sfondo endy
Dicembre 2019
eventiesagre.it
Dicembre 2019
Numero Evento: 21132623
Teatro Teatro
Nuovo Teatro Comunale Verdi
Stagione 2019-20
Date:
Dal: 20/10/2019
Al: 06/04/2020
Dove:
Logo Comune
Via Giovanni Tarantini, 35
Puglia - Italia
Contatti
Tel.: 0831 562554
Fonte
Ufficio stampa Fondazione Nuovo Teatro Verdi
Scheda Evento

Nuovo Teatro Comunale Verdi

Stagione 2019-20

Da Domenica 20 Ottobre 2019 a Lunedì 06 Aprile 2020 - dalle ore 20:30
Teatro Verdi - Via Giovanni Tarantini, 35 - Brindisi (BR)

Nuovo Teatro Comunale Verdi - Brindisi

Nuovo Teatro Verdi: parte la campagna per i nuovi abbonati

Prosegue la campagna abbonamenti per la stagione teatrale 2019-20 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Dopo l’apertura dedicata ai rinnovi, partono mercoledì 11 settembre, infatti, i nuovi tesseramenti all’intera stagione, un format ispirato alla storia artistica di Vincent Van Gogh, denominato «Notte stellata», che comprende 13 titoli in cartellone. Un ricco carnet di proposte che attraversa epoche, stili e generi, fra tradizione del classico ed esplorazione dei territori artistici più vivaci dalla scena contemporanea. L’abbonamento «Notte stellata» (13 spettacoli) ha il costo di 280 euro nel primo settore, 250 euro nel secondo, 205 in galleria. Restano confermate le agevolazioni per gli studenti fino a 25 anni, 100 euro in tutti i settori, e per i ragazzi fino a 12 anni (e gruppi scolastici di almeno 15 studenti), 70 euro in qualsiasi settore.

Come ogni anno, all’abbonamento completo si aggiungono due proposte più “light” che comprendono ciascuna sei titoli. Anche in questo caso l’ispirazione arriva dalle opere del genio olandese, protagonista nello spettacolo con Alessandro Preziosi del 17 febbraio: «I Girasoli» e «Iris». L’abbonamento «I Girasoli» include i seguenti spettacoli: «L’attimo fuggente», «L’isola magica», «Il berretto a sonagli», «#PiùShakespearePerTutti», «La rottamazione di un italiano perbene», «The Full Monty» (17 marzo). «Iris» i titoli: «Dracula», «Così parlò Bellavista», «La menzogna», «Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco», «Non è vero ma ci credo», «Ghost. Il Musical». Le due tipologie hanno il costo di 140 euro nel primo settore, 125 nel secondo, 102 in galleria. Per gli studenti 60 euro, per i ragazzi fino a 12 anni 38 euro, in ogni settore del teatro. «I Girasoli» e «Iris» saranno disponibili lunedì 23 e martedì 24 settembre per le conferme (senza tuttavia prelazione sul posto) dei vecchi abbonamenti parziali («Emozioni» e «Futura»), mentre da mercoledì 25 settembre saranno a disposizione per tutti gli interessati.

I due abbonamenti parziali non comprendono «Perfetta», lo spettacolo con Geppi Cucciari in programma l’11 febbraio 2020, ma agli abbonati è data priorità per l’acquisto del biglietto. Tutte le formule di abbonamento non comprendono, infine, «È questa la vita che sognavo da bambino?», spettacolo con Luca Argentero che apre la stagione domenica 20 ottobre alle ore 20.30, per il quale sarà possibile acquistare i biglietti da lunedì 30 settembre (o anche prima insieme con l’abbonamento). Infine, a partire da lunedì 21 ottobre disponibili i biglietti per tutti gli altri spettacoli in cartellone.

Aperture botteghino

Per il mese di settembre, il botteghino del teatro sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì.
Gli orari di apertura sono dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 20 (info tel. 0831 562 554).

La stagione

Si comincia il 20 ottobre con un fuori abbonamento: «È questa la vita che sognavo da bambino?», protagonista uno degli attori di cinema più amati, Luca Argentero, che presenta uno spettacolo dedicato alla storia di tre grandi sportivi come “Luisin” Malabrocca, “l’inventore” della maglia nera al Giro d’Italia, Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide scoprì che la minaccia più grande per l’uomo è l’uomo stesso, Alberto Tomba, il campione olimpico capace di fermare il festival di Sanremo. Tre storie completamente diverse, quelle di tre ineguagliabili sportivi italiani.

La nuova programmazione contiene alcuni espliciti richiami alla storia del cinema, che traccia la sua influenza in diversi titoli del cartellone: la proposta artistica rafforza e consolida il teatro nel suo essere “luogo” di confronto costante con la scena contemporanea, estendendo lo sguardo, oltre che alla letteratura, anche alle arti performative, al comico d’autore e al musical. Le scelte del direttore artistico, Carmelo Grassi, si confermano orientate sulla qualità delle produzioni: beniamini del pubblico, maestri della scena, testi classici, commedie e nuovi autori sono i protagonisti della nostra “magica trasformazione” che inizia a ottobre e si conclude ad aprile. I nomi del migliore cinema italiano sfidano la scena accanto ai grandi artisti dello spettacolo dal vivo: Luca Argentero, Ettore Bassi, Luigi Lo Cascio, Sergio Rubini, Elisa Barucchieri, Geppy Gleijeses, Marisa Laurito, Gianfranco Jannuzzo, Serena Autieri, Paolo Calabresi, Antonio Stornaiolo, Vito Signorile, Geppi Cucciari, Alessandro Preziosi, Carlo Buccirosso, Enzo Decaro, Paolo Conticini e Luca Ward, sono solo alcuni dei protagonisti che formano il nuovo cartellone del Verdi.

PROGRAMMA

domenica 20 ottobre (fuori abbonamento)
Luca Argentero
È QUESTA LA VITA CHE SOGNAVO DA BAMBINO?
di Gianni Corsi
regia Edoardo Leo
prosa/teatro di narrazione

venerdì 15 novembre
Ettore Bassi
L’ATTIMO FUGGENTE

drammaturgia e trasposizione Tom Schulman
regia Marco Iacomelli
prosa

martedì 10 dicembre
Luigi Lo Cascio Sergio Rubini 
DRACULA

da Bram Stoker
adattamento Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi
regia Sergio Rubini        
prosa/drammatico

giovedì 19 dicembre
Elisa Barucchieri ResExtensa
L’ISOLA MAGICA
Shakespeare in dream
*
coreografie Elisa Barucchieri
testo Selene Favuzzi
danza aerea

venerdì 3 gennaio
Geppy Gleijeses
con Marisa Laurito e Benedetto Casillo
COSÌ PARLÒ BELLAVISTA

dal film di Luciano De Crescenzo
adattamento Geppy Gleijeses Alessandro Siani
prosa/commedia

venerdì 10 gennaio
Gianfranco Jannuzzo
IL BERRETTO A SONAGLI

di Luigi Pirandello
regia Francesco Bellomo
prosa/commedia

giovedì 23 gennaio
Serena Autieri e Paolo Calabresi
LA MENZOGNA

di Florian Zeller
regia Piero Maccarinelli
prosa/commedia

lunedì 3 febbraio
Antonio Stornaiolo e Vito Signorile
#PIÙSHAKESPEAREPERTUTTI

di Antonio Stornaiolo
teatro contemporaneo

martedì 11 febbraio
Geppi Cucciari
PERFETTA

testi e regia Mattia Torre
musiche originali Paolo Fresu
comico

lunedì 17 febbraio
Alessandro Preziosi
VINCENT VAN GOGH
L’odore assordante del bianco

di Stefano Massini
regia Alessandro Maggi
prosa/drammatico

martedì 3 marzo
Carlo Buccirosso
LA ROTTAMAZIONE DI UN ITALIANO PERBENE

con Rosalia Porcaro
scritto e diretto Carlo Buccirosso
prosa/commedia

giovedì 12 marzo
Enzo Decaro
NON È VERO MA CI CREDO

di Peppino De Filippo
regia Leo Muscato
prosa/commedia

martedì 17 marzo
mercoledì 18 marzo (fuori abbonamento)
Paolo Conticini e Luca Ward
THE FULL MONTY
*
di Terrence McNally e David Yazbeck
adattamento e regia Massimo Romeo Piparo
musical

lunedì 6 aprile
GHOST - IL MUSICAL
musiche Dave Steewart e Glen Ballard
regia Federico Bellone
musical


 

Nuovo Teatro Verdi: disponibili i biglietti per tutti gli spettacoli

È tempo di biglietti al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Da oggi, lunedì 21 ottobre, infatti, è possibile acquistare i biglietti per tutti gli spettacoli che formano il cartellone 2019-20 della sala brindisina. Alla campagna abbonamenti, con il tesseramento all’intera stagione (formula «Notte stellata») o a una parte della programmazione (cioè i sei spettacoli dei format «I Girasoli» e «Iris»), si aggiunge la biglietteria. Dunque, via libera ai biglietti, anche singoli, per tutti gli appuntamenti della stagione. Info www.nuovoteatroverdi.com.

I prezzi. Per gli spettacoli «L’attimo fuggente», «Dracula», «L’isola magica. Shakespeare in dream», «Così parlò Bellavista», «Il berretto a sonagli», «La menzogna», «#PiùShakespearePerTutti», «Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco», «La rottamazione di un italiano perbene» e «Non è vero ma ci credo»: 25 euro (primo settore), 22 (secondo settore), 18 (galleria). Ridotti: 22 euro (primo settore), 20 (secondo settore), 16 (galleria). Per gli studenti fino a 25 anni 10 euro (tutti i settori), per i ragazzi fino a 12 anni e i gruppi di minimo 15 studenti 6 euro (tutti i settori).

Per lo spettacolo «Perfetta», con Geppi Cucciari, in programma il 13 febbraio: 27 euro (primo settore), 24 (secondo settore), 20 (galleria). Ridotti: 25 euro (primo settore), 22 (secondo settore), 18 (galleria). Per gli studenti fino a 25 anni 10 euro (tutti i settori), per i ragazzi fino a 12 anni e i gruppi di minimo 15 studenti 6 euro (tutti i settori).

Per gli spettacoli «The Full Monty» e «Ghost. Il Musical» i prezzi sono i seguenti: 35 euro (primo settore), 32 (secondo settore), 27 (galleria). Ridotti: 32 euro (primo settore), 27 (secondo settore), 23 (galleria). Per gli studenti fino a 25 anni 15 euro (tutti i settori), per i ragazzi fino a 12 anni e i gruppi di minimo 15 studenti 10 euro (tutti i settori).

Le categorie di riduzione si riferiscono a ragazzi under 25, adulti over 65, dipendenti di enti ed aziende convenzionate, gruppi organizzati di minimo 15 persone appartenenti ad associazioni in genere.

La biglietteria. Il botteghino del teatro è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 11 alle 13 e dalle ore 16.30 alle 18.30. Info 0831 562554. I biglietti sono disponibili anche online sul circuito vivaticket.it.

La stagione. Beniamini del pubblico, maestri della scena, testi classici, commedie e nuovi linguaggi sono i protagonisti di un ricco cartellone che, dopo l’inaugurazione con Luca Argentero, si compone di tredici spettacoli da novembre ad aprile, una stagione vivace, articolata e multidisciplinare, diretta a tutte le fasce e le generazioni di pubblico.

Il 15 novembre arriva «L’attimo fuggente» con protagonista Ettore Bassi. Il film di Peter Weir segnò una generazione con Robin Williams nei panni dell’illuminato professor Keating. L’adattamento teatrale è firmato da Tom Schulman, Premio Oscar per la sceneggiatura del film; lo spettacolo vede la regia di Marco Iacomelli, già regista dei premiati «Next to Normal» e «Green Day’s American Idiot».

Dopo il grande successo di «Delitto|Castigo», il 10 dicembre Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio interpretano un altro capolavoro della letteratura, l’ultimo grande romanzo gotico: «Dracula» di Bram Stoker è prima di tutto un viaggio notturno verso l’ignoto che fin dalla sua preparazione si presenta avvolto nel mistero perché oscura è la destinazione.

Il fascino e la magia della danza aerea, insieme a parole, musica e teatro, sono protagonisti il 19 dicembre con «L’isola magica. Shakespeare in dream», spettacolo della coreografa e danzatrice Elisa Barucchieri. Il Grande Bardo si affida ai personaggi magici delle sue opere e comprende per indagare il mistero della vita.

Interpretato da Geppy Gleijeses, Marisa Laurito e Benedetto Casillo, il 3 gennaio va in scena l’adattamento teatrale di uno dei film cult di Luciano De Crescenzo, scomparso lo scorso mese di luglio: «Così parlò Bellavista» è un omaggio scritto da Geppy Gleijeses e Alessandro Siani in occasione del novantesimo compleanno del filosofo, scrittore, attore e regista napoletano. Un affresco corale che non dimentica Riccardo Pazzaglia, lo storico coautore del film.

Gianfranco Jannuzzo è protagonista il 10 gennaio di un classico del teatro pirandelliano, «Il berretto a sonagli», per la regia di Francesco Bellomo. L’attore girgentino interpreta il ruolo di Ciampa, uomo tradito che deve proteggere il suo nome e quella della famiglia.

Il 23 gennaio approda «La menzogna», con Serena Autieri e Paolo Calabresi, un’apparente vita di coppia fondata sulla serenità. Dietro ogni parola c’è il testo del commediografo parigino Florian Zeller, abituato a scandagliare l’amore mettendolo a nudo anche con le sue scomodità.

«#PiùShakespearePerTutti» è il titolo dello spettacolo che Antonio Stornaiolo e Vito Signorile portano in scena il 3 febbraio. Una lezione-conversazione improntata sul coinvolgimento degli spettatori, che sin dall’inizio prendono parte alla storia, rispondono a test, inviano messaggi in diretta.

La stagione prosegue il 13 febbraio con Geppi Cucciari, interprete di «Perfetta», monologo che racconta un mese di vita di una donna attraverso le quattro fasi del ciclo femminile. La radiografia sociale, emotiva e fisica di ventotto comici e disperati giorni della vita di una donna, con tutta la frizzante verve di Geppi. Lo spettacolo ha subito uno spostamento di data rispetto all’11 febbraio comunicato in sede di presentazione della stagione alla stampa.

Genio o follia, realtà o finzione, questa la chiave di lettura di «Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco», in programma il 17 febbraio, con Alessandro Preziosi nel ruolo del pittore olandese, alle prese con un dialogo disperato con il fratello Theo (Massimo Nicolini).

«La rottamazione di un italiano perbene» è il titolo del nuovo spettacolo di Carlo Buccirosso, al Verdi il 3 marzo. L’attore napoletano, anche regista e in scena con Rosalia Porcaro, interpreta con la sua amara ironia Alberto Pisapia, un malinconico ristoratore che gestisce un ristorante di periferia sull’orlo del fallimento.

Enzo Decaro è protagonista il 12 marzo di «Non è vero ma ci credo», celeberrima commedia di Peppino De Filippo, gioco semiserio e divertentissimo costruito nel 1942 e che il regista Leo Muscato trasporta negli anni Ottanta, in una Napoli un po’ tragicomica e surreale e votata al mito di Mario Merola, Pino Daniele e Maradona.

A vent’anni dalla prima edizione del Musical di Broadway, approda a Brindisi il 17 e 18 marzo (seconda replica fuori abbonamento) una riedizione totalmente rinnovata di «The Full Monty», a firma di Massimo Romeo Piparo. Protagonisti i campioni di incasso di «Mamma Mia!» Paolo Conticini e Luca Ward che daranno “corpo” e anima ai disoccupati più intraprendenti della storia del musical.

Molly, Sam e la travolgente sensitiva Oda Mae Brown sono i protagonisti di un’appassionante storia d’amore ancora capace di far sognare. Titolo di coda della stagione, il 6 aprile arriva «Ghost - il Musical», fedele trasposizione del cult-movie del 1990 con Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg.


Nuovo Teatro Comunale Verdi - Brindisi

A BRINDISI ARRIVA IL «FELICITÀ TOUR» DI ALESSANDRO SIANI

Con «Felicità Tour» Alessandro Siani torna ai monologhi dal vivo, dopo la parentesi dello spettacolo corale «Il principe abusivo a teatro» con Christian De Sica. L’artista napoletano sarà al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi mercoledì 4 dicembre, con sipario alle ore 21. «La scelta di ritornare sulle tavole del palcoscenico è stata spinta soprattutto dalla voglia di potermi confrontare con il pubblico - ha spiegato Siani - perché lo spettatore è l’unico vero metronomo della vita di un artista; sentire un applauso, una pausa, guardarsi negli occhi, resta ancora l’unico deterrente contro l’incomunicabilità, oggi più che mai accentuata dalle realtà virtuale».

In questo viaggio artistico non sarà da solo, ma ad accompagnarlo ci sarà il maestro e compositore Umberto Scipione, che dal vivo suonerà e segnerà le tappe cinematografiche della carriera dell’attore, compiendo un viaggio che partirà da «Benvenuti al Sud» e passerà per «Il principe abusivo» e «Si accettano miracoli», per concludersi poi con «Mister Felicità». I monologhi saranno l’occasione per poter raccontare non solo il dietro le quinte di queste pellicole, ma anche l’opportunità per poter parlare delle differenze tra Nord e Sud, tra ricchi e poveri, e di sviscerare quelle che si propongono come le nuove tendenze religiose, ma soprattutto evidenziare i tic e le manie di una società divisa tra ottimisti e pessimisti, tra disperati di professione e sognatori disoccupati.

«Tutto questo per un unico obiettivo, divertirsi insieme - ha concluso Alessandro Siani -. Anche perché, come dico nel film “Mister Felicità”, quando si è da soli la felicità dura poco, ma se condivisa dura nu’ poco e’ cchiu’». Lo spettacolo è prodotto da «Best Live» e arriva a Brindisi per iniziativa di «Aurora Eventi» con la partecipazione dell’Amministrazione comunale e della Fondazione Nuovo Teatro Verdi. La data brindisina a poco più di un mese dall’uscita nelle sale dell’ultimo film di Siani, «Il giorno più bello del mondo», con Stefania Spampinato e Giovanni Esposito, quest’ultimo vecchia conoscenza del Verdi.

I biglietti sono in vendita presso il botteghino del Teatro (apertura dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, ore 11-13 e 16.30-18.30) oppure online sul circuito vivaticket.it

Si comincia alle ore 21

Durata: 120 minuti (due atti)

Biglietteria online https://bit.ly/2PPGVCa 

Info www.nuovoteatroverdi.com - T. (0831) 562 554


 

DRACULA, LA DISCESA NEGLI INFERI DI LO CASCIO E RUBINI

Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini si confrontano con un cult della letteratura gotica: «Dracula» è metafora del buio dell’anima incarnata dal vampiro più celebre di sempre. Un mito romantico e moderno di intramontabile fascino con un cast ed effetti speciali da grande produzione. Appuntamento al Verdi di Brindisi martedì 10 dicembre con sipario alle ore 20.30. 

Un classico moderno riletto dai grandi protagonisti della scena italiana. Martedì 10 dicembre - sipario alle ore 20.30 - in scena al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi «Dracula», il capolavoro letterario di Bram Stoker: un viaggio notturno verso l’ignoto, un viaggio tra lupi che ululano, grandi banchi di foschia e cavalli dalle narici infuocate.

L’ultimo grande romanzo gotico è affidato a uno dei grandi interpreti del teatro e del cinema italiano, Luigi Lo Cascio, sul palco al fianco di Sergio Rubini che cura anche la regia.

Ma prima dello spettacolo, alle ore 20, il foyer farà da scenario al secondo appuntamento del «Brindisi Performing Arts», il festival internazionale di arti performative organizzato dalla AlphaZTL Compagnia d’Arte Dinamica con la direzione artistica del coreografo Vito Alfarano con la partecipazione di diverse realtà della città che sostengono le performance inserite nel cartellone. Al Verdi sarà protagonista Frey Faust, pedagogo americano che danzerà una coreografia dal titolo «Form a motion» ispirata al rapporto tra arte e scienza.

«Dracula» ripropone la celebre storia del giovane procuratore londinese Jonathan Harker, giunto in Transilvania per curare l’acquisto di una proprietà a Londra da parte del conte Dracula. Harker si accosta al cancello del castello del principe dei vampiri come chi comprende a poco a poco di trovarsi in una tomba. Da una monumentale scala al centro della scena i personaggi scendono in un luogo frastagliato da ombre e disseminato di specchi che non riflettono immagini ma solo paure.

La messinscena è anche un viaggio interiore che Harker è costretto a intraprendere. Il giovane avvocato non immagina la sciagura che lo attende, ma immediatamente, appena ha inizio il suo viaggio, sprofonda in un clima di mistero e di scongiuri. È proprio in questo clima di illusione, di oscurità e paura che Harker si ritroverà prima ancora di conoscere il transilvanico e leggendario conte.

Ma il viaggio che il protagonista compie non si limita a quell’esperienza fatta di angoscia e paura. L’orrore di ciò che ha vissuto al castello finisce con l’inghiottire tutta quanta la sua esistenza, diventa un’ossessione che contamina tutto ciò che ha di più caro, destabilizzando irrimediabilmente ogni certezza. Di questo contagio è vittima in primo luogo sua moglie Mina, a cui Harker inizialmente non ha il coraggio di raccontare quanto accaduto. È dalla lettura del diario redatto durante il soggiorno-prigionia dell’agente immobiliare al castello che Mina apprende dell’origine di quel malessere, che sembra essersi impossessato del suo giovane sposo e averlo cambiato profondamente.

Un malessere che come una malattia incurabile finirà per consumare anche lei. Una dimensione nella quale il buio prevarrà sulla luce, il chiarore ferirà come una lama lo sguardo, il cupo battere di una pendola segnerà il tempo del non ritorno, uno scricchiolio precederà una caduta e il silenzio l’arrivo della bestia che morde e uccide. Una realtà malata nella quale sarà impossibile spezzare la tensione e da cui sembrerà difficile uscire vivi.

Una spasmodica avventura sensoriale questo «Dracula» (producono «Teatro della Toscana» e «Teatro Nuovo» di Marco Balsamo), disperso fra le nebbie di Friedrich e le tempeste di Turner, preda di spiriti maligni e incubi assordanti, fra stormir di fronde, ululanti lupi, topi squittenti, dove fa capolino una irridente vena parodistica. Non aprite quella porta. Buia è la notte all’Overlook Hotel. Completano il cast Lorenzo LaviaRoberto SalemiGeno Diana e Margherita Laterza.

Si comincia alle ore 20.30

Durata: un’ora e 45 minuti (atto unico)

Biglietteria online https://bit.ly/34F0Vfh

Info www.nuovoteatroverdi.com - T. (0831) 562 554 - 229 230



News Evento

Leggi anche


Data ultimo aggiornamento pagina 2019-12-03 10:40:39
Inserito da Michela Gesualdi
Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.
artisticamente-2018-desk-728x90