INFORMATIVA
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Babalù Live

Domenica 06 Dicembre 2009 -
Tito Scalo - Tito (PZ)

  • Inserito da: Gianfranco

Primo concerto live per i BABALU', il nuovo progetto artistico che mescola la musica etnica a quella elettronica

Domenica 6 dicembre alle ore 21 presso l'E.F.A.B. di Tito Scalo (Pz) in occasione della Fiera "Idea Regalo", si terrà il primo concerto live dei "Babalù", il gruppo che mescola la musica etnica a quella elettronica nato presso "Officina Record" , luogo di incontro e di creazione, a Potenza nell'estate del 2009, da un'idea di Gianluca Sanza, Maria Anna Nolè e Viviana Fatigante, ed attualmente in studio per la realizzazione del primo album in uscita a maggio. Il nome della formazione deriva dall'importante Orisha, semidivinità appartenente al culto Yoruba, mitologia sviluppatasi in Africa e trasmigrata poi con la deportazione degli schiavi a Cuba. Ed è proprio nella multiculturalità che si trova la cifra espressiva dei "Babalù": la coesistenza delle esperienze artistiche dei sette componenti e la creazione di un sound ricco di influenze musicali eterogenee, partendo da quelle suggestive del sud Italia per arrivare sino a quelle dell'Africa, dell'India e della Jamaica, fanno sì che il gruppo si presenti come progetto unico nel panorama dei nuovi linguaggi sonori e sperimentativi della regione. I testi, scritti interamente in lingua "napotentina" (fusione dei dialetti campano e lucano) trattano tematiche sociali e antirazziali, promuovendo e perseguendo quale finalità prioritaria, il processo d'integralismo tra il mondo occidentale e orientale. I componenti, accomunati dalla passione per le proprie radici meridionali, riescono soprattutto grazie alla diversità dei loro bagagli artistici e culturali, a fondere ciò che è vicino e lontano, passato e futuro per una nuova chiave di lettura della nostra contemporaneità.

Gianluca Sanza, la voce ed il basso, ha collaborato con diversi artisti tra cui Tony Esposito e "I Tarantolati di Tricarico", Mango e Antonello Venditti ed è il fonico residente di "Officina Record"di Potenza. Mariano Caiano (aka Hobo), la voce e le percussioni, l'unico napoletano della formazione, nel corso della sua carriera artistica ha suonato, sia in studio che dal vivo, con Alan Sorrenti, Gianni Bella, Tony Esposito, Cafè Latino, 99 Posse, Articolo 31, Daniele Sepe, Roberto Giangrande, Winston Francis, Nino Buonocore, Joe Barbieri e tanti altri ancora e da circa nove anni è una delle voci soliste dell'Orchestra Italiana di Renzo Arbore. Maria Anna Nolè è la tamburellista ed è anche l'ideatrice del progetto Danze Iatriche "Iatrida", affermata compagnia di ballo potentina, nota per le sue particolari coreografie ideate e realizzate con i volti coperti da maschere bianche, che sarà corpo di ballo ufficiale dei Babalù. La voce di Viviana Fatigante, versatile ed inconfondibile, si adagia sulle composizioni, donando ai brani la verace essenza degli antichi canti popolari. Nel 1996 Viviana entra a far parte, come soprano, del coro di voci a cappella della Camerata Vocale Lucana diretta dal maestro Olindo Linguerri, mentre nel 2008 partecipa, come corista, nell'album "Abballam" dei "Tarantolati di Tricarico" e, nello stesso anno, al tour del gruppo. Luca Fabrizio, alla mandola e alle chitarre, da sempre unisce alla sua personalità di musicista classico, una profonda passione per la musica "non colta" che lo ha spinto a collaborare -anche in qualità di compositore ed arrangiatore- con numerosi artisti in diversi lavori discografici, toccando i generi più svariati, spaziando dalla musica teatrale alla fusion, dal rock alla musica etno-popolare. Antonello Ruggiero,alla batteria, è il cuore pulsante della formazione, l'incastro perfetto tra le ritmiche dell'Africa e dell'India e i tamburelli del sud Italia. Infine, la più giovane del gruppo è la tamburellista Paola Calbi, che affianca Maria Anna Nolè, restituendo al pubblico con grazia e preparazione la sua passione per la musica e le tradizioni popolari.

Eventi a Tito

Eventi nella Provincia di Potenza

Eventi nella Regione Basilicata