sfondo endy
Dicembre 2022
eventiesagre.it
Dicembre 2022
Numero Evento: 3025
Eventi Culturali
Autunno In Barbagia
La Sardegna Più Genuina
Date:
Dal: 04/11/2022
Al: 06/11/2022
Dove:
Logo Comune
Sardegna - Italia
Contatti
Fonte
Sas Tappas In Mamujada
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento

Autunno In Barbagia

La Sardegna Più Genuina

Da Venerdì 04 a Domenica 06 Novembre 2022 - dalle ore 10:00
Mamoiada (NU)

Autunno In Barbagia - Mamoiada

A Mamoiada in provincia di Nuoro si svolge nei giorni 04, 05, 06 Novembre 2022 la nuova edizione di Autunno in Barbagia - La Sardegna più Genuina.

Il misterioso menhir Sa Perda Pintà (o stele di Boeli) è uno dei meravigliosi ritrovamenti scoperti nel comune di Mamoiada. Le eccezionali decorazioni incise sulla superficie sono state realizzate durante la cosiddetta “Cultura di Ozieri” compresa tra il 3200 e il 1800 a.C.

La straordinaria varietà e quantità di resti archeologici disseminati nel territorio rivelano come l’area fosse abitata fin dalla preistoria: risalgono al Neolitico le pedras fittas (menhir), le domus de Janas (tombe scavate nella roccia) e i dolmen, mentre nell’età del Bronzo furono realizzate le  tombe dei giganti, i nuraghi e un pozzo sacro, testimoni della grande civiltà nuragica.

Durante l’età romana nei pressi del centro passava l’importante strada militare che attraversava l’Isola collegando Olbia con Cagliari, attraversando le stazioni romane di Caput Tyrsi (Buddusò), Sorabile (Fonni) e Biora (Serri). Si pensa che l’origine dell’attuale abitato risalga alla fondazione di una fermata o stazione romana di nome Manubiata che deriverebbe dal verbo latino manubiare (sorvegliare). A sostegno di questa ipotesi si conservano alcuni toponimi come quello dell’antico quartiere Su Castru che rimanda al termine latino castrum ossia ‘recinto fortificato’.

Nell’alto Medioevo, con la fine dell’Impero Romano d’Occidente, la Sardegna entra nell’area politica e culturale dell’Impero Romano d’Oriente. Della presenza bizantina a Mamoiada resta traccia nel culto dei santi Cosma e Damiano e nel santuario a loro dedicato a pochi chilometri a sud-ovest del paese.

L’odierno nome del centro compare per la prima volta come “Mamoyata” nei documenti medievali delle Rationes Decimarum, un registro delle decime imposte dalla Santa Sede del XIV secolo. In quest’epoca il villaggio era compreso nella curatoria della Barbagia di Ollolai, una delle circoscrizioni amministrative del Giudicato d’Arborea. La popolazione (discendente delle cosiddette civitates barbariae che si scontrarono spesso con i romani per il controllo delle terre) godeva di una certa autonomia e forniva i guerrieri per l’esercito giudicale.

Dopo la grande guerra dell’Arborea contro gli Aragonesi la giudicessa Eleonora dovette firmare il trattato di pace del 1388 con gli invasori iberici. Tra i sottoscrittori della pace figurano anche diversi jurati (giurati) e abitanti della villa di Mamujata. Con la definitiva conquista aragonese il centro venne incluso nel marchesato di Oristano e quando la carica di marchese toccò a Leonardo Alagon si riaccese la rivolta dei sardi contro i conquistatori. Quando Alagon venne sconfitto nel 1478 Mamoiada fu condannata a secoli di sfruttamento signorile che proseguirono anche con le successive dominazioni spagnola e piemontese.

L’amministrazione dei feudatari divenne via via sempre più oppressiva; nel XVIII secolo gli abitanti iniziarono il loro percorso di liberazione dal giogo feudale istituendo il consiglio comunitativo e il Monte Granatico fino alla definitiva abolizione del feudalesimo nel 1838.

Nel Novecento il paese è divenuto famoso per i suoi antichissimi riti legati al carnevale: a partire dal 1951 sono stati pubblicati diversi studi sulle maschere dei Mamuthones e Issohadores riconosciute come simbolo di Mamoiada nel mondo.

    Fiera cesena c'era una volta


    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2022-09-19 17:34:30
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.