sfondo endy
Dicembre 2017
eventiesagre.it
Dicembre 2017
Numero Evento: 21131666
Eventi Festival
Morenica Festival
15^ Edizione
Date
Dal: 30/09/2017
Al: 25/11/2017
Dove:
Logo Comune
Piemonte - Italia
Contatti
Cell.: 347 9225376
Cell.: 347 9731968
Fonte
Morenica Festival
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
Italcredi 15 giugno Nazionale
CARIRA-5X1-NAZ-DESK
creativita-artigiana-2017-desk-300x250-ig
creativita-artigiana 2017-300x250

Morenica Festival

15^ Edizione

Da Sabato 30 Settembre a Sabato 25 Novembre 2017 - dalle ore 21:00
Dal 30/09/2017 al 25/11/2017 Ivrea (TO)
Dal 30/09/2017 al 25/11/2017 Chiaverano (TO)
Dal 30/09/2017 al 25/11/2017 Bollengo (TO)

Morenica Festival - Bollengo

MORENICA FESTIVAL 2017 UPGRADE
GLI APPUNTAMENTI AUTUNNALI

TRA IVREA CHIAVERANO E DINTORNI

Dal 2003 Morenica Cantiere Canavesano si presenta sul territorio proponendo un progetto culturale che spazia dall’ospitalità degli artisti alla formazione dei nuovi pubblici.

Un programma che negli anni è cresciuto e ha saputo costruire reti e collaborazioni, ha resistito ai tagli economici e alle difficoltà del settore.

Il progetto Morenica 2017 UPGRADE si pone come obiettivo non solo di consolidare il rapporto pluriennale con il territorio, ma soprattutto quello superare ancora una volta i propri “confini” con una nuova visione di ospitalità diffusa e condivisa.

La 15° Edizione rilancia con una programmazione “giovane” ed accessibile e con una proposta formativa pensata per avvicinare e ri-avvicinare la comunità di riferimento ai linguaggi teatrali.

Sono stati quindi selezionati artisti che presentano un linguaggio drammaturgico originale e allo stesso tempo accessibile.

Compagnie che arrivano da tutta Italia e che raccontano il nostro tempo

Nella fase estiva sono stati presentati  ESILIO di Piccola Compagnia Dammacco-Modena e QUINTETTO di Tida-Aosta.

La fase autunnale propone i lavori di BELCAN TEATRO (Brescia) con Michele Beltrami in BUONASERA,  TECNOLOGIA FILOSOFICA/REFRAIN in ALICE (rilettura in danza e teatro del sogno di Alice nel Paese delle Meraviglie),  ALICE CONTI  (ORTIKA – Trento e Torino) in CHI AMA BRUCIA un racconto tragicamente comico sulla realtà dei Centro di Identificazione ed Espulsione per stranieri.

Ed ancora GLI OMINI nel loro amato CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO per concludersi con ATIR in (S)LEGATI

Drammaturgie che raccontano il nostro momento storico utilizzando linguaggi teatrali che spaziano dalla prosa al teatro danza, accomunati dalla capacità di mostrarci spaccati di vita lasciando allo spettatore lo spazio per riflettere, anche attraverso il riso. Gli spettacoli selezionati hanno ricevuto premi e riconoscimenti in tutta Italia a confermare l’alto livello di qualità artistica.

MORENICA FESTIVAL 2017 UPGRADE è stato realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2017 del bando “Performing Arts". 

Hanno contribuito all’edizione 2017 Fondazione Piemonte dal Vivo, Mibac, Fondazione Guelpa,Comune Di Chiaverano
Comune di Bollengo,La grande invasione,IvreaEstate 2017, ZAC Zone Attive di Cittadinanza

SABATO 30 settembre 2017 ore 21.00 Teatro Bertagnolio_Chiaverano
BUONASERA
(alias IL DISUMANO e DISPERATO CASO di MICHELE BELTRAMI)
l’unico spettacolo al mondo con una sola parola!

di e con Michele Beltrami
regia di Michele Beltrami e Paola Cannizzaro
BELCAN TEATRO

Premio Godot 2011 per performance teatrale ispirata al Teatro dell’Assurdo.
Mercurdo, Biennale Internazionale dell’Assurdo in collaborazione con ERT (Fondazione Emilia Romagna Teatro)
Miglior spettacolo e miglior attore Rota in festival 2011 (Salerno)

Un istrionico, surreale maestro anima una vecchia aula di scuola elementare. E’ un maestro di un tempo che non c’è più quando tra la grammatica e la matematica si imparava pure la fantastica. Gioca con lo spazio, gioca con gli oggetti, gioca con l’unica parola che si concede di pronunciare: Buonasera, in un delicato tentativo di restituire il valore alle parole perché, così come scriveva Elias Canetti, le parole sono importanti soprattutto oggi che, sempre di più, sono urlate, maltrattate, e in definitiva non ascoltate.
Le parole sono un rifugio dal mondo violento e poco controllabile che ci circonda.

BUONASERA -il disumano e disperato caso di Michele Beltrami è uno spettacolo comico pieno di giochi di parole e non-sense; un elogio dell’acrostico, un’investigazione del significato profondo che ogni parola porta con sé.
Ogni riferimento a fatti e persone è drammaticamente voluto. Tutti possono assistere – partecipare - giocare a questo spettacolo. La chiave del successo è lavorare di inesauribile fantasia.
Attenzione!
La parola usata in questo spettacolo non e’ stata maltrattata

Domenica 8 ottobre 2018 ore 17.00 Teatro Bertagnolio_ Chiaverano
ALICE
Spettacolo di teatro, musica e danza tratto dai racconti di Lewis Carrol.
Adattamento del soggetto originale a cura di Marco Amistadi
Figurini in legno realizzati da Rajan Craveri
Regia, musiche originali, live elettronics a cura di Marco Amistadi
Con Thuline Andreoni e Elena Valente
Commissione Unione Musicale
Compagnie Tecnologia Filosofica/Refrain
Alice è una rilettura teatrale per bambini dell'originale di Lewis Carrol (Alice's Adventures in Wonderland ). In scena si fondono danza, musica, teatro e video. Attraverso giochi di prospettiva, usi fantasiosi di oggetti quotidiani, riprese un po' folli e animazioni, si racconta il mondo del Cappellaio Matto, del Coniglio, del Bruco, della Regina di Cuori. Con loro Alice parla, danza, gioca, tra personaggi che appaiono e scompaiono, bambine che si allungano e si accorciano, animali che parlano e bevono il tè.  Un universo magico, folle, poetico, vivo, straniante, ironico.. insomma, il mondo di Alice, proprio come ce lo immaginiamo!
Tecnologia Filosofica è una comunità teatrale di artisti a struttura orizzontale, non verticistica, né gerarchica in cui non è prevista la figura tradizionale del direttore artistico. Le linee guida sono definite e orientate grazie a un continuo confronto dinamico all’interno del gruppo, mentre le responsabilità artistiche dei lavori sono stabilite a progetto, sulla base delle urgenze portate dai singoli.

Venerdì 3 novembre 2017 ore 21.00  allo ZAC di Ivrea
CHI AMA BRUCIA Discorsi al limite della Frontiera
Ideazione e regia Alice Conti
Con Alice Conti
Testo Chiara Zingariello, Drammaturgia Alice Conti e Chiara Zingariello, Disegno luce, audio, scene e grafica Alice Colla, Musiche Elia Pedrotti, Costumi Eleonora Duse, Assistenza scene Giuseppe Cipriano, Assistenza produzione Valeria Zecchinato, Riprese video Luigi Zoner, Assistenza video Giuseppe Glielmi
uno spettacolo di Ortika, una produzione TrentoSpettacoli con il sostegno di Ministero dei beni e delle attività culturali, con la complicità di: Spazio Off – Trento, LAB121 – Milano, CAP10100, Cavallerizza Reale Liberata, La Tana, Lapsus, Circolo Oltrepo' – Torino, Artea – Rovereto, selezione Premio Dante Cappelletti 2013, Roma
Con il patrocinio di Amnesty International
vincitore Anteprima 2014, (PI) / menzione giuria Scandalo! 2014, (BZ) / vincitore Festival Direction Under30 2014, (RE), vincitore Premio Nazionale Giovani Realtà del Teatro – Giuria Giornalisti 2014, (UD)  / vincitore Festival 20 30 bando 2015, (BO)
Da qui. Da un paesaggio che ci battezza. Dalla città fantasma dentro la città reale. Dal C.I.E. - Centro di Identificazione ed Espulsione per stranieri; in Italia mezzo milione di persone vi sono passibili di internamento fino a 18mesi. I clandestini, una categoria che questo luogo serve a creare e che non esiste se non in relazione a questo luogo. Il Campo crea e rinomina attraverso le sbarre i corpi delle persone che confina; c'è un destino nell'assegnazione di uno spazio. La Crocerossina in uniforme d'accoglienza ci guida dentro il suo campo da gioco, danza paternalista i turni, canta chiusa in ufficio, dalla radio le voci dei prigionieri. Un viaggio dentro il Campo, le sue regole e il suo linguaggio orwelliano, dentro uno sguardo ravvicinato e miope sull'altro. Il Campo introduce nello spazio civile della città un'eccezione inquietante e antica: le persone vi sono recluse non per qualcosa che hanno fatto ma per qualcosa che sono.

Sabato  25 novembre 2017 ore 21.00 allo ZAC di Ivrea
CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO
di Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini
con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi e Luca Zacchini
prodotto da Associazione Teatrale Pistoiese
Compagnia GLI OMINI
Nel 2015 Gli Omini vincono il premio Rete Critica come miglior compagnia dell’anno.
La stazione di una periferia non è solo un luogo di passaggio. Non è un momento di transito, non è solo un non luogo. La stazione di una città piccola ha una sua identità, i suoi abitanti, le sue voci, la sua regole.
Gli Omini sono stati un mese alla Stazione di Pistoia, sui binari, nel bar a consumazione obbligatoria ogni due passaggi, verso i bagni, sulle panchine. Hanno capito le regole e le hanno viste infrangere. Hanno incontrato la gente. Alcuni pendolari, molti ex carcerati, altrettanti in libertà vigilata, piccioni, studenti confusi, marchettari, gente che si sposta in treno perchè non ha più la macchina, coppie di ogni tipo, amore in ogni forma, piccioni, tossici, barboni suonatori di mandolino, donne che alla stazione leggono e poi parlano come un libro stampato, piccioni. Gente che si nasconde, gente da guardare con la coda dell'occhio. Gente che guarda i treni passare e che deve stare lontano dalla linea gialla. !
Ci scusiamo per il disagio ha debuttato a luglio 2015 nel Deposito dei Rotabili Storici di Pistoia, un luogo carico di memoria, un angolo protetto e sconosciuto della città che è stato aperto al pubblico diventando la scenografia con i suoi binari morti e i suoi vagoni d’epoca. Ora è pronto nella sua versione teatrale, in cui è rimasta solo una panchina, un altoparlante che fa da monito e da confidente e una lontana luce rossa.

Data e luogo da definirsi
(S)LEGATI

di e con Jacopo Bicocchi e Mattia Fabris
musiche Sandra Zoccolan
ATIR TEATRO RINGHIERA
1° premio al FESTIVAL TEATRALE DI TEGLIO ED. 2015
SPETTACOLO VINCITORE LAST SEEN 2014  MIGLIOR SPETTACOLO DELL'ANNO SU KRAPP'S LAST POST
(S)legati è il volano che ha dato vita all’iniziativa “Teatro in quota”  sponsorizzata e sostenuta dal bando “Torino e le Alpi” 2015

Siamo due amici. Siamo due attori. E siamo due appassionati di montagna. Meglio: arrampicatori della domenica.
Circa tre anni fa ci siamo imbattuti nell’incredibile storia vera degli alpinisti Joe Simpson e Simon Yates.
E’ la storia di un sogno ambizioso, il loro: essere i primi al mondo a scalare il Siula Grande, attaccato dalla parete ovest.
Ma è anche la storia di un amicizia, e della corda che, durante quella terribile impresa, lega questi due giovani ragazzi.
La corda che mette la vita dell’uno nelle mani dell’altro. Come sempre avviene in montagna
C’è dunque una cima da raggiungere. C’è la estenuante conquista della vetta. C’è la gioia dell’impresa riuscita.
E infine, quando il peggio è passato, e la strada è ormai in discesa, c’è la vita, che fa lo sgambetto e c’è la morte, che strizza l’occhio.
E’ la storia di un miracolo. Di un avventura al di là dei limiti umani. Ed è al contempo una metafora: delle relazioni, tutte, e dei legami. La montagna diventa la metafora del momento in cui la relazione è portata al limite estremo, in cui la verità prende forma, ti mette alle strette e ti costringe a “tagliare”, a fare quel gesto che sempre ci appare così violento e terribile, ma che invece, a volte, è l’unico gesto necessario alla vita di entrambe.

Per info e prenotazioni:
info@morenica.org
347 9225376_347 9731968
www.morenica.org


Morenica Festival - Bollengo

 

MORENICA FESTIVAL 2017 UPGRADE
GLI APPUNTAMENTI AUTUNNALI

TRA IVREA CHIAVERANO E DINTORNI

SABATO 25 NOVEMBRE 2017 alle ore 21.00
allo ZAC! ZONE ATTIVE DI CITTADINANZA
Via Dora Baltea, 40b – IVREA (TO)

CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO
Compagnia GLI OMINI
PROGETTO T

Di Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini

Con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi e Luca Zacchini

Prodotto da Associazione Teatrale Pistoiese

Nel 2015  Gli Omini vincono il premio Rete Critica come miglior compagnia dell'anno.

Nel 2014  Gli Omini  ricevono il Premio Enriquez come "Compagnia d'innovazione" per la ricerca drammaturgica e l'impegno civile.

Morenica Festival 2017 UPGRADE giunge all’ultimo appuntamento autunnale (il prossimo sarà a Gennaio 2018).

E ancora una volta scende ad Ivrea, sarà infatti lo ZAC! ZONE ATTIVE DI CITTADINANZA ad accogliere la Compagnia GLI  OMINI con lo spettacolo CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO

«“Ci scusiamo per il disagio” è il mantra che accompagna chi deve prendere un treno in Italia.

Ed il ritardo in questo caso, in relazione a questa massa di uomini e donne che hanno “perso il proprio treno” nella vita, quel treno che non passerà più e li ha lasciati a piedi a chiedersi come sarebbe stato, nel rimpianto, nel dolore». 

Tommaso Chimenti, www.ilfattoquotidiano.it

CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO debutta nel 2015 al Deposito dei Rotabili Storici di Pistoia. Gli OMINI hanno passato un mese dentro la Stazione della città, sui binari, nel bar, nei bagni, sulla panchine. Hanno conosciuto a parlato con l’umanità variegata che passa in questa luogo che non è solo un “momento di passaggio” ma una piccola realtà, con una sua identità, con i suoi abitanti e le sue regole.

“Gente che si nasconde, che tende ad essere dimenticata, gente che si guarda con la coda dell`occhio. Gente che guarda i treni passare e deve stare lontano dalla linea gialla.  Intanto, si rammenta che il treno che stanno aspettando è passato su un altro binario”.

CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO fa parte del PROGETTO T  (prodotto dall'Associazione Teatrale Pistoiese, in collaborazione con Comune di Pistoia, Provincia di Pistoia, Centostazioni e MiBAC). Un progetto triennale che vede al centro la Transappenninica, una delle linee ferroviarie più antiche d'Italia che unisce Pistoia a Bologna scalando la montagna. Con 47 gallerie e una miriade di punti panoramici vertiginosi,  corre nei boschi per arrivare a paesini che si stanno spopolando.

Caratteristica della Compagnia,  fondata nel 2006, è proprio quella di “far nascere il teatro dalle persone”, costruendo gli spettacoli attraverso indagini e interviste. Arrivano in un posto, si guardano intorno e parlano e ascoltano. Il materiale così raccolto viene rielaborato e riscritto in forma teatrale. Un teatro che nasce dalla realtà e dalle persone…quelle vere.

Ingresso 10€ - ridotto 7€ per soci ZAC! E UNDER25

Per info e prenotazioni: info@morenica.org | 347 9225376_347 9731968 | www.morenica.org

Il prossimo spettacolo di Morenica Festival si terrà il 17 gennaio 2018 allo Spazio Alberton di Cascinette.
In scena S(L)EGATI di Atir Teatro-Milano.

MORENICA FESTIVAL
Un progetto di FRANCESCA BRIZZOLARA e RENATO CRAVERO
Direzione artistica del Festival (Ospitalità) RENATO CRAVERO e SILVIA LIMONE
Direzione artistica del Cantiere (Produzione e Formazione) FRANCESCA BRIZZOLARA e RENATO CRAVERO

Maggiore sostenitore COMPAGNIA DI SANPAOLO.
E con il contributo di Fondazione Piemonte dal Vivo Mibac Fondazione Guelpa Comune Di Chiaverano Comune di Bollengo La grande invasione IvreaEstate 2017 ZAC Zone Attive di Cittadinanza

Gli Omini sono una compagnia teatrale nata nel 2006 con il primo obiettivo di avvicinare le persone al teatro e di far nascere il teatro dalle persone. Da questo prende forma il progetto Memoria del Tempo Presente, che prevede la costruzione degli spettacoli tramite settimane d'indagine territoriale e interviste, creando eventi unici, che debuttano e muoiono a ogni data. Primo spettacolo di memoria del tempo presente è CRisiKo!, finalista del premio Scenario 2007. Nel 2009 viene allestito Gabbato Lo Sound, versione rock & roll di Gabbato lo Santo realizzata col gruppo Il Maniscalco Maldestro, coprodotto da Volterra Teatro; 7Novembre2008-un disarmante spettacolo pacchiano, coprodotto dal Kilowatt Festival in collaborazione con Armunia e l'Arboreto di Mondaino. 

Sempre nel 2009, per la prima volta debutta TAPPA, terzo spettacolo del progetto Memoria del Tempo Presente, che continua a debuttare, girando ancora l'Italia e cambiando totalmente ad ogni replica.
Tra il 2010 e il 2011 Gli Omini lavorano alla stesura del libro "Il pesce spada non esiste-interviste, racconti, frasi fatte, fiori fritti, in memoria del tempo presente", edito da Titivillus, in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo. Dal libro nasce la lettura-spettacolo "Il pesce spada non esiste". L'intera compagnia partecipa a "Sogno d'una notte d'estate" di Massimiliano Civica, prodotto dal Teatro Stabile dell'Umbria e da Roma Europa Festival. 
A fine 2011 il gruppo stroppia, apre la Casamatta e la Casamatta apre il gruppo. Casamatta è un progetto teso a proteggere le individualità di ogni singolo componente per accrescere il lavoro del collettivo. E intanto la formazione cambia, dal gruppo esce Riccardo Goretti. Gli Omini rimangono in tre e poco dopo entra Giulia Zacchini. Da Casamatta escono tre spettacoli L'Asta del Santo, L'uovo e il pelo e Io non sono lei.

Nel 2012 parte il giro di Capolino, nuovo progetto d'indagine, rivolto al coinvolgimento di giovaniCapolino ha girato per un anno e mezzo mettendo in scena più di ottanta ragazzi dai 15 ai 30 anni, con una drammaturgia in continuo cambiamento.

Da questa famiglia allargata nasce nel 2014 La famiglia Campione, spettacolo prodotto in collaborazione con Fondazione Teatro della Pergola e il sostegno della Regione Toscana.

Sempre nel 2014, Gli Omini diventano compagnia residente all'Associazione Teatrale Pistoiese e ricevono il Premio Enriquez come "Compagnia d'innovazione" per la ricerca drammaturgica e l'impegno civile.

A fine 2014 Gli Omini iniziano a lavorare al Progetto T, progetto triennale prodotto dall'Associazione Teatrale Pistoiese, che punta al rilancio della Ferrovia Porrettana attraverso eventi e spettacoli. Diversi e grandi sono gli obiettivi di T, uno su tutti, quello della trasformazione di un vagone in teatro viaggiante. Ma andiamo per gradi, per fermate intermedie. Gli Omini hanno fatto indagine alla Stazione di Pistoia e da questa hanno scritto e messo in scena una performance al Binario 1 e uno spettacolo che ha debuttato nel luglio del 2015 al Deposito dei Rotabili Storici di Pistoia: Ci scusiamo per il disagio. Nel 2015 Gli Omini vincono il premio Rete Critica come miglior compagnia dell'anno.
Nel 2016 collaborano con il drammaturgo Armando Pirozzi e scrivono insieme a lui lo spettacolo Più carati
Parallelamente la compagnia porta avanti il secondo anno del Progetto T, spostando l'indagine a bordo del treno che da Pistoia porta a Porretta. Nel 2017, ERT-Emilia Romagna Teatro, s'interessa al Progetto T, che al terzo anno, prosegue la sua corsa da Porretta a Bologna. Gli Omini hanno concluso le indagini e debutteranno con il loro nuovo lavoro sugli uomini lungo i binari a ottobre dentro VIE Festival.  Sempre nel 2017 debutta Gran Glassé, una serata di parole sudate e punk da balera: una sorta di varietà che unisce alle parole raccolte in dieci anni da Gli Omini.



    News Evento

    Leggi anche


    SCEGLI I SERVIZI DISPONIBILI NEL COMUNE DI IVREA
    Dove Dormire Dove Mangiare Drink & Coffee
        ( )
    Data ultimo aggiornamento pagina 2017-11-15 09:56:26
    Inserito da Michela Gesualdi
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici o Privati, e organizzatori di eventi. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi, che potrebbero variare, contattando gli organizzatori o visitando il sito ufficiale dell'evento.
    creativita-artigiana-2017-729x90