale di discipline artistiche diverse, facendo leva su tematiche collettivamente condivise, il Festival si è da subito prefisso lo scopo di accendere i riflettori su siti di grande pregio storico del Friuli Venezia Giulia. Per valorizzare e riportare in vita – attraverso l’internazionalità dell’arte e dello spettacolo contemporanei di altissima qualità – location pubbliche e private dismesse o ancora in uso, ma poco frequentate.

E’ stato così messo in scena un complesso format curatoriale che di anno in anno produce mostre, spettacoli, performance, concerti e sfilate in diverse sedi, da Udine, Pordenone, Trieste alla Slovenia, grazie alle numerose collaborazioni fondate sul principio della rete territoriale.

Proponendo temi di rilevanza sociale e di pubblico interesse, suddivisi in trienni, in sedici anni di attività la rassegna ha coinvolto artisti visivi, designer, stilisti, attori, registi, danzatori e musicisti, attivando significative collaborazioni artistiche e scientifiche, come quelle con il Teatro la Fenice e la Biennale Musica di Venezia, il Mittelfest di Cividale (UD), l’Università di Udine, di Bologna e il Politecnico di Milano.

Ha complessivamente coinvolto 357 artisti, tra cui ricordiamo ORLAN, Nobuyoshi Araki, David LaChapelle, Carole Feuerman, Nicolai Lilin, Bertozzi & Casoni, Hiroyuki Masuyama, Aldo Cibic, Kiki Van Eijk, Olivo Barbieri, Yasumasa Morimura, Hema Upadhyay, Willy Verginer, Mustafa Sabbagh, Cindy Sherman, Drusilla Foer e i compianti Bigas Luna e Getulio Alviani con la sua collezione internazionale di artisti dell’Arte Cinetica e Programmata.

Il tutto approdando in 20 location diverse - tra castelli storici, ville pubbliche, chiostri, parchi scientifici e tecnologici, musei - in molti casi riportandone in vita l’antico splendore, come nel caso della Villa Ottelio - Savorgnan sul lungofiume Stella ad Ariis di Rivignano (UD), elevata per ben otto anni a teatro dell’arte che già nel 2002 ha contato 1.200 persone all’inaugurazione; o come la torre del Museo CID di Torviscosa (UD) che, chiusa dagli anni ’60 quand’era lo studio di Marinotti, fondatore della SNIA Viscosa, è stata restaurata appositamente per Maravee nel 2007.



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2021-06-21 07:58:36
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.