sfondo endy
Luglio 2019
eventiesagre.it
Luglio 2019
Numero Evento: 6729
Eventi Mostre
Le Meraviglie Di Venezia
Dipinti del '700 in collezioni private
Date:
Dal: 14/03/2008
Al: 27/07/2008
Dove:
Logo Comune
Friuli Venezia Giulia - Italia
Contatti
Telefono:
Fonte
Mercatini e Curiosita'
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento

Le Meraviglie Di Venezia - GoriziaA GORIZIA
DAL 14 MARZO AL 27 LUGLIO 2008
LA MOSTRA

LE MERAVIGLIE DI VENEZIA
DIPINTI DEL '700 IN COLLEZIONI PRIVATE

A Palazzo della Torre, 120 opere ripercorrono una delle stagioni più raffinate della storia dell'arte italiana, con lavori di Canaletto, Bellotto, Marieschi, Guardi, Marco e Sebastiano Ricci, Giambattista e Lorenzo Tiepolo, Longhi, provenienti da collezioni private.

Dal 14 marzo al 27 luglio 2008, Gorizia diventerà teatro di un'iniziativa di grande valore culturale e artistico. Le rinnovate sale di Palazzo della Torre, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, ospiteranno la mostra LE MERAVIGLIE DI VENEZIA, che presenterà 120 opere, tutte provenienti da raccolte private, realizzate dai più importanti esponenti del Settecento veneziano, da Canaletto a Bellotto, da Marieschi a Guardi, da Marco e Sebastiano Ricci a Giambattista e Lorenzo Tiepolo, da Zuccarelli a Longhi.

L'esposizione, curata da Dario Succi e Annalia Delneri, è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, prodotta e organizzata da Artematica, main sponsor Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, rivelerà capolavori di una delle stagioni più raffinate della storia dell'arte, solitamente accessibili agli studiosi, finalmente fruibili anche a un pubblico più allargato.

"Palazzo della Torre - afferma Franco Obizzi, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia - sito in via Carducci, l'antica via dei Signori nel cuore storico di Gorizia, rappresenta un'importante testimonianza della storia goriziana e di un'istituzione economica come la Cassa di Risparmio. La Fondazione, avendone ereditato il patrimonio e le finalità sociali, ha quindi deciso di acquistare l'immobile per destinarlo a propria sede e allo svolgimento della sua attività istituzionale, con l'intento di trasformarlo in uno spazio culturale che si propone di diventare il motore dell'attività culturale della nostra provincia e non più mero contenitore, con un calendario che, già fin d'ora, è denso di appuntamenti".

"Con Artematica - sottolinea il suo amministratore delegato Andrea Brunello - abbiamo intrapreso un percorso di grandi eventi culturali che hanno un'attenzione particolare alla valorizzazione di opere legate al territorio, come questa mostra di Gorizia e come quella dedicata a Canaletto che apriremo a ottobre a Treviso".

"Siamo consapevoli che la promozione di progetti culturali rappresenti un forte elemento di identità del territorio e un importante fattore di sviluppo - ha proseguito Carlo Appiotti, Presidente Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia. Per questa ragione la Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia ha sostenuto con convinzione la realizzazione di questa interessante iniziativa che vede una feconda collaborazione con la Fondazione CARIGO con l'obiettivo di offrire opportunità al territorio".

Il percorso espositivo, si aprirà con le vedute di Luca Carlevarijs, l'artista di origine friulana che per primo seppe evocare l'unicità dell'atmosfera di Venezia, cogliendo il valore mitico della sua storia millenaria e la vivacità dei suoi abitanti. Carlevarijs riuscì a elevare la veduta dal livello di mero documento topografico a quello di immagine poetica della città. Carlevarijs concentrò l'attenzione sui luoghi monumentali di Venezia evocandone il valore simbolico e incanalando lo spazio prospettico in direzione di quella poesia atmosferica che costituì una delle più alte conquiste del secolo.
Un'importante sezione sarà dedicata alle opere di Canaletto, che imponendosi sulla scena veneziana alla metà degli anni venti creò vedute ineguagliabili nelle quali la bellezza della Serenissima viene descritta con occhio attento e collocata nella dimensione di uno spazio assoluto, di una realtà luminosa e certa: il disegno impaginativo, lucido e coerente, salda le architetture, i cieli e le acque in immagini solari dalle quali è espunta qualsiasi concitazione. Lo spazio secondo ragione della Venezia di Canaletto è quello di una città pittorica che non dipende in alcun modo dall'esattezza topografica pur creando un sorprendente effetto di realtà.

Le scoperte e le conquiste di Canaletto negli anni trenta funsero da modello per il nipote Bernardo Bellotto entrato nella bottega dello zio attorno al 1735-1736, e per Michele Marieschi; ma se, Bellotto operò una sintesi tra le atmosfere immobili e la resa minuziosa delle architetture, tipiche di Canaletto, traducendole in una poetica più calda e appassionata, Marieschi seppe staccarsi dai moduli di Canaletto, dando vita a una pittura più genuina, in cui la forma della città risulta ricreata sulla tela con grande trasporto emotivo.

Nella seconda metà del secolo, in evidente aderenza con l'atmosfera di incertezza e di declino politico ed economico di una città che ormai viveva dei ricordi di un glorioso passato, la lunga vicenda artistica di Francesco Guardi si condensa nell'espressione pittorica di una Venezia quasi fantomatica, vista in dissolvenza tra bagliori luminosi e indistinti aloni di colore. Vedute e capricci si confondono in visioni caratterizzate da un senso di infinita lontananza, di silenzi sospesi tra mare e cielo, come se l'artista volesse catturare l'essenza e l'anima di Venezia.

Il percorso prosegue con la pittura di paesaggio, un genere che si affermò a Venezia sul finire del Seicento e conobbe una straordinaria fortuna perché rispecchiava il mutato rapporto della città lagunare con la terraferma dopo il definitivo tramonto dell'ideale mercantile sul quale la Serenissima aveva costruito le proprie fortune.
Nei dipinti di Marco Ricci si rispecchia la varietà e la gaiezza del paesaggio veneto, dalle aspre montagne del bellunese alle silenti lagune. In questo senso, il Grande paesaggio con fiume, lago e figure rappresenta una delle vette stilistiche più alte mai raggiunte dall'artista bellunese, che si traduce in una visione paesistica in cui la natura diviene, insieme all'uomo, protagonista della storia ideale e quotidiana.
Il paesaggio arcadico è presente con stupende opere di Francesco Zuccarelli e di Giuseppe Zais nelle quali viene evocata una natura popolata da pescatori, pastorelli, cavalieri con cappelli piumati, lavandaie. Luminosità soffuse, ombre leggere, orizzonti vaporosi, acque smeraldine, boschetti odorosi sono i motivi dell'idillio arcadico comunicato dai due artisti con una felicità espressiva che realizza pienamente la concezione della pittura quale canto libero, diretto a meravigliare con la dolcezza delle lusinghe di invenzione, colore e tono.

Il profumo e l'aria di Venezia vengono restituiti in modo non meno efficace nelle opere dei pittori di storia e di figura, che restituiscono l'atmosfera piena di sensualità e di abbandono nei dipinti a soggetto mitologico ed in quelli creati per la devozione domestica.

La sezione comprende tele di Sebastiano Ricci, Giambattista Tiepolo, Antonio Pellegrini, Jacopo Amigoni, Gianantonio Guardi, Gaspare Diziani, accomunate da una vibrante energia espressiva che segna il trionfo della gioia di vivere.
Dèi ed eroi dell'antichità sono rappresentati con l'eleganza raffinata tipica del rococò che, in una visione di bellezza radiosa e sensuale, celebra la gloria dell'amore e l'apoteosi mitologica nelle immagini del trionfo di Anfitrite, di Amore e Psiche, di Venere e Marte. In questo universo di rappresentazione la seduzione opera tutte le sue risorse: l'ornamento, l'abito elegante, la maschera tessono la trama della commedia mondana, mentre la vita di salotto - nei palazzi, al Ridotto, nelle piazze, nelle botteghe del caffè - si dipana in una atmosfera di douceur de vivre.

L'incanto di Venezia rivive in una stupenda tela di Lorenzo Tiepolo con la dama che si impone nel suo abito rosso, tra i fruscii delle sete, le maschere ornate di trine che si congiungono con le pieghe dei mantelli: la seduzione acquista l'evidenza icastica di una pittura che fissa l'eloquenza dell'attimo fuggente.
L'affresco dell'epoca viene completato con una accurata galleria di ritratti di Rosalba Carriera, di Giuseppe Nogari e di Pietro Rotari, artisti che nel "vero" dei volti seppero restituire la svaporata delicatezza dell'epoca.

Accompagna l'esposizione un catalogo Marsilio editore.

LE MERAVIGLIE DI VENEZIA. Dipinti del '700 in collezioni private
Gorizia, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia - Palazzo della Torre (via Carducci 2)
14 marzo - 27 luglio 2008

Orari
10.00 -19.00. Lunedì chiuso

Biglietti
Intero E 6,00
Ridotto E 4,00 (gruppi di almeno 15 e massimo 25 persone, visitatori oltre i 60 anni, minori da 6 a 18 anni, studenti fino a 26 anni non compiuti con tessera o libretto universitario, forze dell'ordine non in servizio)
Ridotto speciale scuole E 2,00 (gruppi di studenti delle scolaresche)
La biglietteria chiude un'ora prima della chiusura della mostra.
Catalogo: Marsilio editore

Per informazioni:
Silvia Leban, cell. +39.338.5383454 -  s.leban@artematica.tv
Artematica, tel. +39.0422.410886 -  info@artematica.tv
Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia - tel. +39.0481.548164 -  info@fondazionecarigo.it

Sito web:  www.artematica.tv



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2008-02-22 21:13:28
    Inserito da Monica
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.