sfondo endy
Agosto 2019
eventiesagre.it
Agosto 2019
Numero Evento: 21172045
Eventi Festival
Estate Internazionale Del Folklore E Del Parco Del Pollino
34° Edizione A Castrovillari
Date:
Dal: 16/08/2019
Al: 23/08/2019
Dove:
Logo Comune
Calabria - Italia
Contatti
Fonte
Arca Communication
Scheda Evento

Estate Internazionale Del Folklore E Del Parco Del Pollino

34° Edizione A Castrovillari

Da Venerdì 16 a Venerdì 23 Agosto 2019 - dalle ore 20:30
Castrovillari (CS)

Estate Internazionale Del Folklore E Del Parco Del Pollino - Castrovillari

XXXIV ESTATE INTERNAZIONALE DEL FOLKLORE E DEL PARCO DEL POLLINO
DAL 16 AL 23 AGOSTO 2019 A CASTROVILLARI
#festivalmondialedelfolklore

SVELATO IL PROGRAMMA

Un programma ricco e coinvolgente all’insegna del miglior folklore mondiale, tra musiche, canti, danze e sfavillio di colori grazie alla presenza dei gruppi provenienti da Argentina – Bolivia – Botswana – Brasile Cecenia – Cina - Perù- Sud Africa e naturalmente Italia, con il gruppo ospitante la kermesse “Città di Castrovillari. Questo ed altro ancora è la 34 Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino in programma a Castrovillari dal 16 al 23 agosto 2019.

34 anni , senza interruzioni, oltre 7000 artisti, più di 300 gruppi, 7 giorni di tradizioni, valori, usanze e costumi, una finestra aperta sul mondo anticipata, in conferenza stampa, dalla comunità rumena presente a Castrovillari  e continuerà con le rappresentanze  di NIGERIA-VENEZUELA-CUBA-PAKISTAN-SIRIA- che daranno vita sabato 17 agosto, in Piazza Castello Aragonese, nel centro storico della città del Pollino, al “FESTIVAL DEI POPOLI”. Gastronomia, musica e tradizioni in collaborazione con CIDIS Onlus, Integrando.SI .

La manifestazione  organizzata dall’Associazione Culturale  E.I.F. con il contributo del Comune di Castrovillari, del Parco Nazionale del Pollino, della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, in collaborazione con la Gas Pollino, Pollino gestione impianti , la F.I.T.P. (Federazione Italiana Tradizioni Popolari), lo I.O.V. Italia  i brand ACT ( Ambiente, Cultura e Turismo), Castrovillari Città Festival e l’apporto di sponsor privati, è stata presentata presso Palazzo di città.

Presenti il sindaco, Mimmo Lo Polito, il suo Vice, Francesca Dorato, il Vicepresidente del consiglio, Piero Vico, il Presidente del Parco del Pollino Mimmo Pappaterra, il consigliere provinciale, Carlo Lo Prete, quello regionale, Gianluca Gallo  e naturalmente  il  direttore artistico Antonio Notaro.  L’evento è stato aperto dal “Flash Mob” delle allieve del progetto CEA dirette dalla Maestra Tilde Nocera che sabato 16 agosto alle ore 22,00 coinvolgerà il popolo del  Festival che si ritroverà alle ore 22.30 in Piazza Castello con il “Fader J Festival Party”,  una sorta di discoteca a cielo aperto, pensata per ricordare Mirko Ruberto, scomparso prematuramente, Amante della musica a 360 gradi. Componente del Gruppo Folklorico “Città di Castrovillari”, DJ dal 1988. In  una “Rotation” di DJ e Vocalist, gli amici con cui ha condiviso questa passione, lo ricorderanno in musica.

L’estate del Folklore è un mondo colorato da usi, costumi, tradizioni, saperi e sapori dei popoli che vi partecipano impreziosita dalle coreografie che da ben 24 anni la coreografa Tilde Nocera coadiuvata dal fratello, Daniele, apporta al festival. Anche quest’anno un occhio rivolto al sociale, con “ I bambini incontrano il Festival”  presso il “Villaggio Festival” a cura di Tilde Nocera e Ilaria Donato. Bella e ricca di significati, come lo scorso anno, l’incontro dei gruppi partecipanti alla kermesse, con gli ospiti di “Villa Iride”. “Arte, Folklore, Musica e danza contro ogni Barriera”. Ed ancora l’omaggio a Benedetto Marino, chitarrista del Gruppo Folklorico “Città di Castrovillari”.

“La Via dei Palazzi”, riguarderà l’ormai collaudato appuntamento “Uno Sguardo al Passato” a cura di “Mystica Calabria” con un percorso tra C.so Garibaldi e Via Roma, alla scoperta degli antichi palazzi nobiliari.  Ed ancora il Festival è Cultura, attraverso la rappresentazione teatrale “la voce de lu viento” Passiune populare pè lu trono e pè l’altare del grande M° Giuseppe Maradei a cura del Teatro la Sirena e della Compagnia Teatrale Chimera che ne ha curato la regia, affidata a Fabio Pellicori.  “Il valore sociale del folklore nel suo aspetto antropologico”, sarà curato da Pasquale Pandolfi e vedrà le relazioni della Prof.ssa Lo Passo e dell’Antropologa Makaping. E poi la Cultura della Pace, marchio vincente del Festival, con la tradizionale “Messa della Pace” a cui si aggiunge  la “Coperta del buon Cammino”,  che unisce i popoli del mondo a cura delle donne della Valle del Noce, del Salotto letterario Donata Doni e Mystica Calabria.  Non mancheranno com’è ormai consuetudine, le “lezioni di ballo” che i gruppi partecipanti impartiranno a fine serata al popolo del festival. Dalle 23.30 di ogni sera, spazio al “Salotto del Festival” all’interno del “Villaggio Festival”, una delle novità di questa edizione, ovvero la location, che ha trasformato per l’occasione il Villaggio Scolastico, in “Villaggio Festival”. Cultura popolare, storia e arte insieme cristallizzate in forme e costumi popolari,  trasformeranno la location, in un Villagio Globale. Ed ancora spazio alle “Scuole di Danza” del territorio che ogni sera, apriranno gli spettacoli  dei gruppi partecipanti. ( Scuola di danza, Dance Only Dance – ASD Danza Bolero – Fly Dance Academy – ASD Danza Fitness Mormanno – ASD Sarà Danza – Centro Arte  Movimento di Frascineto – Accademia Cuba Danza – Stefania Rota “Oriental Dance”). Tutto questo e molto altro è l’Estate del Folklore una vera finestra sul mondo, per consolidare i valori della pace e del vivere civile in ogni parte del mondo, valori universali, così il direttore artistico Antonio Notaro . “Colori dal Mondo” che si intrecceranno con la sesta edizione del  concorso fotografico intitolato a “Barbara Malomo”. Intanto in conferenza stampa premiati i vincitori della passata edizione, I° e III° posto, per lo scatto realizzato dal giovane Domenico Lo Polito, II° posto per Pietro Sallorenzo. Un programma ricco e coinvolgente come succede ormai da ben 34 anni che sarà presentato ogni sera dal palco allestito presso il Villaggio Scolastico, da Cinzia De Santis e dal Patron, Antonio Notaro. Un festival da vivere e raccontare giorno per giorno.


 

IL FESTIVAL E LA CULTURA

Il Festival Internazionale del Folklore, da sempre attento cultore delle tradizioni popolari, non poteva certo non inserire all’interno del cartellone della 34 edizione, il teatro, dedicando la serata del 16 Agosto, ad un grande interprete, uno studioso che ha scritto storie d’amore, di povertà,  di vagabondi e di gente comune; il M° Giuseppe Maradei, prematuramente scomparso tre anni fa. Un personaggio che manca certamente nel panorama culturale odierno e che rivive oggi attraverso le sue opere. E così venerdì 16 agosto, con inizio alle ore 20.30, nel Castello Aragonese di Castrovillari, ritorna in scena, dopo il successo dello scorso Maggio, una sua opera: “La voce de lu viento”, Passiune populare pe' lu trono e pe’ l’altare” per la regia di Fabio Pellicori. In scena un gruppo di allievi e amici, oggi molti dei quali professionisti, che in lui hanno creduto e per lui e grazie a lui, hanno scelto questa affascinante e tortuosa strada del teatro. “La voce de lu viento”, Passiune populare pe' lu trono e pe’ l’altare”, è una rilettura di eventi e leggende che vedono come protagonisti le genti del Pollino sullo sfondo di un periodo storico come il “risorgimento, raccontati, come amava lui, da uomo libero che non ha fatto mai mistero di ciò che pensava, dalla parte dei vinti e non da quella ovvia e probabilmente falsa dei vincitori, piena di retorica e bugie.

La voce de lu viento
Passiune populare pe’ lu trono e pe’ l’altare
Di GIUSEPPE M. MARADEI

Con Domenico Clemente, Roberta De Stefano, Vincenzo Russo, Gabriele Pacenza, Gianluca Guzzo, Fabio Pellicori, Rosario Rummolo,Camillo Maffia, Francesco Filpo, Manuel Lavecchia, Gianmarco Filpo, Lucia Falbo, Irene Carrieri, Renato Zicari , Giosue’ Brunetti, Tilde Nocera, Margherita Scornavacca e Angelo Miceli. (Gli attori potrebbero subire variazioni)

Musiche originali di Salvatore Chiodi.
Eseguite da: Salvatore Chiodi, Pietro Chiodi, Mario Chiodi, Carmine Mazzotta e Maria Grazia Perrone.
Coreografie di Tilde Nocera
Regia: Fabio Pellicori
Organizzazione: Luigi Filpo
Produzione: Teatro della Sirena e Associazione Culturale Chimera, con il contributo dell’Ente  Parco Nazionale del Pollino.


 

CONOSCIAMO IL GRUPPO PROVENIENTE DALLA BOLIVIA

Alla 34^ Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino, presente la Bolivia con la Compagnia Nazionale di Danza ”Conadanz” proveniente dalla città di La Paz, il cui nome completo è Nuestra Señora de La Paz (letteralmente Nostra Signora della Pace), capitale amministrativa dello Stato Plurinazionale della Bolivia. E’ una città multiculturale nella quale coesistono le culture Aymara, quechua  e in parte minore altre di diverse parti del mondo. La Compagnia formatasi 26 anni fa, ha nel 1995 stabilito un’alleanza strategica con l’orchestra di musica diretta da Rolando Encinas con l’obiettivo di miscelare musica e danza delle varie culture presenti, portando la Compagnia  a recuperare, ricostruire e diffondere la danza e la musica che si intreccia con le leggende e i miti delle diverse culture boliviane.


 

CONOSCIAMO IL GRUPPO PROVENIENTE DALLA CINA

Alla 34^ Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino, presente la Cina con la  Compagnia di Canti , Danze e Opera,  della contea autonoma Tujia di Wufeng.  Il gruppo è composto da 25 persone, la maggior parte delle quali specializzate nella danza “Tujia” che  è una delle minoranze etniche della Cina. Nel loro repertorio,  un vasto patrimonio culturale, come "canzoni popolari", "Nanqu", "il tamburo di fiori", "la danza delle mani" e " Sa yer do",  ognuna delle quali caratterizzata da forti richiami etnici. Il team della Compagnia,  è formato da  eccellenti sceneggiatori, cantautori, registi e attori.  Negli ultimi anni, sono stati invitati ad esibirsi in molti luoghi della Cina e hanno ricevuto numerosi premi, come il premio nazionale dell'artista cinese, il primo premio della performance artistica della regione militare di Guangzhou, il primo premio per l'esibizione artistica di minoranze etniche nella provincia di Hubei e il gran premio del festival d'arte di Yichang.  Questa è la prima volta che la squadra arriva in Italia.  Durante il festival presenteranno al pubblico il loro ricco e colorato programma culturale.



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2019-08-14 18:29:48
    Inserito da Michela Gesualdi
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.
    fico 728x90