sfondo endy
Giugno 2018
eventiesagre.it
Giugno 2018
Numero Evento: 21169298
Eventi Mostre
Sara Giusti
Le Città Sull'acqua
Date
Dal: 23/03/2018
Al: 15/04/2018
Dove:
Logo Comune
Campania - Italia
Contatti
Fonte
Maria Beatrice Crisci
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
Cassa di risparmio Ravenna Naz desk maggio 2018
scuola-napoletana-madonnari
Italcredi 15 giugno Nazionale

Sara Giusti

Le Città Sull'acqua

Da Venerdì 23 Marzo a Domenica 15 Aprile 2018 - dalle ore 17:00
Pan - Palazzo Delle Arti - Napoli (NA)

Sara Giusti - Napoli

“Le città sull'acqua” Sara Giusti in mostra al PAN

Si inaugura venerdì 23 marzo 2018 alle ore 17 al PAN | Palazzo delle Arti di Napoli Le città sull'acqua, omaggio all’artista Sara Giusti (1906 – 2004). La mostra si presenta come una selezione tematica all’interno della vasta produzione della pittrice, siciliana di origine, ma giunta a Napoli poco più che quarantenne ed entrata subito a far parte della vita culturale partenopea, partecipando attivamente agli eventi cittadini.

Promosso dall’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli, a cura di Enzo Battarra, il percorso espositivo prende il titolo dal ciclo di opere forse più rappresentativo di Sara Giusti, in mostra per la prima volta in un allestimento per exempla al PAN.

Sono affascinati le tempere e i collage di Sara Giusti che nascono a partire dai primi anni Settanta, e si resta anche sorpresi da tutta la produzione grafica di quel periodo. Sono il punto di arrivo di una temperie culturale, di un viaggio interiore condotto nel meraviglioso mondo dell’arte. Lei è stata una donna del Novecento, ha praticamente attraversato tutto il secolo, conoscendo il male del mondo, le dittature, le guerre, i disastri naturali e quelli provocati dall’uomo. Ma ha conosciuto anche il clima delle avanguardie artistiche che hanno caratterizzato i primi decenni del Novecento, respirando aria di Sicilia, la sua Sicilia. E poi il trasferimento a Napoli nel Dopoguerra, quando Partenope trovava energie per riprendere a vivere partendo dalle sue macerie. E in città trovò punti di riferimento in artisti, scrittori e intellettuali che avevano pratica di avanguardia. Fu per lei una seconda giovinezza, anzi fu il prosieguo di una giovinezza che non si è mai arrestata, neanche negli ultimi anni. Mente fertile e creativa, entusiasta nello sperimentare tecniche e linguaggi, Sara Giusti è stata un’artista innovatrice, ma sicuramente anche una donna innovativa.

Dopo aver realizzato una produzione sempre significativa per qualità e per quantità, è negli anni Settanta che riesce a creare una sorta di fusione tra le sue tecniche e i suoi linguaggi, contaminando la tempera con il collage, arricchendola di un’ulteriore forma espressiva. E compenetrando anche la figurazione con l’astrazione, realizzando sagome che si muovono come ombre su palcoscenici irreali. Negli accenti più figurativi sono eleganti ed evanescenti macchine umane. In altri momenti prevalgono forme architettoniche di un paesaggio corroso dal silenzio, emergono le città sull’acqua. In altri ancora le immagini sono come raggomitolate su se stesse, ed è qui che si confrontano palesemente i semi delle avanguardie. C’è l’astrazione geometrica, c’è il disegno automatico dei surrealisti, c’è il vortice futurista. E c’è soprattutto Sara Giusti, con tutto il suo impeto creativo ma anche con la sua storia artistica e personale, con tutta la sua raffinatezza femminile di donna d’altri tempi che vive splendidamente il suo tempo.

BIOGRAFIA ARTISTA

Sara Giusti
(Palermo, 1906 – Napoli, 2004)

Sara Giusti nasce a Palermo nel 1906 e giunge a Napoli dopo aver vissuto a Roma e in Puglia, finita la guerra, nel 1947.

A Napoli si ridesta subito in lei l’interessa per la pittura, coltivato sin dalla prima giovinezza, ma sino ad allora soltanto per lei stessa. Spronata dal pittore futurista e scenografo Vittorio Piscopo, casualmente suo collega anche nell’insegnamento scolastico, dal 1950 inizia a partecipare a varie mostre collettive.

Dopo varie mostre di gruppi a Napoli e in altre città, nel giugno 1957, anno in cui vince il Premio Marechiaro, continua con una seconda mostra personale alla Galleria Mediterranea dove espone olii, acquarelli e “tavolette”.

Nel maggio del 1963, personale alla Galleria “La Barcaccia” in via V. Colonna con 60 opere in cui appare la nuova produzione di tempere. Sara Giusti presenta infatti la sua nuova ricerca tecnica, in cui i colori della tempera scorrono su una carta scura preparata con la cera quasi senza l’aiuto del pennello, creando così effetto cromatici nuovi e surrealizzati.

Continua la partecipazione dell’artista alle mostre collettive.

All’inizio degli anni ’70 l’artista, pur non abbandonando l’esperienza delle tempere, arricchendola anzi della tecnica mista tempera-collage e creando contemporaneamente dei veri e propri collage a effetto tridimensionale (Renato de Fusco), entra con il suo tratto inconfondibile nel mondo della grafica. Nel 1974 pubblica una cartella di 5 litografie 50x70 in 120 esemplari numerati e firmati dal titolo “Le Armi e i Cavalieri”, con le Edizioni Scientifiche Italiane (ESI Grafica, Napoli via Chiatamone) mentre è direttore della sezione artistica il Atanasio Mozzillo. La cartella viene presentata all’Istituto Grenoble in contemporanea con le cartelle di altri tre artisti, Guttuso, Caruso e Brancaccio, cartelle che oltre alle grafiche contengono ciascuna la presentazione di uno scrittore che viene affiancato alle loro opere. Così la cartella di Sara Giusti contiene uno scritto dello scrittore Lanfranco Orsini.

Sempre negli anni ’70 Sara Giusti completa la sua esperienza di artista grafica frequentando nel 1978 a Venezia il Corso Internazionale di Grafica Sperimentale, scuola che aveva un’altra sede soltanto a Parigi ed era diretta da Alliata. Tornata a Napoli continua a incidere con il nuovo metodo francese Goetz, appreso a Venezia, su lastre di plastica che vengono incise col pirografo ma ricoperte di altre sostanze plastiche secondo la fantasia dell’artista.

Nel 1978 Sara Giusti esporrà in una personale le sue grafiche - oltre sessanta incisioni con il nuovo metodo - nella sede di Intra Moenia, diretta da Attilio Wanderling, a piazza Bellini.

Dal 1992 in poi, nell’ultimo periodo della sua vita, Sara Giusti ritorna al disegno spogliandolo via via di ogni aspetto figurativo. Sono lavori di varie dimensioni, ottenuti usando i pennarelli Penton per pittori con grande fermezza e libertà di mano.

Nel 1999 l’ultima mostra, una personale ospitata nella sede di Agorà  (in via Orazio 38) dagli architetti che gestivano quei locali, viene presentata da Ugo Piscopo e da Geppino Cilento,  e propone esclusivamente questa sua ultima produzione di disegni, che l’artista desiderava chiamare “Sinorami”, pensando che «tante note di forme e colori potrebbero suscitare la visione, originale e guizzante come il lampo, che l’artista ebbe al disopra della realtà. In questa comunicazione è il messaggio. Non “sinfonia” ma “sinorama”. Tante piccole note visive, forme e colori, susciteranno la sensazione globale, il mondo che l’artista vede, sente, comunica. Come con la musica».  (Nord e Sud, nuova serie, gennaio-marzo 1992, pag. 118 - Chiara Santoianni).

Nell’agosto del 2011 una mostra retrospettiva di acquarelli, grafiche e disegni, nel Municipio di Massalubrense,  ha ricordato alcuni momenti salienti della sua vasta produzione.

Mostre principali
1950: Napoli, Galleria La Tavolozza
1957: Napoli, Galleria Medea (olii); Galleria Mediterranea
1963: Napoli, Galleria La Barcaccia
1972: Zurigo, Galleria n° 7
1976 e 1977: Napoli, Galleria Colonna (inchiostri originali acquarellati)
1989: Napoli, Associazione Intra Moenia (incisioni)
1992: Napoli, Associazione Poiein (acquarelli)
1999: Napoli, Galleria Agorà (sinorami)
2011 retrospettiva: Massa Lubrense, Municipio

SCHEDA MOSTRA
Titolo: Le città sull'acqua
Artista: Sara Giusti
Sede: PAN | Palazzo delle Arti Napoli
Promossa: Comune di Napoli, Assessorato alla Cultura e Turismo
A cura di: Enzo Battarra
Opening: 23 marzo 2018 ore 17
Date: 24 marzo – 15 aprile
Orari: 9.30 - 18.30 martedì chiuso

------------------------------------

Architetture liquide
di Enzo Battarra

Vivono sull’acqua le città di Sara Giusti. Vivono di notte, hanno luci irreali, si specchiano nell’acqua e nei sogni. Sono città stratificate, metropoli futuribili, agglomerati urbani che si inerpicano su su fino a coprire colline, fino a sfidare il cielo. Lo skyline è frammentato, ondulante, contrassegnato da vette e picchi. Questi addensamenti abitativi contengono la vita, la custodiscono e la nascondono. Scorre un tempo senza tempo nei vicoli senza sole, nelle pieghe degli edifici. Tutto è nascosto dai fabbricati che determinano la forma della città. E l’uomo non prende forma. L’architettura sì. Ma il paesaggio architettonico è corroso dal silenzio.

Sono città invisibili, forse invivibili, sono immaginarie e, perché no, inventate. Sono ricordi liquidi addensati in forme urbane, sono quartieri mentali fluidi, fluttuanti. Galleggiano sull’acqua. Nascono dall’acqua, quella della tempera. E si incontrano sulla carta cerata con i frammenti di collage. Queste sono le città di Sara Giusti.

E lei era una donna di mare, nata a Palermo e vissuta fino alla soglia dei cent’anni a Napoli. Dagli inizi del Novecento ai primi anni del 2000, un secolo vissuto intensamente. Ha conosciuto il male del mondo, le dittature, le guerre, i disastri naturali e quelli provocati dall’uomo. Ma Sara Giusti ha conosciuto anche il clima delle avanguardie artistiche, che le hanno dato respiro e dimensione universale. Sembra di sentire la brezza marina far rabbrividire i suoi colossi di cemento, sembra di sentire l’odore di salsedine. Le sue città di mare iniziarono a materializzarsi negli anni Settanta, per poi proseguire nei decenni successivi. Hanno sfidato correnti e movimenti, mode e ritorni all’ordine. E come tutte le sue opere hanno sempre avuto un tessuto di grande innovazione, un anelito irrefrenabile di ricerca, una tumultuosa passione verso una bellezza onirica, immateriale. Opere innovative realizzate da una donna innovatrice, con il passo più veloce dei suoi stessi tempi.

Nel corso della produzione delle città sull’acqua ci sono stati altri filoni di ricerca. Ha dipinto “creature” Sara Giusti, sagome che si agitano come ombre su palcoscenici irreali. Si portano dentro tenzoni dialettiche e cavalleresche. Negli accenti più figurativi sono eleganti ed evanescenti macchine umane. E dopo le città sull’acqua verranno i sinorami, intricati territori della luce, grovigli di segni e di colori, sinfonie visive. Pensieri di luce. Non c’è più paesaggio, non c’è più figura. La pittura danza felice. È l’ultimo omaggio ai semi delle avanguardie. C’è l’astrazione geometrica, c’è il disegno automatico dei surrealisti, c’è il vortice futurista. C‘è Sara Giusti che racconta la sua vita, lei che è rimasta per sempre giovane.



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2018-03-13 17:02:02
    Inserito da Michela Gesualdi
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici o Privati, e organizzatori di eventi. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi, che potrebbero variare, contattando gli organizzatori o visitando il sito ufficiale dell'evento.