sfondo endy
Novembre 2019
eventiesagre.it
Novembre 2019
Numero Evento: 21036511
Eventi Festival
Venezia Jazz Festival
2^ Fall Edition
Date:
Dal: 26/10/2019
Al: 22/11/2019
Dove:
Logo Comune
Veneto - Italia
Contatti
Cell.: (+39) 366 2700299
Fonte
Mabi Comunicazione
Scheda Evento
fiaccadori-300x250 proc

Venezia Jazz Festival

2^ Fall Edition

Da Sabato 26 Ottobre a Venerdì 22 Novembre 2019 -
Venezia (VE)

Venezia Jazz Festival - Venezia

Venezia Jazz Festival Fall Edition,
lungo week end di musica, con incontri, jam sessione e concerti.

Entra nel vivo la seconda edizione di Venezia Jazz Festival Fall edition #2, con un lungo week end dedicato alla musica jazz e alle sue declinazioni più contemporanee.

Mercoledì 30 ottobre (ore 18.30), al Laguna Libre di Fondamenta Cannaregio, è atteso  l’intervento con video e testimonianze inediti del giornalista americano Ashley Kahn per celebrare tre straordinari anniversari che hanno cambiato la storia della musica: “As A Triple Anniversary Celebrations of Miles Davis: Birth of the Cool (70 years), Kind of Blue (60 Years), and Bitches Brew (50 years).  Ingresso con maggiorazione di 8 euro sulla prima consumazione o sulla cena.

Giovedì 31 ottobre (dalle 19.00, ingresso libero), l’autentica atmosfera del festival si potrà assaporare nel salotto dello Splendid Venice Hotel, con una ricca jam session, alla quale parteciperanno alcuni artisti del festival fra i quali Michelangelo Scandroglio. 

Venerdì 1 novembre (ore 20.00) Michelangelo Scandroglio, vincitore del Conad Jazz Contest di Umbria Jazz 2019,  oltre che del “Riga International Jazz Bass Competition” e del prestigioso premio “Tomorrow’s Jazz”di Veneto Jazz come uno dei migliori giovani talenti del jazz italiano, sarà poi il protagonista del concerto al Laguna Libre, con l’anteprima del nuovo disco da leader “Auand” (in uscita nel 2020). Nella formazione anche il pianista Alessandro Lanzoni, fra le maggiori personalità del jazz italiano, con esperienze di assoluto prestigio (1 novembre, ore 20.00, Laguna Libre, seguirà jam session). Ingresso con maggiorazione di 8 euro sulla prima consumazione o sulla cena.

Sabato 2 novembre (ore 21) al Teatro Goldoni, l’evento clou del festival: i grandi pianisti e compositori Stefano Bollani e Chucho Valdés si incontrano quindi per suonare insieme in un progetto unico e senza precedenti. L’estro musicale e la fantasia versatile di Bollani e l'energia afro-cubana e il ritmo latino di Valdés mescolati insieme creano uno spettacolo musicale di fortissimo impatto. Un grande momento di pura improvvisazione, come "comanda" il jazz, in cui i due musicisti compiono un incredibile viaggio da un genere a un altro, da Cuba all’Italia, toccando svariati stili. 

I festival continua poi la prossima settimana con il concerto del contrabbassista svedese Lars Danielsson, una delle voci più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, combina sonorità nordiche e straordinarie doti di compositore ad un approccio al jazz estremamente ampio, con inclusioni di musica classica ed elementi pop, in duo con il martinicano Grégory Privat, considerato una “stella nascente” (5 novembre, ore 19.30, Sale Apollinee, Teatro La Fenice). Suoni del mondo, dall’Andalusia all’America Latina, dall’India al mondo arabo, sempre con una matrice mediterranea, per il virtuoso bassista francese Renaud Garcia-Fons, in un suggestivo “solo”, dove utilizza lo strumento sfruttando l’intera gamma di suoni ottenibili, dall’uso dell’arco fino al percussivo “pizzicato” (6 novembre, ore 19.30, T Fondaco dei Tedeschi). Infine, il festival si chiude il 22 novembre (ore 18.30) con un evento speciale (su invito scrivendo a press@venezianews.it) a Ospedaletto CON/temporaneo con il raffinato duo Solaris, di Giorgio Li Calzi (tromba e live electronics) e Manuel Zigante (violoncello).  

Venezia Jazz Festival Fall edition #2 è organizzato da Veneto Jazz con il supporto di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Regione del Veneto, il patrocinio della Città di Venezia, in collaborazione con Fondazione Teatro La Fenice, Teatro Stabile del Veneto, T Fondaco dei Tedeschi e con il contributo di Classic Boats Venice. Speciale partner: Splendid Venice Hotel, Laguna Libre. Media partner: Jazzit, Venezia News.

La direzione artistica è a cura di Giuseppe Mormile

Prevendite:
Prevendite concerti Teatro La Fenice: Ticketone – Vivaticket - Teatro La Fenice – call center 041.2424
Prevendite Teatro Goldoni: Ticketone – Biglietteria Teatro Goldoni
Prenotazioni T Fondaco dei Tedeschi: fondaco.culture@dfs.com
Prenotazioni Laguna Libre: Tel. 041.2440031 - info@lagunalibre.it
Prenotazioni concerto Ospedaletto/ CONtemporaneo: press@venezianews.it

Per tutti gli altri concerti: jazz@venetojazz.com  - mob. 366.2700299

Informazioni:
Veneto Jazz - jazz@venetojazz.com - mob. (+39) 366.2700299 – www.venetojazz.com
Tutto il programma su www.venetojazz.com

-------------------------

VENEZIA JAZZ FESTIVAL FALL EDITION
17 OTTOBRE - 6 NOVEMBRE 2019

Anteprima Venezia Jazz Festival Fall edition #2
17 ottobre - ore 19.30

T Fondaco dei Tedeschi – Venezia
BartolomeyBittmann
progressive.strings.vienna
DYNAMO Live in Concert
Matthias Bartolomey - violoncello
Klemens Bittmann - violino e mandola

Nell’ambito della rassegna “Incontri di culture”

Ingresso libero solo su prenotazione scrivendo a fondaco.culture@dfs.com

Ciò che li unisce è il rispetto per il suono del loro strumento e una passione comune per la creazione di nuove sonorità. Il violoncellista Matthias Bartolomey e il violinista e suonatore di mandola Klemens Bittmann stanno tracciando un nuovo percorso per i loro strumenti, che sono così profondamente radicati nella tradizione classica. La loro musica include la spontaneità e l’improvvisazione jazz, un ritmo forte ed elementi rock, così come ballate intime e composizioni movimentate.

Il duo si è formato nel 2012.

Il violinista Klemens Bittmann ha sempre scelto un percorso vicino al crossover. Dopo gli studi classici presso l'Università di Musica e Spettacolo di Graz, ha studiato violino jazz con Didier Lockwood a Parigi. La collaborazione con il fisarmonicista Klaus Paier, i chitarristi Alegre Correa e Wolfgang Muthspiel. e con Georg Gratzer è stata determinante nella sua carriera.

La carriera del violoncellista è saldamente ancorata alla musica classica occidentale. Diplomato all'Università di musica e arti sceniche di Vienna e all'illustre Mozarteum di Salisburgo, ha collaborato con l'Orchestra di Stato dell'Opera di Vienna / la Filarmonica di Vienna, l'Orchestra da camera d'Europa e l'Orchestra da camera di Mahler. Dal 2010 è il violoncellista principale della Matthias Bartolomey Concentus Musicus Wien, fondata da Nikolaus Harnoncourt.

BartolomeyBittmann è un progetto sentito da tutti e due i musicisti che continuano a collaborare e realizzare album con questa formazione, nonostante i loro molteplici impegni. Le loro prime due uscite, "Meridian" (2013) e "Neubau" (2015) dimostrano il loro approccio innovativo e la loro originalità. Numerosi concerti che li hanno visti sui maggiori palchi Europei ma anche anche in Russia, Iran, US, Kenya e Giappone. Con "Dynamo", il nuovo album uscito il 29 marzo 2019 su etichetta ACT Music (2019), Bartolomey Bittmann stabiliscono la loro personale cifra stilistica, rendendoli distinguibili già dalle prime note del disco.

26 ottobre - ore 19.30

Sale Apollinee – Teatro La Fenice – Venezia
Vincent Peirani – Jokers
Vincent Peirani – fisarmonica
Gautier Garrigu – batteria
Federico Casagrande - chitarra/basso

Biglietti: intero 25€ + diritto di prevendita / ridotto (di legge e residenti Città metropolitana di Venezia) 20€ + diritto di prevendita

Prevendita: vivaticket.it - teatrolafenice.it

Dopo diverse collaborazioni in duo (Emile Parisien, Michel Portal, Michael Wollny, François Salque) e con il suo quintetto, Vincent Peirani si mette alla prova in questa nuova formazione.

Con il chitarrista italiano Federico Casagrande e il batterista Gautier Garrigu forma un trio composto da chitarre ibride, batteria, fisarmonica, in cui ognuno può prendere il posto dell'altro, creando così un concerto unico e decisamente imprevedibile.

Questa formula cosmopolita consente di suonare ogni genere musicale. Tutto è permesso e può scorrere libero senza sovrastrutture, che si tratti di suoni enigmatici, onirici, elettronici o acustici.

Proprio come il Joker, inteso come personaggio emblematico dei fumetti ma anche come elemento decisivo nei giochi di carte, i musicisti sono tutti sullo stesso livello, in ruoli complementari ed allo stesso tempo opposti. In questa performance la contraddizione colora il paesaggio sonoro di questo trio, rendendolo uno dei progetti più originali di Vincent Peirani.

30 ottobre – ore 18.00

Laguna Libre – Fondamenta Cannaregio – Venezia
Conferenza
Ashley Kahn

“As A Triple Anniversary Celebrations of Miles Davis: Birth of the Cool (70 years), Kind of Blue (60 Years), and Bitches Brew (50 years)"

Incontro con video e testimonianze inediti in inglese con traduzione in italiano

Ingresso con maggiorazione sulla prima consumazione o sulla cena di 8 euro

Prenotazioni: Tel. 0412440031 - info@lagunalibre.it

Ashley Kahn, giornalista, collabora con diverse testate tra cui Rolling Stone, The New York Times e Mojo. È autore di ”Kind of Blue”: storia e fortuna del capolavoro di Miles Davis (il Saggiatore, 2003), ”A Love Supreme”: storia del capolavoro di John Coltrane (il Saggiatore, 2004), “Il rumore dell'anima. Scrivere di jazz, rock, blues” (il Saggiatore, 2018). Vive a Fort Lee, nel New Jersey.

31 ottobre - ore 19.00

Splendid Venice Hotel – Venezia
Jam Session Venezia Jazz Festival Fall Edition

Ingresso libero

Nel salotto dello Splendid Venice Hotel, una jam session con alcuni degli artisti invitati al festival. Jazz libero e musica in libertà per

immergersi nella più autentica atmosfera del festival. Fra gli altri, atteso Michelangelo Scandroglio, nuovo talento del jazz italiano.

1 novembre - ore 20.00

Laguna Libre – Fondamenta Cannaregio – Venezia
Michelangelo Scandroglio Group feat. Alessandro Lanzoni
+ Jam session

Nell’ambito del progetto dedicato alla promozione dei giovani talenti del jazz italiano Tomorrow’s jazz
Michele Tino: alto sax
Alessandro Lanzoni: piano
Michelangelo Scandroglio: double bass
Bernardo Guerra: batteria

Ingresso con maggiorazione sulla prima consumazione o sulla cena di 8 euro

Prenotazioni: Tel. 0412440031 - info@lagunalibre.it

Vincitore del Conad Jazz Contest indetto di Umbria Jazz 2019, Michelangelo Scandroglio Group è stato premiato da una giuria composta dai più grandi giornalisti italiani di jazz, presieduta da Paolo Fresu. Il leader, Michelangelo Scandroglio, a vent'anni è stato uno dei vincitori del "Riga International Jazz Bass Competition”; nel 2018 ha ricevuto il premio "Tomorrow's Jazz" promossa da Veneto Jazz e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come uno dei migliori giovani talenti del jazz italiano ed è stato finalista al Basseurope. Ha avuto l'opportunità di suonare e collaborare con giganti del jazz italiano tra cui Stefano "Cocco" Cantini, Nico Gori, Carlo Atti, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso, Stefano Tamborrino, Alessandro Lanzoni, Walter Paoli e alcuni dei musicisti più riconosciuti a livello internazionale tra cui Logan Richardson, Glenn Ferris, Ben van Gelder, Marvin "Bugalu" Smith, Alex Sipiagin, Gregory Hutchinson.

A Venezia presenta l’anteprima di “AUAND”, il suo primo album come leader e compositore, con Alessandro Lanzoni al pianoforte, Peter Wilson alla chitarra, Bernardo Guerra alla batteria, Hermon Mehari alla tromba, Michele Tino al sax e come special guest la star del jazz internazionale Logan Richardson.

Nella formazione anche il pianista Alessandro Lanzoni. L’assegnazione del “Top Jazz 2013” come miglior nuovo talento dell’anno, attribuito dai più qualificati giornalisti italiani per la rivista Musica Jazz , colloca ormai a pieno titolo Alessandro Lanzoni fra gli artisti di maggiore personalità del jazz italiano, forte anche di un curriculum che, potendo già vantare esperienze di assoluto prestigio, da diversi anni lo ha imposto all’attenzione del mondo musicale.

2 novembre - ore 21.00

Teatro Goldoni - Venezia
Stefano Bollani e Chucho Valdés

Biglietti: Platea e primo settore 55€ + diritto di prevendita; Secondo, terzo, quarto settore 45€ + diritto di prevendita

Prevendite:
Ticketone –on line e punti vendita
Biglietteria Teatro Stabile del Veneto - tel. 041.2402014 - www.teatrostabileveneto.it

I grandi pianisti e compositori Stefano Bollani e Chucho Valdés si incontrano per suonare insieme in un progetto unico e senza precedenti. Dopo una prima partecipazione di Valdés come ospite al programma televisivo di Bollani "L'importante è avere un piano" su Rai 1, i due artisti hanno eseguito il loro primo concerto al Gran Teatro dell'Avana nel giugno del 2018: la chimica generatasi sul palco fu da subito incredibile. L’estro musicale e la fantasia versatile di Bollani e l'energia afro-cubana e il ritmo latino di Valdés mescolati insieme creano uno spettacolo musicale di fortissimo impatto. Un "piano a piano" già definito dalla stampa latina un esempio di genialità, destrezza, un vero e proprio tuffo nella musica senza nessun tipo di limite e distinzione. Come se suonassero insieme da sempre, i due si divertono a giocare con le proprie composizioni e a improvvisare su grandi classici della musica reinventandoli, il tutto con l'obiettivo di offrire al pubblico ogni sera uno spettacolo inedito e di godersi loro stessi il concerto. Un grande momento di pura improvvisazione, come "comanda" il jazz, in cui i due musicisti compiono un incredibile viaggio da un genere a un altro, da Cuba all’Italia, toccando svariati stili.

5 novembre – ore 19.30

Sale Apollinee – Teatro La Fenice – Venezia
Lars Danielsson plays Liberetto feat. Grégory Privat
Lars Danielsson - contrabbasso e live electronics
Grégory Privat – pianoforte

Biglietti: intero 25€ + diritto di prevendita / ridotto (di legge e residenti Città metropolitana di Venezia) 20€ + diritto di prevendita

Prevendita: vivaticket.it - teatrolafenice.it

Il contrabbassista svedese Lars Danielsson è considerato una delle voci più importanti del jazz europeo degli ultimi anni. La sua musica, grazie anche al violoncello che lui suona regolarmente, è decisamente più calda e melodiosa rispetto a quella della maggioranza dei suoi colleghi. La combinazione con le sonorità “nordiche” e le sue straordinarie doti di compositore, rendono il suo approccio al jazz estremamente ampio, con inclusioni di musica classica ed elementi pop. Danielsson ha registrato 10 album con il suo precedente quartetto composto da David Liebman, Bobo Stenson e Jon Christensen e ha lavorato con diverse star della musica come sideman, compositore, arrangiatore e come produttore.Oltre al recente progetto con sua moglie, la cantante Cæcilie Norby,

Danielsson ha collaborato negli ultimi anni principalmente con dei pianisti: ha registrato numerosi album con il polacco Leszek Mozdzer e ha creato un duo perfettamente armonioso con l’armeno Tigran Hamasyan per la registrazione di Liberetto I e Liberetto II.

Il martinicano Grégory Privat, che ha recentemente pubblicato il suo primo album con ACT e che gli esperti di jazz concordano nel considerare una “stella nascente”, ha già dato un contributo enorme al lavoro di Danielsson come membro stabile del quartetto di Liberetto a partire dal 2015. Lars Danielsson ha deciso che è quindi arrivato il momento per presentare la sua musica nella formazione più intima del duo.

6 novembre – ore 19.30

T Fondaco dei Tedeschi – Venezia
Renaud Garcìa-Fons
Renaud Garcia-Fons – contrabbasso, effetti

Nell’ambito della rassegna “Incontri di culture”

Ingresso libero solo su prenotazione scrivendo a fondaco.culture@dfs.com

Il virtuoso bassista francese Renaud Garcia-Fons si è sempre contraddistinto per un’infallibile tecnica ed intonazione, nonché per il suo talento compositivo. Utilizza lo strumento sfruttando l’intera gamma di suoni ottenibili, dall’uso dell’arco fino al percussivo “pizzicato”. Come compositore ha dato prova del suo estro esplorando i suoni del mondo, dall’Andalusia all’America Latina, dall’India al mondo arabo, ma sempre con una matrice prettamente mediterranea che a volte sfocia in alcuni rinvii alla musica di estrazione classica. L’ultimo lavoro discografico si intitola "La linea del Sur". Garcia-Fons si conferma musicista di rilievo, ottimo compositore e autore di progetti stimolanti e personali. Il flamenco, il valzer ed il tango sono rivissuti e rivisitati: le improvvisazioni riflettono un linguaggio jazzistico con colori etnici ed umori originali.

22 novembre – ore 18.30

Ospedaletto CON/Temporaneo – Venezia
Solaris
Giorgio Li Calzi: tromba, live electronics
Manuel Zigante: violoncello

Due percorsi musicali apparentemente distanti convergono in un astratto e materico territorio comune, antico e futuribile, reale e immaginario. Proprio come il film di Tarkovskij a cui i due musicisti si ispirano nella forma musicale, SOLARIS. L'incontro tra il violoncello di Manuel Zigante e i suoni elettroacustici della tromba di Giorgio Li Calzi è un progetto pensato nel 1986, anno in cui Manuel e Giorgio si conoscono, e realizzato oggi per la prima volta con questa performance, che si snoda tra improvvisazioni digitalizzate e riscrittura contemporanea del classicismo, da J.S. Bach ad Eduard Artemyev.

Venezia Jazz Festival Fall edition #2 è organizzato da Veneto Jazz con il supporto di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Regione del Veneto, il patrocinio della Città di Venezia e in collaborazione con Fondazione Teatro La Fenice, Teatro Stabile del Veneto, T Fondaco dei Tedeschi e con il contributo di Classic Boats Venice. Speciale partner: Splendid Venice Hotel, Laguna Libre.

Media partner: Jazzit, Venezia News.
La direzione artistica è a cura di Giuseppe Mormile.

Informazioni:
Veneto Jazz - jazz@venetojazz.com - mob. (+39) 366.2700299 – www.venetojazz.com
Tutto il programma su www.venetojazz.com



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2019-10-28 15:48:27
    Inserito da Michela Gesualdi
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.
    creativita-artigiana-2019