sfondo endy
Gennaio 2020
eventiesagre.it
Gennaio 2020
Numero Evento: 21132623
Teatro Teatro
Nuovo Teatro Comunale Verdi
Stagione 2019-20
Date:
Dal: 20/10/2019
Al: 06/04/2020
Dove:
Logo Comune
Via Giovanni Tarantini, 35
Puglia - Italia
Contatti
Tel.: 0831 562554
Fonte
Ufficio stampa Fondazione Nuovo Teatro Verdi
Scheda Evento

Nuovo Teatro Comunale Verdi

Stagione 2019-20

Da Domenica 20 Ottobre 2019 a Lunedì 06 Aprile 2020 -
Teatro Verdi - Via Giovanni Tarantini, 35 - Brindisi (BR)

Nuovo Teatro Comunale Verdi - Brindisi

Nuovo Teatro Verdi: parte la campagna per i nuovi abbonati

Prosegue la campagna abbonamenti per la stagione teatrale 2019-20 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Dopo l’apertura dedicata ai rinnovi, partono mercoledì 11 settembre, infatti, i nuovi tesseramenti all’intera stagione, un format ispirato alla storia artistica di Vincent Van Gogh, denominato «Notte stellata», che comprende 13 titoli in cartellone. Un ricco carnet di proposte che attraversa epoche, stili e generi, fra tradizione del classico ed esplorazione dei territori artistici più vivaci dalla scena contemporanea. L’abbonamento «Notte stellata» (13 spettacoli) ha il costo di 280 euro nel primo settore, 250 euro nel secondo, 205 in galleria. Restano confermate le agevolazioni per gli studenti fino a 25 anni, 100 euro in tutti i settori, e per i ragazzi fino a 12 anni (e gruppi scolastici di almeno 15 studenti), 70 euro in qualsiasi settore.

Come ogni anno, all’abbonamento completo si aggiungono due proposte più “light” che comprendono ciascuna sei titoli. Anche in questo caso l’ispirazione arriva dalle opere del genio olandese, protagonista nello spettacolo con Alessandro Preziosi del 17 febbraio: «I Girasoli» e «Iris». L’abbonamento «I Girasoli» include i seguenti spettacoli: «L’attimo fuggente», «L’isola magica», «Il berretto a sonagli», «#PiùShakespearePerTutti», «La rottamazione di un italiano perbene», «The Full Monty» (17 marzo). «Iris» i titoli: «Dracula», «Così parlò Bellavista», «La menzogna», «Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco», «Non è vero ma ci credo», «Ghost. Il Musical». Le due tipologie hanno il costo di 140 euro nel primo settore, 125 nel secondo, 102 in galleria. Per gli studenti 60 euro, per i ragazzi fino a 12 anni 38 euro, in ogni settore del teatro. «I Girasoli» e «Iris» saranno disponibili lunedì 23 e martedì 24 settembre per le conferme (senza tuttavia prelazione sul posto) dei vecchi abbonamenti parziali («Emozioni» e «Futura»), mentre da mercoledì 25 settembre saranno a disposizione per tutti gli interessati.

I due abbonamenti parziali non comprendono «Perfetta», lo spettacolo con Geppi Cucciari in programma l’11 febbraio 2020, ma agli abbonati è data priorità per l’acquisto del biglietto. Tutte le formule di abbonamento non comprendono, infine, «È questa la vita che sognavo da bambino?», spettacolo con Luca Argentero che apre la stagione domenica 20 ottobre alle ore 20.30, per il quale sarà possibile acquistare i biglietti da lunedì 30 settembre (o anche prima insieme con l’abbonamento). Infine, a partire da lunedì 21 ottobre disponibili i biglietti per tutti gli altri spettacoli in cartellone.

Aperture botteghino

Per il mese di settembre, il botteghino del teatro sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì.
Gli orari di apertura sono dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 20 (info tel. 0831 562 554).

La stagione

Si comincia il 20 ottobre con un fuori abbonamento: «È questa la vita che sognavo da bambino?», protagonista uno degli attori di cinema più amati, Luca Argentero, che presenta uno spettacolo dedicato alla storia di tre grandi sportivi come “Luisin” Malabrocca, “l’inventore” della maglia nera al Giro d’Italia, Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide scoprì che la minaccia più grande per l’uomo è l’uomo stesso, Alberto Tomba, il campione olimpico capace di fermare il festival di Sanremo. Tre storie completamente diverse, quelle di tre ineguagliabili sportivi italiani.

La nuova programmazione contiene alcuni espliciti richiami alla storia del cinema, che traccia la sua influenza in diversi titoli del cartellone: la proposta artistica rafforza e consolida il teatro nel suo essere “luogo” di confronto costante con la scena contemporanea, estendendo lo sguardo, oltre che alla letteratura, anche alle arti performative, al comico d’autore e al musical. Le scelte del direttore artistico, Carmelo Grassi, si confermano orientate sulla qualità delle produzioni: beniamini del pubblico, maestri della scena, testi classici, commedie e nuovi autori sono i protagonisti della nostra “magica trasformazione” che inizia a ottobre e si conclude ad aprile. I nomi del migliore cinema italiano sfidano la scena accanto ai grandi artisti dello spettacolo dal vivo: Luca Argentero, Ettore Bassi, Luigi Lo Cascio, Sergio Rubini, Elisa Barucchieri, Geppy Gleijeses, Marisa Laurito, Gianfranco Jannuzzo, Serena Autieri, Paolo Calabresi, Antonio Stornaiolo, Vito Signorile, Geppi Cucciari, Alessandro Preziosi, Carlo Buccirosso, Enzo Decaro, Paolo Conticini e Luca Ward, sono solo alcuni dei protagonisti che formano il nuovo cartellone del Verdi.

PROGRAMMA

domenica 20 ottobre (fuori abbonamento)
Luca Argentero
È QUESTA LA VITA CHE SOGNAVO DA BAMBINO?
di Gianni Corsi
regia Edoardo Leo
prosa/teatro di narrazione

venerdì 15 novembre
Ettore Bassi
L’ATTIMO FUGGENTE

drammaturgia e trasposizione Tom Schulman
regia Marco Iacomelli
prosa

martedì 10 dicembre
Luigi Lo Cascio Sergio Rubini 
DRACULA

da Bram Stoker
adattamento Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi
regia Sergio Rubini        
prosa/drammatico

giovedì 19 dicembre
Elisa Barucchieri ResExtensa
L’ISOLA MAGICA
Shakespeare in dream
*
coreografie Elisa Barucchieri
testo Selene Favuzzi
danza aerea

venerdì 3 gennaio
Geppy Gleijeses
con Marisa Laurito e Benedetto Casillo
COSÌ PARLÒ BELLAVISTA

dal film di Luciano De Crescenzo
adattamento Geppy Gleijeses Alessandro Siani
prosa/commedia

venerdì 10 gennaio
Gianfranco Jannuzzo
IL BERRETTO A SONAGLI

di Luigi Pirandello
regia Francesco Bellomo
prosa/commedia

giovedì 23 gennaio
Serena Autieri e Paolo Calabresi
LA MENZOGNA

di Florian Zeller
regia Piero Maccarinelli
prosa/commedia

lunedì 3 febbraio
Antonio Stornaiolo e Vito Signorile
#PIÙSHAKESPEAREPERTUTTI

di Antonio Stornaiolo
teatro contemporaneo

martedì 11 febbraio
Geppi Cucciari
PERFETTA

testi e regia Mattia Torre
musiche originali Paolo Fresu
comico

lunedì 17 febbraio
Alessandro Preziosi
VINCENT VAN GOGH
L’odore assordante del bianco

di Stefano Massini
regia Alessandro Maggi
prosa/drammatico

martedì 3 marzo
Carlo Buccirosso
LA ROTTAMAZIONE DI UN ITALIANO PERBENE

con Rosalia Porcaro
scritto e diretto Carlo Buccirosso
prosa/commedia

giovedì 12 marzo
Enzo Decaro
NON È VERO MA CI CREDO

di Peppino De Filippo
regia Leo Muscato
prosa/commedia

martedì 17 marzo
mercoledì 18 marzo (fuori abbonamento)
Paolo Conticini e Luca Ward
THE FULL MONTY
*
di Terrence McNally e David Yazbeck
adattamento e regia Massimo Romeo Piparo
musical

lunedì 6 aprile
GHOST - IL MUSICAL
musiche Dave Steewart e Glen Ballard
regia Federico Bellone
musical


 

SERENA AUTIERI E PAOLO CALABRESI AL VERDI CON «LA MENZOGNA»

Serena Autieri e Paolo Calabresi portano in scena al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi la commedia «La Menzogna» del drammaturgo francese Florian Zeller, che indaga il desiderio, il tradimento, la verità e la menzogna nelle relazioni d’amore.
Appuntamento giovedì 23 gennaio con sipario alle ore 20.30. Prima dello spettacolo, nel foyer del Teatro sarà protagonista la danza contemporanea con una performance di Manfredi Perego dedicata al tema dell’inquietudine.

Serena Autieri e Paolo Calabresi sono i protagonisti de «La Menzogna», commedia in scena al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi giovedì 23 gennaio con sipario alle ore 20.30. Una partita divertente e crudele che confonde i confini fra la menzogna e la verità, tra il reale e l’immaginario. I due attori si misurano con un testo scoppiettante, scritto da Florian Zeller, ricco di colpi di scena e di ironia, per la regia di Piero Maccarinelli. Per Serena Autieri è un ritorno a Brindisi, tre anni dopo il musical «Vacanze romane» con Attilio Fontana.

Prima dello spettacolo, alle ore 20, il foyer farà da scenario al sesto appuntamento del «Brindisi Performing Arts», il festival internazionale di arti performative organizzato dalla AlphaZTL Compagnia d’Arte Dinamica con la direzione artistica del coreografo Vito Alfarano. Al Verdi sarà protagonista Manfredi Perego, coreografo e danzatore di talento, con «Meditation», una performance che traduce in danza una riflessione sull’inquietudine, sulle sensazioni che restano nascoste nel profondo. «Meditation» è l’idea fisica che proietta e plasma il processo creativo.

La commedia è un vaudeville contemporaneo in cui Florian Zeller, il drammaturgo e romanziere francese che ne ha scritto il testo nel 2014, propone numerose varianti sul tema del desiderio, del tradimento, della verità e della menzogna in un rapporto coniugale. Durante una cena, due coppie di amici si ritrovano dopo tanto tempo a parlare della loro vita e delle loro esperienze non senza un disagio che si profila dalle prime battute.

Paolo e Alice e Lorenza e Michele (questi ultimi interpretati da Eleonora Vanni e Totò Onnis) credono di vivere in un sistema di valori accettati e condivisi, ma che possono essere facilmente disattesi e l’adulterio si prefigura come l’unica possibilità per vivacizzare la routine della vita matrimoniale. Se la trama della commedia si limitasse a questo penseremmo che è obsoleta e scontata. Invece, nel testo di Zeller (ecco l’elemento originale) il ruolo dei personaggi in scena sottolinea che non è necessario distinguere la verità dalla menzogna. Gli attori si prestano a questo “gioco” con battute, allusioni, metafore, giri di parole che nascondono frustrazioni, risentimenti e bugie. Il gioco è convincere l’altro della propria verità… o della propria menzogna?

I quattro attori regalano al pubblico novanta minuti di divertimento e riflessione sulla vita di coppia e sulle ambiguità dei rapporti interpersonali facendolo con leggerezza e credibilità, senza mai dare la sensazione che si stia mentendo. La regia di Piero Maccarinelli tratteggia con efficacia e consumata abilità le sfumature psicologiche dei personaggi, sottolineandone i caratteri volutamente ambigui e ambivalenti.

«Il mio personaggio - racconta Calabresi - non dice mai la verità, come del resto nessuno degli altri protagonisti. Anche quando sembra che le carte siano ormai scoperte, in realtà sono scoperte dal lato sbagliato. Il testo non ostenta la sua parte comica, che pure gioca una parte importante, ma va molto in profondità; apre una porta e poi un’altra e va sempre un po’ più in là, scavando, alimentando una non chiarezza che ha la pretesa di essere credibile».

Nel 2016 anche Paolo Genovese con il film «Perfetti sconosciuti» aveva messo al centro le menzogne e le verità nascoste di un gruppo di amici. «Alice, il mio personaggio, agisce giocando a carte scoperte per tirare fuori la verità a tutti - dice la Autieri -. È davvero intrigante entrare nella sua psicologia di bugiarda, è un continuo mettere e togliere maschere».

Si comincia alle ore 20.30
Durata: un’ora e 30 minuti senza intervallo
Biglietteria online https://bit.ly/35NmXMB
Info www.nuovoteatroverdi.com - T. (0831) 562 554 - 229 230

 



News Evento

Leggi anche


Data ultimo aggiornamento pagina 2020-01-13 16:02:43
Inserito da Michela Gesualdi
Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.