sfondo endy
Settembre 2019
eventiesagre.it
Settembre 2019
Numero Evento: 21051173
Eventi Festival
Trasimeno Music Festival
15^ Edizione
Date:
Dal: 29/06/2019
Al: 05/07/2019
Dove:
Logo Comune
Umbria - Italia
Contatti
Cell.: +39 393 9458554
Fonte
Patrizia Cavalletti Comunicazione
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
artigiani-del-gusto
fiaccadori-300x250 proc

Trasimeno Music Festival

15^ Edizione

Da Sabato 29 Giugno a Venerdì 05 Luglio 2019 - dalle ore 21:00
Dal 29/06/2019 al 05/07/2019 Magione (PG)
Dal 29/06/2019 al 05/07/2019 Cortona (AR)
Dal 29/06/2019 al 05/07/2019 Perugia (PG)

Trasimeno Music Festival - Perugia

Dal 29 giugno al 5 luglio 2019 si svolgerà la 15a edizione del Trasimeno Music Festival organizzato dall’omonima associazione e con la direzione artistica della pianista canadeseAngela Hewitt.

La Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, ilCastello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, la Basilica di San Pietro e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Teatro Signorelli a Cortona, accoglieranno grandi interpreti della musica classica di fama internazionale e giovani musicisti di talento che nell’arco di una settimana si avvicenderanno sul palcoscenico in un’atmosfera serena, apprezzata dagli attenti spettatori provenienti da tutto il mondo.

Oltre Angela Hewitt, si esibiranno al TMF 2019: Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi - Matthew Halls, direttore - Anu e Piia Komsi, soprani - Anna Bonitatibus, mezzo soprano - Diego Godoy, tenore - Christian Senn, basso - Gloria Campaner, pianoforte - William Crane, harmonium - Mark Simpson, clarinetto -  Rodney Prada, viola da gamba - Simone Vallerotonda, tiorba - Camerata RCO (solisti della Royal Concertgebouw Orchestra, Amsterdam) - Il Pomo d’Oro, orchestra - Emöke Baráth, soprano - Francesco Corti, clavicembalo e direttore orchestra Il Pomo d'Oro – il Quartetto Fauves che suonerà per l'Anteprima Festival.

A proposito della 15a edizione del TMF, Angela Hewitt dichiara:

"Mettere insieme un evento come questo non è un'impresa facile. In effetti, avrei potuto rinunciare ormai da qualche tempo, se non fosse stato per il tremendo entusiasmo degli affezionatissimi musicofili che, da tutto il mondo, ogni anno tornano in Umbria per assistere al festival. È grazie alla loro calorosa amicizia e al loro prezioso sostegno finanziario che siamo in grado di continuare. A loro vorrei quindi dedicare questo anniversario, una piccola testimonianza della mia immensa gratitudine.

Una parte rilevante del mio lavoro come direttore artistico consiste nell'abbinare la musica all'ambiente circostante, in modo che l'ascoltatore possa vivere un'esperienza totalmente coinvolgente. La serata inaugurale di quest'anno ne è un esempio perfetto: la Petite Messe Solennelle di Rossini avrà come cornice uno dei più maestosi luoghi di culto del mondo, la Basilica di San Francesco ad Assisi. Il cortile quattrocentesco del Castello dei Cavalieri di Malta a Magione ha un'atmosfera magica nelle sere d'estate, l'ideale per recital solistici o di musica da camera. Il Teatro Signorelli, un vero gioiello nel centro di Cortona, quest'anno ospiterà due eventi. A Perugia, torneremo in uno dei luoghi che amiamo di più, la Basilica di San Pietro, che ha un'acustica e un'atmosfera celestiali (attendo con gioia di eseguire lì l'ultima sonata per pianoforte di Beethoven, l'Op. 111), e anche alla Sala Podiani della Galleria Nazionale dell'Umbria, perfetta per la musica contemporanea. Anche la piazzetta del borgo di San Savino sul Lago Trasimeno, dove ospiteremo un quartetto d'archi per l'anteprima del festival, è ricca di fascino e bellezza.

I musicisti che collaborano con me quest'anno sono tutti eccezionali, per il talento e le qualità personali. Siamo molto lieti di accogliere nuovamente, come ospite speciale, il famoso scrittore Ian McEwan. Per me è importante che al Trasimeno Music Festival artisti e pubblico si uniscano per creare un'esperienza indimenticabile.

Un sentito ringraziamento va anche alle istituzioni, ai partner, agli sponsor privati, ai fornitori, allo staff e ai volontari del TMF, e a tutti coloro che ci permettono di realizzare questo festival, rendendolo una parte così significativa della mia vita".

IN PROGRAMMA: Gioachino Rossini: Petite Messe Solennelle * Johann Sebastian Bach: Quattro Toccate – Do minore BWV 911 – Sol maggiore BWV 916 – Fa diesis minore BWV 910 – Mi minore BWV 914  *Wolfgang Amadeus Mozart: Sonata in Do minore, K. 457 * Ludwigvan Beethoven: Sonata in Do minore, Op. 111 * François Couperin: Leçons de Ténèbres pour le Mercredi Saint * Bohuslav Martinů: La revue de cuisine, sestetto per clarinetto, fagotto, tromba, violino, violoncello e pianoforte * Camille Saint-Saëns: Settimino per pianoforte, tromba e archi, Op. 65 * Antonín Dvořák: Quintetto per archi n. 2 in Sol maggiore, Op. 77 * composizioni della cantante e compositrice veneziana Barbara Strozzi e del suo maestro Francesco Cavalli * Ludwig van Beethoven: Mit einem gemalten Band, Op. 83 n. 3 - T´intendo, sì, Op. 82 n. 2 - L´amante impaziente, Op. 82 n. 3 – Resignation – Sehnsucht - Neue Liebe, neues Leben, Op. 75 n. 2 *Johannes Brahms: Sonata in Mi bemolle maggiore per clarinetto e pianoforte, Op. 120 n. 2 * Fryderyk Chopin/Pauline Viardot:

L´oiselet – Coquette – Berceuse - La jeune fille * Fryderyk Chopin: una selezione di pezzi per pianoforte (da definire) * Franz Schubert: Der Hirt auf dem Felsen, D. 965 * Mark Simpson: Barkham Fantasy (per pianoforte) * Kaija Saariaho: From the Grammar of Dreams (per due soprani) * Jovanka Trbojevic: Sky Shopping – Homage to Brahms (per soprano e violoncello) * Mark Simpson: Darkness Moves (per clarinetto eseguita dal compositore) * Matthew Whittall: brani da Leaves of Grass (Preludi per pianoforte) * Samuel Barber: Adagio mesto e Fuga dalla Sonata per pianoforte Op. 26 * Johann Sebastian Bach: Tre Toccate - Re minore BWV 913 - Sol minore BWV 915 - Re maggiore BWV 912 * Johann Sebastian Bach: Fantasia cromatica e fuga BWV 903 * Wolfgang Amadeus Mozart: Sonata in Re maggiore, K. 576 * Maurice  Ravel: Le tombeau de Couperin.

https://trasimenomusicfestival.com/it/festival/programme/tmf-2019/

Il festival, oltre agli 8 concerti in programma nei 7 giorni, propone al pubblico anche iniziative collaterali come:

  • l'incontro con lo scrittore inglese Ian McEwan, autore del romanzo "La ballata di Adam Henry" dal quale è stato tratto il film "The Children Act - Il verdetto"diretto da Sir Richard Eyre, con gli attori Emma Thompson e Stanley Tucci; la sceneggiatura è dello stesso McEwan. L'appuntamento è per martedì 2 Luglio 2019, ore 16 al Teatro Signorelli di Cortona: Angela Hewitt e Ian McEwan presenteranno il film che sarà proiettato in lingua inglese con i sottotitoli in italiano, ingresso gratuito;
     
  • "Anteprima Festival", un concerto gratuito con i giovani musicisti di talento che formano il Quartetto Fauves, che si terrà il 28 giugno prossimo alle ore 21presso la piazza del borgo di San Savino (frazione del Comune di Magione) che si affaccia sul Lago Trasimeno; 
     
  • dibattiti pre-concerto moderati dal giornalista Eric Friesen (Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta, ore 20.30 del 3 e 5 luglio 2019). L'ingresso è gratuito per tutti i possessori del biglietto per il concerto serale.

Durante il periodo 28 giugno – 5 luglio 2019, tutti i possessori di un biglietto di qualsiasi concerto incluso nel programma del TMF, potrannovisitare la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia con la tariffa ridotta d’ingresso di 4 euro anziché 8 euro. Inoltre, sempre con lo stesso biglietto d'ingresso,  potranno visitare la mostra di fotografiedel newyorchése Jimmy Katz, organizzata dalla Galleria Nazionale dell’Umbria in collaborazione con il Trasimeno Music Festival e Umbria Jazz. L'esposizione che si inaugurerà il 27 giugno prossimo, sarà visitabile fino al 1° settembre 2019.

 *****************

Il Trasimeno Music Festival è annoverato dalla stampa estera e nazionale come ”uno dei più prestigiosi festival in Europa”, "una piccola Onu della cultura", “uno dei migliori festival musicali in Italia”.

Poiché moltissimi stranieri che frequentano il festival rimangono 9/10 giorni in Italia, la manifestazione artistica riveste anche un ruolo di primo piano per la promozione e valorizzazione delle città e dei borghi in cui si tengono i concerti, dal punto di vista culturale, turistico e sociale.

Per la sezione "INCONTRI" del festival, sono passati gli scorsi anni "ospiti speciali" che si sono distinti in vari settori professionali: scrittori pluripremiati, nell’opera dei quali la musica riveste un ruolo centrale come Ian McEwan, Vikram Seth, Julian Barnes, William Fiennes, Madeleine Thien – musicisti, musicologi, personalità del mondo musicale, discografici, giornalisti di settore come Michael Steinberg, Michael Berkeley, Sir Jeffrey Tate, Sir Roger Norrington, Marina Mahler, Simon Perry, Eric Friesen – lo storico photo editor di Life Magazine e The New York Times John G. Morris - gli attori Roger Allam e Simon Callow, il regista Sir Richard Eyre.

L'Associazione Trasimeno Music Festival, per la realizzazione dell'edizione 2019 ringrazia:

il Comune di Magione, Main Partner – i numerosi “Amici del Festival”, soci Donatori provenienti da tutto il mondo – la Regione Umbria per il contributo economico – la Galleria Nazionale dell’Umbria, Partner della manifestazione - il Sovrano Militare Ordine di Malta per la disponibilità ad ospitare i concerti al Castello di Magione – la Fondazione per l’Istruzione Agraria per la concessione dell’Abbazia e la Basilica di San Pietro di Perugia – l’Associazione Culturale Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco Assisi per il concerto del 29 giugno - il Comune di Cortona per le iniziative del 2 luglio - l’Accademia degli Arditi di Cortona per la collaborazione alle iniziative del 2 luglio nel Teatro Signorelli – l'Associazione Turistica Pro Magione – la Pro Loco San Savino - Fazioli Pianoforti e Umbra Label per la sponsorizzazione del festival.

La manifestazione si avvale del patrocinio dei Comuni di Assisi, Perugia, Magione e Cortona.

www.trasimenomusicfestival.com
www.angelahewitt.com

INFORMAZIONI – BIGLIETTERIA – PREVENDITA - PRENOTAZIONI ALBERGHIERE:
Associazione Trasimeno Music Festival
Tel. e Fax +39 075 5153024  *  Mob. +39 393 9458554
info@trasimenomusicfestival.com  - maria@trasimenomusicfestival.com


Trasimeno Music Festival - Perugia

 

Martedì 2 Luglio 2019 il Trasimeno Music Festival si trasferisce in Toscana, a Cortona presso il Teatro Signorelli per due imperdibili appuntamenti.

Il primo si terrà alle ore 16:

si tratta dell'incontro con lo scrittore inglese Ian McEwan, autore del romanzo "La ballata di Adam Henry" dal quale è stato tratto il film "The Children Act - Il verdetto" diretto da Sir Richard Eyre, con gli attori Emma Thompson e Stanley Tucci; la sceneggiatura è dello stesso McEwan.

Il direttore artistico del festival Angela Hewitt e lo scrittore presenteranno il film che sarà proiettato in lingua inglese con i sottotitoli in italiano, l'ingresso è gratuito.

Alle ore 21, sarà la volta del concerto per il 400° anniversario della nascita della cantante e compositrice veneziana Barbara Strozzi (1619-1677).

Protagonisti della serata saranno l'orchestra Il pomo d’oro, la soprano Emöke Baráth e  Francesco Corti  al clavicembalo e alla direzione.

Barbara Strozzi  fu probabilmente la donna più straordinaria, famosa e musicalmente dotata del suo tempo. Il concerto proporrà alcune tra le sue composizioni più significative, nonché opere del suo maestro Cavalli, di Marini e di Cesti.

BIO PROTAGONISTI A CORTONA

IAN MCEWAN, scrittore

Lo scrittore e sceneggiatore Ian McEwan è nato nel 1948 ad Aldershott, in Gran Bretagna. È autore di due raccolte di racconti: 'Primo amore, ultimi riti' e 'Fra le lenzuola'; un libro per ragazzi: 'L'inventore di sogni'; un libretto d'opera: 'For You'. Ha pubblicato il saggio 'Blues della fine del mondo' e i romanzi: 'Il giardino di cemento', 'Cortesie per gli ospiti', 'Bambini nel tempo', 'Lettera a Berlino', 'Cani neri', 'L'amore fatale', 'Amsterdam', 'Espiazione', 'Sabato', 'Chesil Beach', 'Solar', 'Miele', 'La ballata di Adam Henry', 'Nel guscio' e 'Il mio romanzo viola profumato'. Il suo ultimo lavoro, 'Machines like me', è uscito ad inizio 2019. Vincitore del Somerset Maugham Award nel 1976, ha inoltre ottenuto il Whitbread Novel Award (1987) e il premio Fémina Etranger (1993), lo Shakespeare Prize in Germania nel 1999 ed è stato finalista al Man Booker Prize for Fiction numerose volte, aggiudicandosi il premio nel 1998. Il suo romanzo 'Espiazione' ha ricevuto il WH Smith Literary Award (2002), il National Book Critics' Circle Fiction Award (2003), il Los Angeles Times Prize for Fiction (2003), e il Santiago Prize for the European Novel (2004). Ha ricevuto molti altri riconoscimenti, nonché il titolo di CBE (Commander of the British Empire) nel 2006.

La poesia, la musica e le canzoni hanno avuto un ruolo determinante nella vita personale dell'autore, e sono importanti anche nella dimensione esistenziale dei suoi personaggi. Molti dei suoi romanzi sono stati adattati per lo schermo con successo. E' la seconda volta che partecipa al Trasimeno Music Festival.

IL POMO D'ORO, orchestra

Il nome "Il pomo d'oro" rimanda al titolo di un'opera di Antonio Cesti, composta per le nozze dell'imperatore Leopoldo I d'Austria con Margarita Teresa di Spagna nel 1666. Il gruppo, fondato nel 2012, ha un'attenzione particolare al repertorio operistico, ma si dedica anche alla musica strumentale, in varie formazioni. I musicisti de Il pomo d'oro, con le loro interpretazioni vivide e autentiche, sono tra i migliori a livello inernazionale sugli strumenti d'epoca. Maxim Emelyanychev è direttore principale dell'ensemble dal 2016. Insieme al mezzosoprano Joyce DiDonato, hanno registrato l'album "In War and Peace" (premiato con un Echo Klassik nel 2017), e con lo stesso programma l'orchestra ha portato avanti un tour mondiale. Riccardo Minasi, Stefano Montanari, George Petrou ed Enrico Onofri hanno diretto Il pomo d'oro nel corso degli anni.

Il pomo d'oro è regolarmente invitato a esibirsi nelle più prestigiose sale da concerto e nei festival di tutta Europa. La loro discografia include diverse registrazioni di opere nonché album strumentali con solisti di fama (le incisioni dei concerti per violino e clavicembalo di Haydn e un album col violoncellista Edgar Moreau hanno ricevuto gli Echo Klassik Awards nel 2016). Per celebrare il 400° anniversario della nascita di Barbara Strozzi, quest'anno Il pomo d'oro ha pubblicato "Voglio Cantar" con il soprano Emöke Barath, diretto da Francesco Corti.

EMÖKE BARATH, soprano

Il soprano ungherese Emőke Baráth ha intrapreso gli studi musicali dedicandosi al pianoforte e all'arpa. Ha iniziato a cantare all'età di 18 anni con la professoressa Julia Paszthy all'Accademia Franz Liszt di Budapest. Ha ricevuto il terzo premio al Concorso Internazionale Anton Dvořák nel 2009, il Primo Premio e  il Premio del Pubblico al Concorso Internazionale di Canto per l'Opera Barocca di Innsbruck nel 2011 e, nello stesso anno, ha vinto il Grand Prix presso la Verbier Festival Academy. Alan Curtis fu uno dei primi direttori a scoprire il suo talento, dandole l'opportunità di cantare in produzioni prestigiose con opere di Händel - compositore che assume un ruolo importante nel suo repertorio.

Emőke Baráth è anche particolarmente richiesta per i compositori del Seicento, in particolare Cavalli e Monteverdi. Si è esibita con le più famose orchestre ed ensembles barocchi in prestigiose sale da concerto. E' stata invitata a cantare presso i rinomati festival di Innsbruck, Glyndebourne, Salisburgo e al Théâtre des Champs-Élysées, diretta da maestri del calibro di Christopher Rousset Philippe Jaroussky, William Christie, Jordi Savall e Diego Fasolis.

FRANCESCO CORTI, organo, clavicembalo, direzione

Francesco Corti è nato ad Arezzo, in una famiglia di musicisti, nel 1984. Ha studiato organo a Perugia, poi clavicembalo a Ginevra e ad Amsterdam. È stato premiato al Concorso Internazionale "Johann Sebastian Bach" di Lipsia (2006) e al Concorso di Clavicembalo di Bruges (2007). Come solista, è apparso in recital e concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti, in America Latina e in Nuova Zelanda. È stato invitato da festival come Mozart Woche e Salzburger Festpiele, BachFest Leipzig, MusikFest Bremen, Utrecht Early Music Festival, solo per citarne alcuni, e si è esibito nelle più prestigiose sale da concerto.

Dal 2015 dirige Les Musiciens du Louvre in un repertorio che spazia da A. Scarlatti e Händel a Galuppi e Mozart. È stato invitato come solista e direttore dalla Holland Baroque Society per due tour europei di concerti (Concerti Brandeburghesi di Bach) e dalla Nederlandse Bachvereniging. Le sue incisioni come solista includono le Suites di Louis Couperin, le Partite di J. S. Bach, un CD di Sonate di Haydn e i due quartetti per pianoforte di Mozart, registrati sullo strumento originale di proprietà del compositore, ora conservato a Salisburgo. Ha insegnato in masterclass in tutta Europa, in America Latina e in Asia. Dal settembre 2016 è docente di clavicembalo e basso continuo alla Schola Cantorum Basilensis.

************************************************

La 15a edizione del Trasimeno Music Festival 2019 si svolge dal 29 giugno al 5 luglio.

La Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, il Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, la Basilica di San Pietro e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Teatro Signorelli a Cortona, accolgono grandi interpreti della musica classica di fama internazionale e giovani musicisti di talento che nell’arco di una settimana si avvicendano sul palcoscenico in un’atmosfera serena, apprezzata dagli attenti spettatori provenienti da tutto il mondo.

Oltre Angela Hewitt, si esibiscono al TMF 2019: Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi - Matthew Halls, direttore - Anu e Piia Komsi, soprani - Anna Bonitatibus, mezzo soprano - Diego Godoy, tenore - Christian Senn, basso - Gloria Campaner, pianoforte - William Crane, harmonium - Mark Simpson, clarinetto -  Rodney Prada, viola da gamba - Cristiano Contadin, viola da gamba - Simone Vallerotonda, tiorba - Camerata RCO (solisti della Royal Concertgebouw Orchestra, Amsterdam) - Il Pomo d’Oro, orchestra - Emöke Baráth, soprano - Francesco Corti, clavicembalo e direttore orchestra Il Pomo d'Oro – il Quartetto Fauves che suonano per l'Anteprima Festival.

A proposito della 15a edizione del TMF, Angela Hewitt dichiara:

"Mettere insieme un evento come questo non è un'impresa facile. In effetti, avrei potuto rinunciare ormai da qualche tempo, se non fosse stato per il tremendo entusiasmo degli affezionatissimi musicofili che, da tutto il mondo, ogni anno tornano in Umbria per assistere al festival. È grazie alla loro calorosa amicizia e al loro prezioso sostegno finanziario che siamo in grado di continuare. A loro vorrei quindi dedicare questo anniversario, una piccola testimonianza della mia immensa gratitudine.

Una parte rilevante del mio lavoro come direttore artistico consiste nell'abbinare la musica all'ambiente circostante, in modo che l'ascoltatore possa vivere un'esperienza totalmente coinvolgente. La serata inaugurale di quest'anno ne è un esempio perfetto: la Petite Messe Solennelle di Rossini avrà come cornice uno dei più maestosi luoghi di culto del mondo, la Basilica di San Francesco ad Assisi. Il cortile quattrocentesco del Castello dei Cavalieri di Malta a Magione ha un'atmosfera magica nelle sere d'estate, l'ideale per recital solistici o di musica da camera. Il Teatro Signorelli, un vero gioiello nel centro di Cortona, quest'anno ospiterà due eventi. A Perugia, torneremo in uno dei luoghi che amiamo di più, la Basilica di San Pietro, che ha un'acustica e un'atmosfera celestiali (attendo con gioia di eseguire lì l'ultima sonata per pianoforte di Beethoven, l'Op. 111), e anche alla Sala Podiani della Galleria Nazionale dell'Umbria, perfetta per la musica contemporanea. Anche la piazzetta del borgo di San Savino sul Lago Trasimeno, dove ospiteremo un quartetto d'archi per l'anteprima del festival, è ricca di fascino e bellezza.

I musicisti che collaborano con me quest'anno sono tutti eccezionali, per il talento e le qualità personali. Siamo molto lieti di accogliere nuovamente, come ospite speciale, il famoso scrittore Ian McEwan. Per me è importante che al Trasimeno Music Festival artisti e pubblico si uniscano per creare un'esperienza indimenticabile.

Un sentito ringraziamento va anche alle istituzioni, ai partner, agli sponsor privati, ai fornitori, allo staff e ai volontari del TMF, e a tutti coloro che ci permettono di realizzare questo festival, rendendolo una parte così significativa della mia vita".


Trasimeno Music Festival - Perugia

Mercoledì 3 Luglio 2019, presso il Castello dei Cavalieri di Malta a Magione, alle ore 21.15, si terrà un concerto del Trasimeno Music Festival con Anu Komsi, soprano - Mark Simpson, clarinetto - Angela Hewitt, pianoforte.

Il programma della serata prevede,

di Beethoven:
Mit einem gemalten Band, Op. 83 n. 3; T´intendo, sì, Op. 82 n. 2; L´amante impaziente, Op. 82 n. 3; Resignation; Sehnsucht; Neue Liebe, neues Leben, Op. 75 n. 2;

di Brahms:
Sonata in Mi bemolle maggiore per clarinetto e pianoforte, Op. 120 n. 2;
di Chopin / Viardot: L´oiselet; Coquette; Berceuse; La jeune fille;
di Chopin: Polacca in Fa diesis minore, Op. 44; Valzer in Mi minore, Op. post.;
di Schubert: Der Hirt auf dem Felsen, D. 965

Il concerto sarà preceduto da un dibattito pre-concerto alle 20.30 con Eric Friesen e gli artisti.

ANU KOMSI

Anu e Piia Komsi, sorelle gemelle, sono nate a Kokkola, sulla costa occidentale della Finlandia. Hanno iniziato la loro educazione musicale in tenera età. Anu ha suonato il flauto e il violino nella Ostrobothnian Chamber Orchestra, con sede nella sua città natale.

Lodata per la sua versatile musicalità e la sua dinamica voce da soprano di coloratura, Anu Komsi è ugualmente a suo agio sia in ambito operistico che in concerto, ed è apparsa regolarmente in tutta Europa e negli Stati Uniti. Si esibisce in recital ed è camerista esperta, con un repertorio che spazia dal Rinascimento alla musica contemporanea, fino al jazz. Il suo calendario è ricco di ingaggi nei principali teatri d'opera e nelle sale da concerto di Vienna, New York, Londra, Parigi, Berlino, Milano, Colonia, Francoforte, Brema, Roma, San Paolo, Praga, Stoccolma e Helsinki. I suoi ruoli lirici, che ammontano a più di 60, includono la Lulu di Berg, Zerbinetta e la Regina della Notte di Mozart, la Gilda di Verdi, la Micaela di Bizet e numerosi personaggi in opere contemporanee di George Benjamin, Morton Feldman, Peter Eötvös, solo per citarne alcuni. Il New York Magazine l'ha descritta come un'artista dalla "grazia pirotecnica" sul palco.

È stata solista con numerose orchestre importanti, come la New York Philharmonic, la Los Angeles Philharmonic, i Berliner Philarmoniker, la BBC Symphony Orchestra, la DSO Berlin, la Scala di Milano, i Wiener Symphoniker, e inoltre CBSO Birmingham, Mahler Chamber Orchestra, Chamber Orchestra of Europe, Oslo Philharmonic, Royal Stockholm Philharmonic, Orchestre Philharmonique de Radio France, Rotterdam Philharmonic e molte altre. Tra i suoi più recenti successi ricordiamo il Luonnotar di Sibelius, registrato con la Lahti Symphony per la BIS, Leine Songs di Kaija Saariaho, registrati per Ondine, Wing-Wing di Esa-Pekka Salonen, in coppia con la sorella Piia Komsi e inciso per Deutsche Grammophon, Accused  di Magnus Lindberg, i Morgenstern Lieder di Heinz Holliger e le Sinfonie numero 2, 4 e 8 di Mahler, registrate con Sir Roger Norrington e la SWRSO.

MARK SIMPSON

"Sicuro nel suo tocco armonico, audace nei suoi colori orchestrali, 'A mirror-fragment'... ha abbastanza idee per un pezzo tre volte la sua modesta lunghezza..." — Daily Telegraph

Mark Simpson è un talento di prim'ordine tra i giovani strumentisti-compositori britannici. Il primo ad aver vinto entrambe le competizioni BBC Young Musician of the Year e BBC Proms / Guardian Young Composer of the Year nel 2006, Mark Simpson ha studiato al Royal Northern College of Music, all'università di Oxford e alla Guildhall School of Music and Drama. Come clarinettista, Mark ha debuttato alla Wigmore Hall a 17 anni ed è apparso come solista con la Royal Liverpool Philharmonic, la BBC Philharmonic, la BBC National Orchestra of Wales e la Northern Sinfonia. Come compositore, Mark ha scritto lavori commissionati dalla BBC Symphony Orchestra, la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, la National Youth Orchestra e la Britten Sinfonia. È stato nominato Compositore Associato  dalla BBC Philharmonic per il periodo 2015-2019.

La sua opera da camera, Pleasure, su libretto di Melanie Challenger, è stata portata in tournée nel Regno Unito nel 2016. I suoi lavori dimostrano un certo talento per la strumentazione e una sapiente gestione dell'architettura sonora all'interno di trame complesse. Tra le sue composizioni, sono state particolarmente elogiate The Immortal (2015, oratorio per voci e orchestra), la già citata Pleasure (2016, opera da camera) e il Concerto per violoncello (2018). I suoi progetti più recenti includono un nuovo concerto per clarinetto. Tra le registrazioni discografiche di Mark citiamo un nuovo disco di musica da camera e opere d'ensemble per l'etichetta NMC.

ANGELA HEWITT

Considerata una delle pianiste più eminenti attualmente in attività a livello internazionale, Angela Hewitt si esibisce regolarmente in recital e con le più rinomate orchestre in Europa, nelle Americhe e in Asia. Grazie alla sua profonda e vasta conoscenza della musica di J.S. Bach è annoverata tra i migliori interpreti del compositore al giorno d’oggi.

Ha inciso per Hyperion Records tutte le principali opere per tastiera di Bach, in un pluripremiato ciclo di registrazioni, che è stato definito “una delle glorie discografche della nostra epoca” (The SundayTimes). E' stato recentemente pubblicato il suo ottavo e penultimo dei CD dedicati all'integrale delle Sonate di Beethoven (vi troviamo anche la famosa sonata "Waldstein"). Una nuova incisione delle Sei Partite di J.S. Bach uscirà in autunno. Nel 2015, Angela è stata inserita nella “Hall of Fame” della rivista Gramophone, grazie alla popolarità di cui gode presso gli appassionati di musica di tutto il mondo.

Dal settembre 2016, Angela Hewitt sta portando avanti la sua “Bach Odyssey”: il progetto, che terminerà nel giugno 2020, prevede 12 recitals, ripetuti in giro per il mondo, durante i quali la pianista esegue l’integrale delle opere per tastiera di Bach. Quest’anno sono in programma tutte le Toccate e le Suites Inglesi, oltre alle Variazioni Goldberg (Toronto Summer Music e Manchester) e, nuovamente, il Clavicembalo ben-temperato (nella Usher Hall al prestigioso Festival di Edinburgo).

Gli impegni della prossima stagione concertistica la porteranno a Tokyo, Firenze, Rimini, New York, Ottawa, Vancouver, Amsterdam, Beverly Hills, Boulder, Atlanta, Oxford, Dortmund, Leipzig, Kalamazoo e Malta. Si esibirà come solista con la Montreal Symphony, l'Aurora Orchestra (Londra), la Toronto Symphony, la Helsinki Philharmonic e dirigerà dal pianoforte i Concerti di Bach con l'Orchestre Ensemble Kanazawa in Giappone. Accompagnerà Ian Bostridge in Winterreise di Schubert a Montreal, e sarà protagonista di eventi speciali con gli scrittori Ian McEwan (alla  Konzerthaus di Vienna in aprile) e Julian Barnes (al British Institute Florence, per raccogliere fondi in favore della storica istituzione fiorentina).

Lo scorso maggio, Angela ha ricevuto la più alta onorificenza concessa dal suo Paese d'origine: il titolo di Companion of the Order of Canada (assegnato solo a 165 cittadini canadesi viventi). Nel 2006 ha ricevuto un OBE dalla Regina Elisabetta II. E' membro della Royal Society of Canada, ha sette dottorati onorari ed è Visiting Fellow del Peterhouse College di Cambridge, nel Regno Unito.

************************************************

La 15a edizione del Trasimeno Music Festival 2019 si svolge dal 29 giugno al 5 luglio.

La Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, il Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, la Basilica di San Pietro e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Teatro Signorelli a Cortona, accolgono grandi interpreti della musica classica di fama internazionale e giovani musicisti di talento che nell’arco di una settimana si avvicendano sul palcoscenico in un’atmosfera serena, apprezzata dagli attenti spettatori provenienti da tutto il mondo.

Oltre Angela Hewitt, si esibiscono al TMF 2019: Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi - Matthew Halls, direttore - Anu e Piia Komsi, soprani - Anna Bonitatibus, mezzo soprano - Diego Godoy, tenore - Christian Senn, basso - Gloria Campaner, pianoforte - William Crane, harmonium - Mark Simpson, clarinetto -  Rodney Prada, viola da gamba - Cristiano Contadin, viola da gamba - Simone Vallerotonda, tiorba - Camerata RCO (solisti della Royal Concertgebouw Orchestra, Amsterdam) - Il Pomo d’Oro, orchestra - Emöke Baráth, soprano - Francesco Corti, clavicembalo e direttore orchestra Il Pomo d'Oro – il Quartetto Fauves che suonano per l'Anteprima Festival.

A proposito della 15a edizione del TMF, Angela Hewitt dichiara:

"Mettere insieme un evento come questo non è un'impresa facile. In effetti, avrei potuto rinunciare ormai da qualche tempo, se non fosse stato per il tremendo entusiasmo degli affezionatissimi musicofili che, da tutto il mondo, ogni anno tornano in Umbria per assistere al festival. È grazie alla loro calorosa amicizia e al loro prezioso sostegno finanziario che siamo in grado di continuare. A loro vorrei quindi dedicare questo anniversario, una piccola testimonianza della mia immensa gratitudine.

Una parte rilevante del mio lavoro come direttore artistico consiste nell'abbinare la musica all'ambiente circostante, in modo che l'ascoltatore possa vivere un'esperienza totalmente coinvolgente. La serata inaugurale di quest'anno ne è un esempio perfetto: la Petite Messe Solennelle di Rossini avrà come cornice uno dei più maestosi luoghi di culto del mondo, la Basilica di San Francesco ad Assisi. Il cortile quattrocentesco del Castello dei Cavalieri di Malta a Magione ha un'atmosfera magica nelle sere d'estate, l'ideale per recital solistici o di musica da camera. Il Teatro Signorelli, un vero gioiello nel centro di Cortona, quest'anno ospiterà due eventi. A Perugia, torneremo in uno dei luoghi che amiamo di più, la Basilica di San Pietro, che ha un'acustica e un'atmosfera celestiali (attendo con gioia di eseguire lì l'ultima sonata per pianoforte di Beethoven, l'Op. 111), e anche alla Sala Podiani della Galleria Nazionale dell'Umbria, perfetta per la musica contemporanea. Anche la piazzetta del borgo di San Savino sul Lago Trasimeno, dove ospiteremo un quartetto d'archi per l'anteprima del festival, è ricca di fascino e bellezza.

I musicisti che collaborano con me quest'anno sono tutti eccezionali, per il talento e le qualità personali. Siamo molto lieti di accogliere nuovamente, come ospite speciale, il famoso scrittore Ian McEwan. Per me è importante che al Trasimeno Music Festival artisti e pubblico si uniscano per creare un'esperienza indimenticabile.

Un sentito ringraziamento va anche alle istituzioni, ai partner, agli sponsor privati, ai fornitori, allo staff e ai volontari del TMF, e a tutti coloro che ci permettono di realizzare questo festival, rendendolo una parte così significativa della mia vita".

Durante il periodo 28 giugno – 5 luglio 2019, tutti i possessori di un biglietto di qualsiasi concerto incluso nel programma del TMF, potranno visitare la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia con la tariffa ridotta d’ingresso di 4 euro anziché 8 euro. Inoltre, sempre con lo stesso biglietto d'ingresso,  potranno visitare la mostra di fotografie del newyorchése Jimmy Katz, organizzata dalla Galleria Nazionale dell’Umbria in collaborazione con il Trasimeno Music Festival e Umbria Jazz. L'esposizione che si inaugurerà il 27 giugno prossimo, sarà visitabile fino al 1° settembre 2019.

*****************

Il Trasimeno Music Festival è annoverato dalla stampa estera e nazionale come ”uno dei più prestigiosi festival in Europa”, "una piccola Onu della cultura", “uno dei migliori festival musicali in Italia”.

Poiché moltissimi stranieri che frequentano il festival rimangono 9/10 giorni in Italia, la manifestazione artistica riveste anche un ruolo di primo piano per la promozione e valorizzazione delle città e dei borghi in cui si tengono i concerti, dal punto di vista culturale, turistico e sociale.

Per la sezione "INCONTRI" del festival, sono passati gli scorsi anni "ospiti speciali" che si sono distinti in vari settori professionali: scrittori pluripremiati, nell’opera dei quali la musica riveste un ruolo centrale come Ian McEwan, Vikram Seth, Julian Barnes, William Fiennes, Madeleine Thien – musicisti, musicologi, personalità del mondo musicale, discografici, giornalisti di settore come Michael Steinberg, Michael Berkeley, Sir Jeffrey Tate, Sir Roger Norrington, Marina Mahler, Simon Perry, Eric Friesen – lo storico photo editor di Life Magazine e The New York Times John G. Morris - gli attori Roger Allam e Simon Callow, il regista Sir Richard Eyre.

L'Associazione Trasimeno Music Festival, per la realizzazione dell'edizione 2019 ringrazia:

il Comune di Magione, Main Partner – i numerosi “Amici del Festival”, soci Donatori provenienti da tutto il mondo – la Regione Umbria per il contributo economico – la Galleria Nazionale dell’Umbria, Partner della manifestazione - il Sovrano Militare Ordine di Malta per la disponibilità ad ospitare i concerti al Castello di Magione – la Fondazione per l’Istruzione Agraria per la concessione dell’Abbazia e la Basilica di San Pietro di Perugia – l’Associazione Culturale Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco Assisi per il concerto del 29 giugno - il Comune di Cortona per le iniziative del 2 luglio - l’Accademia degli Arditi di Cortona per la collaborazione alle iniziative del 2 luglio nel Teatro Signorelli – l'Associazione Turistica Pro Magione – la Pro Loco San Savino - Fazioli Pianoforti e Umbra Label per la sponsorizzazione del festival.

La manifestazione si avvale del patrocinio dei Comuni di Assisi, Perugia, Magione e Cortona.


Trasimeno Music Festival - Perugia

Il Trasimeno Music Festival 2019 per il 4 e 5 luglio propone i seguenti concerti già SOLD OUT:

giovedì 4 luglio, a Perugia, alle ore 21, presso la Sala Podiani della Galleria Nazionale dell’Umbria si esibiranno le soprano sorelle gemelle Anu e Piia Komsi - Mark Simpson al clarinetto, Angela Hewitt al pianoforte.

Il programma di musica contemporanea è composto da:
Simpson: Barkham Fantasy
Trbojevic: Sky Shopping – Homage to Brahms
Whittall: Preludi (Libro II) da Leaves of Grass
Simpson: Darkness Moves
Saariaho: From the Grammar of Dreams
Barber: Adagio mesto e Fuga dalla Sonata per pianoforte Op. 26.

Venerdì 5 luglio, la 15a edizione del Trasimeno Music Festival si concluderà al Castello dei Cavalieri di Malta a Magionecon un Recital della pianista canadese e direttore artistico del festival Angela Hewitt.

Eseguirà:
di Bach le Tre Toccate (BWV 913; BWV 915; BWV 912) e laFantasia cromatica e fuga BWV 903;
di Mozart, la Sonata in Re maggiore, K. 576;
di Ravel, Le tombeau de Couperin.

Alle 20.30 si terrà un dibattito pre-concerto con Eric Friesen e Angela Hewitt.

*********************************************

ANU KOMSI

Anu e Piia Komsi, sorelle gemelle, sono nate a Kokkola, sulla costa occidentale della Finlandia. Hanno iniziato la loro educazione musicale in tenera età. Anu ha suonato il flauto e il violino nella Ostrobothnian Chamber Orchestra, con sede nella sua città natale.

Lodata per la sua versatile musicalità e la sua dinamica voce da soprano di coloratura, Anu Komsi è ugualmente a suo agio sia in ambito operistico che in concerto, ed è apparsa regolarmente in tutta Europa e negli Stati Uniti. Si esibisce in recital ed è camerista esperta, con un repertorio che spazia dal Rinascimento alla musica contemporanea, fino al jazz. Il suo calendario è ricco di ingaggi nei principali teatri d'opera e nelle sale da concerto di Vienna, New York, Londra, Parigi, Berlino, Milano, Colonia, Francoforte, Brema, Roma, San Paolo, Praga, Stoccolma e Helsinki. I suoi ruoli lirici, che ammontano a più di 60, includono la Lulu di Berg, Zerbinetta e la Regina della Notte di Mozart, la Gilda di Verdi, la Micaela di Bizet e numerosi personaggi in opere contemporanee di George Benjamin, Morton Feldman, Peter Eötvös, solo per citarne alcuni. Il New York Magazine l'ha descritta come un'artista dalla "grazia pirotecnica" sul palco.

È stata solista con numerose orchestre importanti, come la New York Philharmonic, la Los Angeles Philharmonic, i Berliner Philarmoniker, la BBC Symphony Orchestra, la DSO Berlin, la Scala di Milano, i Wiener Symphoniker, e inoltre CBSO Birmingham, Mahler Chamber Orchestra, Chamber Orchestra of Europe, Oslo Philharmonic, Royal Stockholm Philharmonic, Orchestre Philharmonique de Radio France, Rotterdam Philharmonic e molte altre. Tra i suoi più recenti successi ricordiamo il Luonnotar di Sibelius, registrato con la Lahti Symphony per la BIS, Leine Songs di Kaija Saariaho, registrati per Ondine, Wing-Wing di Esa-Pekka Salonen, in coppia con la sorella Piia Komsi e inciso per Deutsche Grammophon, Accused  di Magnus Lindberg, i Morgenstern Lieder di Heinz Holliger e le Sinfonie numero 2, 4 e 8 di Mahler, registrate con Sir Roger Norrington e la SWRSO.

PIIA KOMSI

"La Komsi ha una voce fenomenale, un'intonazione estrema e una tessitura vocale che va oltre la portata della maggior parte delle cantanti. La sua voce è di un'elasticità sovrumana." (Anne Ozorio, Opera Today).

Il soprano di coloratura Piia Komsi è una performer internazionale di successo, il cui repertorio eccezionalmente ampio spazia dalla musica antica alle più recenti opere contemporanee. Prima di intraprendere la carriera di cantante, era una violoncellista, ed è nota per la sua bravura nel cantare e suonare il violoncello contemporaneamente. Molti compositori hanno creato nuovi lavori a  lei ispirati.

Si è esibita con le orchestre di tutto il mondo, incluse la New York Philharmonic, la Los Angeles Philharmonic, la Bayerischer Rundfunk Orchester, la Philharmonic Orchestra di Radio France, l'Ensemble Intercontemporain, il Musik Fabrik Köln, l'Ensemble Modern e il gruppo Remix. I suoi ingaggi operistici includono la Bayerisches Staatsoper, il Théatre et Musique di Parigi, il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro Colón di Buenos Aires, l'Opera Nazionale Finlandese, molte compagnie d'opera indipendenti e produzioni della compagnia Nimrod. Ha ricevuto il Premio Abbiati per migliore interpretazione in un'opera moderna nel 2017 per Medea di Pascal Dusapin. Le ultime registrazioni di Piia Komsi includono Exil3 di Vinko Globokar (NEOS) e Die Schreckliche gewaltige Kinder di Rolf Riehm (WERGO), nonché il suo album da solista SOLARIS (Naxos).

Le sue passioni private combinano forme d'arte ed ecologia: si occupa di bioagricoltura di sussistenza, fa mosaici, ama camminare e la psicologia.

MARK SIMPSON

"Sicuro nel suo tocco armonico, audace nei suoi colori orchestrali, 'A mirror-fragment'... ha abbastanza idee per un pezzo tre volte la sua modesta lunghezza..." — Daily Telegraph

Mark Simpson è un talento di prim'ordine tra i giovani strumentisti-compositori britannici. Il primo ad aver vinto entrambe le competizioni BBC Young Musician of the Year e BBC Proms / Guardian Young Composer of the Year nel 2006, Mark Simpson ha studiato al Royal Northern College of Music, all'università di Oxford e alla Guildhall School of Music and Drama. Come clarinettista, Mark ha debuttato alla Wigmore Hall a 17 anni ed è apparso come solista con la Royal Liverpool Philharmonic, la BBC Philharmonic, la BBC National Orchestra of Wales e la Northern Sinfonia. Come compositore, Mark ha scritto lavori commissionati dalla BBC Symphony Orchestra, la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, la National Youth Orchestra e la Britten Sinfonia. È stato nominato Compositore Associato  dalla BBC Philharmonic per il periodo 2015-2019.

La sua opera da camera, Pleasure, su libretto di Melanie Challenger, è stata portata in tournée nel Regno Unito nel 2016. I suoi lavori dimostrano un certo talento per la strumentazione e una sapiente gestione dell'architettura sonora all'interno di trame complesse. Tra le sue composizioni, sono state particolarmente elogiate The Immortal (2015, oratorio per voci e orchestra), la già citata Pleasure (2016, opera da camera) e il Concerto per violoncello (2018). I suoi progetti più recenti includono un nuovo concerto per clarinetto. Tra le registrazioni discografiche di Mark citiamo un nuovo disco di musica da camera e opere d'ensemble per l'etichetta NMC.

ANGELA HEWITT

Considerata una delle pianiste più eminenti attualmente in attività a livello internazionale, Angela Hewitt si esibisce regolarmente in recital e con le più rinomate orchestre in Europa, nelle Americhe e in Asia. Grazie alla sua profonda e vasta conoscenza della musica di J.S. Bach è annoverata tra i migliori interpreti del compositore al giorno d’oggi.

Ha inciso per Hyperion Records tutte le principali opere per tastiera di Bach, in un pluripremiato ciclo di registrazioni, che è stato definito “una delle glorie discografche della nostra epoca” (The SundayTimes). E' stato recentemente pubblicato il suo ottavo e penultimo dei CD dedicati all'integrale delle Sonate di Beethoven (vi troviamo anche la famosa sonata "Waldstein"). Una nuova incisione delle Sei Partite di J.S. Bach uscirà in autunno. Nel 2015, Angela è stata inserita nella “Hall of Fame” della rivista Gramophone, grazie alla popolarità di cui gode presso gli appassionati di musica di tutto il mondo.

Dal settembre 2016, Angela Hewitt sta portando avanti la sua “Bach Odyssey”: il progetto, che terminerà nel giugno 2020, prevede 12 recitals, ripetuti in giro per il mondo, durante i quali la pianista esegue l’integrale delle opere per tastiera di Bach. Quest’anno sono in programma tutte le Toccate e le Suites Inglesi, oltre alle Variazioni Goldberg (Toronto Summer Music e Manchester) e, nuovamente, il Clavicembalo ben-temperato (nella Usher Hall al prestigioso Festival di Edinburgo).

Gli impegni della prossima stagione concertistica la porteranno a Tokyo, Firenze, Rimini, New York, Ottawa, Vancouver, Amsterdam, Beverly Hills, Boulder, Atlanta, Oxford, Dortmund, Leipzig, Kalamazoo e Malta. Si esibirà come solista con la Montreal Symphony, l'Aurora Orchestra (Londra), la Toronto Symphony, la Helsinki Philharmonic e dirigerà dal pianoforte i Concerti di Bach con l'Orchestre Ensemble Kanazawa in Giappone. Accompagnerà Ian Bostridge in Winterreise di Schubert a Montreal, e sarà protagonista di eventi speciali con gli scrittori Ian McEwan (alla  Konzerthaus di Vienna in aprile) e Julian Barnes (al British Institute Florence, per raccogliere fondi in favore della storica istituzione fiorentina).

Lo scorso maggio, Angela ha ricevuto la più alta onorificenza concessa dal suo Paese d'origine: il titolo di Companion of the Order of Canada (assegnato solo a 165 cittadini canadesi viventi). Nel 2006 ha ricevuto un OBE dalla Regina Elisabetta II. E' membro della Royal Society of Canada, ha sette dottorati onorari ed è Visiting Fellow del Peterhouse College di Cambridge, nel Regno Unito.

 ************************************************

La 15a edizione del Trasimeno Music Festival 2019 si svolge dal 29 giugno al 5 luglio.

La Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, il Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, la Basilica di San Pietro e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Teatro Signorelli a Cortona, accolgono grandi interpreti della musica classica di fama internazionale e giovani musicisti di talento che nell’arco di una settimana si avvicendano sul palcoscenico in un’atmosfera serena, apprezzata dagli attenti spettatori provenienti da tutto il mondo.

Oltre Angela Hewitt, si esibiscono al TMF 2019: Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi - Matthew Halls, direttore - Anu e Piia Komsi, soprani - Anna Bonitatibus, mezzo soprano - Diego Godoy, tenore - Christian Senn, basso - Gloria Campaner, pianoforte - William Crane, harmonium - Mark Simpson, clarinetto -  Rodney Prada, viola da gamba - Cristiano Contadin, viola da gamba - Simone Vallerotonda, tiorba - Camerata RCO (solisti della Royal Concertgebouw Orchestra, Amsterdam) - Il Pomo d’Oro, orchestra - Emöke Baráth, soprano - Francesco Corti, clavicembalo e direttore orchestra Il Pomo d'Oro – il Quartetto Fauves che suonano per l'Anteprima Festival.

A proposito della 15a edizione del TMF, Angela Hewitt dichiara:

"Mettere insieme un evento come questo non è un'impresa facile. In effetti, avrei potuto rinunciare ormai da qualche tempo, se non fosse stato per il tremendo entusiasmo degli affezionatissimi musicofili che, da tutto il mondo, ogni anno tornano in Umbria per assistere al festival. È grazie alla loro calorosa amicizia e al loro prezioso sostegno finanziario che siamo in grado di continuare. A loro vorrei quindi dedicare questo anniversario, una piccola testimonianza della mia immensa gratitudine.

Una parte rilevante del mio lavoro come direttore artistico consiste nell'abbinare la musica all'ambiente circostante, in modo che l'ascoltatore possa vivere un'esperienza totalmente coinvolgente. La serata inaugurale di quest'anno ne è un esempio perfetto: la Petite Messe Solennelle di Rossini avrà come cornice uno dei più maestosi luoghi di culto del mondo, la Basilica di San Francesco ad Assisi. Il cortile quattrocentesco del Castello dei Cavalieri di Malta a Magione ha un'atmosfera magica nelle sere d'estate, l'ideale per recital solistici o di musica da camera. Il Teatro Signorelli, un vero gioiello nel centro di Cortona, quest'anno ospiterà due eventi. A Perugia, torneremo in uno dei luoghi che amiamo di più, la Basilica di San Pietro, che ha un'acustica e un'atmosfera celestiali (attendo con gioia di eseguire lì l'ultima sonata per pianoforte di Beethoven, l'Op. 111), e anche alla Sala Podiani della Galleria Nazionale dell'Umbria, perfetta per la musica contemporanea. Anche la piazzetta del borgo di San Savino sul Lago Trasimeno, dove ospiteremo un quartetto d'archi per l'anteprima del festival, è ricca di fascino e bellezza.

I musicisti che collaborano con me quest'anno sono tutti eccezionali, per il talento e le qualità personali. Siamo molto lieti di accogliere nuovamente, come ospite speciale, il famoso scrittore Ian McEwan. Per me è importante che al Trasimeno Music Festival artisti e pubblico si uniscano per creare un'esperienza indimenticabile.

Un sentito ringraziamento va anche alle istituzioni, ai partner, agli sponsor privati, ai fornitori, allo staff e ai volontari del TMF, e a tutti coloro che ci permettono di realizzare questo festival, rendendolo una parte così significativa della mia vita".

Durante il periodo 28 giugno – 5 luglio 2019, tutti i possessori di un biglietto di qualsiasi concerto incluso nel programma del TMF, potranno visitare la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia con la tariffa ridotta d’ingresso di 4 euro anziché 8 euro. Inoltre, sempre con lo stesso biglietto d'ingresso,  potranno visitare la mostra di fotografie del newyorchése Jimmy Katz, organizzata dalla Galleria Nazionale dell’Umbria in collaborazione con il Trasimeno Music Festival e Umbria Jazz. L'esposizione che si inaugurerà il 27 giugno prossimo, sarà visitabile fino al 1° settembre 2019.



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2019-07-02 17:28:22
    Inserito da Michela Gesualdi
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.
    artigiani-del-gusto