sfondo endy
Eventi Settembre 2017
eventiesagre.it
Eventi Settembre 2017

Eventi in Emilia Romagna

Categoria
Sezione
Nazione
Regione
Provincia
Comune

Oggi
Domani
Mese
Dal
Al
Ricerca nel titolo
Ricerca nel testo

Hai cercato: festa dell'Unita di Buda nel testo
Eventi in Evidenza
per inserire il tuo evento in questo spazio clicca qui
Top Promo
per inserire il tuo evento in questo spazio clicca qui

Elenco Eventi da 11 a di

Risultati Ricerca
Ordina Per: Titolo / Data / Regione / Provincia / Città

Elenco Eventi da 11 a di

Gli Eventi, le Sagre, le Fiere ,i Festival,  le Manifestazioni , i Mercatini, in Emilia Romagna
Tornare indietro nella storia in Emilia-Romagna si può, e senza macchina del tempo.
Vivere i fasti dell’epoca rinascimentale, indossare costumi medievali, assistere a battaglie all’ultimo sangue e a tornei fra cavalieri, prender parte a cortei, svolgere i mestieri tradizionali, gustare abbondanti banchetti e libagioni, sollazzarsi fra menestrelli, mangiafuoco, sbandieratori, musici e danzatori. L’atmosfera e la vita di un tempo diventano presente alle feste e palii in costume che, lungo la Via Emilia, ripercorrono antiche glorie e vicende che hanno segnato la storia di molti territori.
Tra le rievocazioni di lunga tradizione si distingue quella della città di Ferrara dove si corre il Palio più antico del mondo, dal 1259, un’occasione per fare festa e ricordare il Rinascimento, un tempo in cui la città poteva dirsi una capitale. Per tutto il mese, a partire dal 13 maggio, festeggiamenti, il magnifico corteo in costume rinascimentale con oltre 1000 figuranti, spettacoli drammatizzati, sbandieratori e musici vi accompagneranno fino alla spettacolare corsa dei cavalli nella Piazza Ariostea, domenica 28 maggio, un'esaltante gara per aggiudicarsi il drappo di San Giorgio, patrono della città.
Il Castello dei Ronchi di Crevalcore, in provincia di Bologna, fa “Quattro passi nel Medioevo” il 6 e 7 maggio. Torniamo all’anno 1390, alla battaglia che vide Crevalcore teatro di importanti fatti d'arme, con lo scontro tra l'esercito del duca Alberico da Barbiano, comandante delle truppe bolognesi, e l'esercito visconteo. Re-enactors e gruppi d'arme da tutta Italia regalano ai visitatori momenti di vita quotidiana nell'accampamento così come combattimenti e tiro con l'arco. Non mancano intrattenimenti musicali e teatrali, incontri didattici su armi e artigianato e un fornito punto ristoro medievale.
Negli stessi giorni, anche la vicina San Giorgio di Piano apre “Una Finestra sul Medioevo”, per ricordare la "Grancontessa" Matilde di Canossa, una delle figure più importanti e interessanti del Medioevo italiano. All’accampamento militare vengono riprodotti gli antichi mestieri da veri e propri armigeri e arcieri. Gli sbandieratori e numerosi altri figuranti in costume percorrono le strade del centro dove si svolgeranno esibizioni e spettacoli, accompagnati con idromele, birra artigianale e, ovviamente, piatti di ispirazione medievale.
Dal 12 al 14 maggio potete tuffarvi nel Medioevo a Rievocandum Cinquecentesca", che quest'anno si svolge a Campovolo di Reggio Emilia. Oltre 800 figuranti fra soldati, armaioli, mercanti, sbandieratori, musici presentano i mestieri dell'epoca e scene di vita quotidiana medievale, in un clima di festa caratterizzato da spettacoli di ogni genere con artisti provenienti da 6 nazioni e dalle proposte gastronomiche di 14 taverne.
A Lugo, nel ravennate, dal 13 al 21 maggio la storia ci fa rivivere il “Palio della Contesa Estense”. Un’intera settimana di fasti, giochi, processioni, spettacoli e anche visite guidate in onore del Duca Borso d'Este che nel 1471, recandosi a Roma per ricevere da Papa Paolo II il titolo di Duca di Ferrara, pernottò nel Castello di Lugo insieme al suo imponente corteo, portando giorni di grande festa per la Città che allora godeva di benessere e pace. Fra i tanti palii e trofei in programma si celebra quest'anno il 40° Palio degli Sbandieratori.
Secolare è la rievocazione dello Sposalizio del Mare in programma a Cervia.. Il rito risale a una leggenda che si perde nella notte dei tempi, giungendo quest’anno alla sua 573° edizione. Il voto fatto dal Vescovo di Cervia Pietro Barbo, che sorpreso da una terribile tempesta in mare gettò il suo anello alle acque riuscendo così a placarle, da allora è sempre stato celebrato nella località marinara dal 1445 con cerimonie e festeggiamenti. Il giorno della celebrazione dell'antico rito in mare e della sfida della pesca dell'anello, dove i giovani cervesi si contendono il "trofeo" che promette fortuna e prosperità, è preceduto dalla Cursa di Batell - regata storica con imbarcazioni armate al terzo - e dal Trofeo dell'anello - gara di tiro con l'arco - nonchè da mostre, spettacoli e mercatini.