sfondo endy
Gennaio 2022
eventiesagre.it
Gennaio 2022
Numero Evento: 21081959
Da Visitare Visite Guidate
Assoc. Amici Del Tevere
Visite E Passeggiate Guidate
Date:
Dal: 16/01/2022
Al: 12/02/2022
Dove:
Logo Comune
Lazio - Italia
Contatti
Cell.: 339 5852777
Cell.: 339 7448084
Fonte
Assoc. Amici del Tevere
Scheda Evento
dado d'oro

Assoc. Amici Del Tevere

Visite E Passeggiate Guidate

Da Domenica 16 Gennaio a Sabato 12 Febbraio 2022 -
Roma (RM)

Assoc. Amici Del Tevere - Roma

Domenica 16 gennaio 2022
Una rivoluzione silenziosa, Plautilla Bricci pittrice e architettrice. Mostra alla Galleria Corsini 

Soltanto 14 posti totali disponibili. Lista in formazione, dopo “pre-lancio” a Soci e abituali frequentatori delle nostre iniziative.

Stante la comune appartenenza della Galleria Corsini e di Palazzo Barberini all’istituzione museale romana delle “Gallerie Nazionali di Arte Antica”, ai partecipanti sarà riservata anche una riduzione nella visita del 29-GEN (cfr scheda a seguire).

La riapertura della Galleria Corsini si presenta con una mostra dedicata all’artista Plautilla Bricci,  affascinante figura riesumata dall’oblio grazie al rinvenimento di documenti inediti e al romanzo storico di Melania Mazzucco. Né moglie né monaca né zitella in casa di parenti, ma signora romana, prima artista universale e donna “libera”. Ciò che colpisce della vita e della carriera di Plautilla è la capacità di affermarsi in settori fino ad allora preclusi al mondo femminile, come l’architettura. In contatto con gli artisti attivi nel suo tempo, come Pietro da Cortona, Plautilla trova nel potente e raffinato abate Elpidio Benedetti il suo patrono e maggiore committente.

La mostra è anche l’occasione per indagare e scoprire il mondo sommerso dell’arte al femminile: non solo, quindi, Plautilla Bricci, ma tante voci di pittrici relegate nei conventi o affannosamente alla ricerca di committenze presso le corti oppure divenute, come nel caso di Elisabetta Sirani, fenomeni da mostrare in pubblico.

Appuntamento: domenica 16 gennaio alle ore 10.45 di fronte all’ingresso della Galleria in Roma a via della Lungara n°10.

Termine della visita: ore 13.00 circa.

Costo omnicomprensivo
(organizzazione e prenotazione, preacquisto dei biglietti, Guida, radio-auricolari per il miglior ascolto della Guida nel distanziamento fisico):
€ 28,00 per i Soci, € 33,00 per i non-Soci
(il costo-base, biglietti esclusi, è ovviamente da distribuire su un numero più limitato di partecipanti rispetto a quanto d’abitudine;
non è obbligatorio il tesseramento all’Associazione)

PRENOTAZIONI: alle mail dell’Associazione o via cell. 3397448084 - 3395852777

PAGAMENTO:
- su c/c presso Unicredit SpA, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 03 L 02008 05021 000401070578
- da credito disponibile

----------------------------------------

Sabato 22 gennaio 2022
Mostra “Klimt. La Secessione e l’Italia”

http://www.060608.it/it/eventi-e-spettacoli/visite-guidate-e-didattica/mostra-klimt-la-secessione-e-l-italia-ass-amici-del-tevere.html

La mostra ripercorre le tappe dell’intera parabola artistica di Gustav Klimt, sottolineandone il ruolo di cofondatore della “Secessione viennese”, e – per la prima volta – indaga sul suo rapporto con l’Italia, narrando dei suoi viaggi e dei suoi successi espositivi. Klimt e gli artisti della sua cerchia sono rappresentati da oltre 200 opere tra dipinti, disegni, manifesti d’epoca e sculture, prestati eccezionalmente dal Belvedere Museum di Vienna e dalla Klimt Foundation nonché da collezioni pubbliche e private come la Neue Galerie Graz. Fanno da cornice a questi grandi lavori del maestro austriaco, e contribuiscono al racconto del periodo della Secessione viennese, anche dipinti e sculture di altri artisti, quali Josef Hoffman, Koloman Moser, Carl Moll e molti altri. Le cartoline autografe documentano in mostra i viaggi in Italia di Klimt, che visitò Trieste, Venezia, Firenze, Pisa, Ravenna – dove si appassionò ai mosaici bizantini –, Roma e il lago di Garda, cui si ispirarono alcuni suoi paesaggi: viaggi importanti per l’evolversi della sua ricerca creativa. Il passaggio di Klimt in Italia determinò anche una forte influenza sugli artisti italiani, come testimoniano le opere in mostra tra cui “Gli Amanti” di Giovanni Prini.

Appuntamento: sabato 22 gennaio alle ore 14.30 di fronte all’ingresso di Palazzo Braschi a Roma in Piazza di San Pantaleo n°10.
Durata della visita guidata: 2 ore circa.

Costo omnicomprensivo
(organizzazione e prenotazione, preacquisto dei biglietti, Guida, radio-auricolari per il miglior ascolto della Guida nel distanziamento fisico):
€ 27,00 per i Soci, € 30,00 per i non-Soci
Over 65: € 2,00 in meno
(non è obbligatorio il tesseramento all’Associazione)

PRENOTAZIONI: rispondendo a questa mail o via cell. 3397448084 - 3395852777

PAGAMENTO:
- su c/c presso Unicredit SpA, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 03 L 02008 05021 000401070578
- da credito disponibile

---------------------------------------------

Sabato 29 gennaio 2022
Palazzo Barberini, una dimora principesca e le sue collezioni d’arte

(Dedicheremo alla visita alla Mostra “Caravaggio e Artemisia, la sfida di Giuditta. Arte e seduzione tra Cinquecento e Seicento”
un’ulteriore data a Palazzo Barberini, a causa ovviamente dell’impossibilità di concentrare in un giorno i due “percorsi” all’interno dello stesso)
 

Il complesso di Palazzo Barberini, con gli immensi giardini che una volta lo circondavano, fu concepito quale coronamento dell’ascesa di una famiglia papale. Alla sua progettazione lavorarono Maderno e poi Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini, prima che il loro dissidio divenisse insanabile. Un palazzo abitato, allora, dai tre nipoti rampanti del nuovo papa eletto Urbano VIII, ognuno con il proprio appartamento.

Oggi, il Palazzo ospita una serie di collezioni d’arte, una volta private, qui confluite dopo l’Unità d’Italia. La collezione dei dipinti va dal XII al XVIII secolo; nel recente allestimento (con riapertura al pubblico) sono state esposte le opere del Seicento che contano pitture di Caravaggio, Guido Reni, Domenichino, Guercino. E accanto a questi trovano posto capolavori assoluti come la Fornarina di Raffaello, Cristo e l’adultera di Tintoretto o il Ritratto di Enrico VIII di Hans Holbein.

La visita si propone di concentrare l’attenzione sulle sezioni del Cinquecento e del Seicento, seguendo il tema dei generi pittorici – il ritratto, il mito, la storia sacra, la natura morta, la pittura di storia, in una vera e propria “cavalcata” attraverso due secoli di grande pittura –, ricostruendo al contempo anche la storia di una oscura famiglia toscana divenuta, in breve tempo, ricca e potente, fedele alleata del re di Francia Luigi XIV.

Appuntamento: sabato 29 gennaio alle ore 14.45 di fronte all’ingresso di Palazzo Barberini (nel portico) a Roma in Via delle Quattro Fontane n°13.

Durata della visita: 2 ore circa.

Costo omnicomprensivo
(organizzazione e prenotazione, preacquisto dei biglietti, Guida, radio-auricolari per il miglior ascolto della Guida nel distanziamento fisico):
€ 26,00 per i Soci, € 30,00 per i non-Soci
Riduzione di € 6,00 ai partecipanti alla visita del 16-GEN alla Galleria Corsini.

PRENOTAZIONI: alle mail dell’Associazione o via cell. 3397448084 - 3395852777

PAGAMENTO:
- su c/c presso Unicredit SpA, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 03 L 02008 05021 000401070578
- da credito disponibile

-------------------------------------

Sabato 12 febbraio 2022
Mostra “Caravaggio e Artemisia, la sfida di Giuditta. Arte e seduzione tra Cinquecento e Seicento” a Palazzo Barberini

La rassegna si articola intorno al famoso quadro caravaggesco “Giuditta che decapita Oloferne”, ispirato a uno dei più celebri episodi biblici su cui moltissimi pittori, lungo i secoli, si sono misurati, creando diversificate interpretazioni; il soggetto principale è una donna, eroina biblica, che libera il suo popolo dall’oppressione militare. 

La mostra di Palazzo Barberini, espone 31 opere, provenienti da importanti musei nazionali e internazionali, tra cui la Galleria Corsini e la Galleria Palatina di Firenze, il Museo del Prado e il Museo Thyssen Bornemisza di Madrid, il Museo di Capodimonte di Napoli,  la Galleria Borghese di Roma, il Kunsthistorisches Museum di Vienna e il Museo di Oslo.

Il percorso intende evidenziare il cambiamento che avvenne in un arco temporale compreso tra il Cinquecento manierista, rappresentato da una maestosa Giuditta del Tintoretto, e il Seicento, con l’invenzione della realistica e drammatica decapitazione di Caravaggio, soggetto cruento che riscosse una grande fortuna e venne imitato da tanti pittori a lui contemporanei. Un’intera sezione è dedicata ad Artemisia Gentileschi, massima interprete del mito di Giuditta, che più volte, anche insieme al padre Orazio, trattò nei suoi quadri: la pittrice scelse di immedesimarsi nell'eroina biblica e colse la possibilità di utilizzare la pittura per comunicare il messaggio di una donna forte, esempio di virtù.

Appuntamento: sabato 12 febbraio alle ore 14.40 davanti all’ingresso di Palazzo Barberini a Roma in Via delle Quattro Fontane n°13.

Durata della visita: 2 ore circa.

Costo omnicomprensivo
(organizzazione e prenotazione, preacquisto dei biglietti, Guida, radio-auricolari per il miglior ascolto della Guida nel distanziamento fisico):
€ 26,00 per i Soci, € 30,00 per i non-Soci
Riduzione di € 3,00 ai partecipanti alla visita del 29-GEN al Palazzo.
(non è obbligatorio il tesseramento all’Associazione)

PRENOTAZIONI: alle mail dell’Associazione o via cell. 3397448084 - 3395852777

PAGAMENTO:
- su c/c presso Unicredit SpA, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 03 L 02008 05021 000401070578
- da credito disponibile



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2021-12-20 12:25:01
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.