sfondo endy
Gennaio 2019
eventiesagre.it
Gennaio 2019
Numero Evento: 21091755
Eventi Culturali
Biblioteca Civica Einaudi
Prossimi Appuntamenti
Dove:
Dal: 16/01/2019
Al: 16/01/2019
Dove:
Logo Comune
Piazza Einaudi, 9
Piemonte - Italia
Contatti
Tel.: 0173 70210
Fonte
Biblioteca
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento

Biblioteca Civica Einaudi

Prossimi Appuntamenti

Mercoledì 16 Gennaio 2019 - dalle ore 21:00
Biblioteca Civica Luigi Einaudi - Piazza Einaudi, 9 - Dogliani (CN)

Biblioteca Civica Einaudi - Dogliani

Mercoledì 16 gennaio 2019 ore 21,00
Biblioteca Civica “Luigi Einaudi”
P.zza L. Einaudi 9 – Dogliani

Presentazione del libro
Lo aspetto ancora con disperata speranza.
La guerra delle donne

di Paola Scola
(Araba Fenice editore)

L’autrice dialogherà con Giorgio Raviolo

Mercoledì 16 gennaio alle ore 21, verrà presentato da Giorgio Raviolo, presso la Biblioteca “L. Einaudi” di Dogliani, il libro di Paola Scola “Lo aspetto ancora con disperata speranza. La guerra delle donne”.

Presentare questo libro nel mese di gennaio ha un significato ancora più particolare.

Il 20 gennaio del 1943, infatti, si consumò a Nowo Postojalowka una delle più grandi tragedie della seconda guerra mondiale con la disfatta della Divisione Alpina “Cuneense”. Circa quindicimila alpini erano partiti per la Russia solo qualche mese prima. Di essi faranno ritorno solamente 1.500. A ciò va aggiunto la difficoltà provata dai soldati che si trovarono a combattere con temperature intorno ai 40° sotto zero, dopo una marcia estenuante e disperata di più giorni, con scarso equipaggiamento e munizionamento e ancor più scarsi viveri.

Alla tragedia dei soldati al fronte, con questo libro, Paola Scola ha voluto dare voce all’angoscia e alla disperazione di quelle tante donne il cui dramma, troppo spesso, è conosciuto solo all’interno della famiglia o del proprio paese. Storie che, oggi più che mai, hanno ancora tantissime cose da raccontare.

Gli uomini combattono al fronte, ma c’è anche una guerra affrontata nel quotidiano, a casa, quella delle donne che, da un lato mostrano la loro fragilità, soffrendo per la partenza di mariti, padri e figli e dall’altra devono mostrarsi forti, perchè su di loro ricade la gestione della casa, dei figli piccoli, dei genitori anziani, talvolta anche dell’attività famigliare o dell’azienda agricola.

Lo spunto per la scrittura del libro nasce dalla curiosità dell’autrice sorta difronte a una lapide nel cimitero di Ceva, dove una foto in bianco e nero ritrae una coppia che si abbraccia. Questa strana circostanza spinge Paola Scola a cercare le famiglie dei due defunti: Camilla Ubal e Ennio Bezzone. La foto li ritrae in una delle ultime giornate felici durante il loro viaggio di nozze al Lago di Garda. Dopo poco tempo, Elio parte per la Russia lasciando a casa la moglie e due figli piccoli e non fa più ritorno. Camilla, detta Milly, trascorre gli anni successivi lasciando la chiave nella porta, perché suo marito un giorno sarebbe potuto rientrare. Con questa certezza, trascorre la sua vita fino al marzo del 2012 quando muore. Figli e nipoti, rispettando il suo ultimo desiderio, seppelliscono con lei i sette mazzi di lettere del marito. Solo alla sua morte, viene dichiarata anche quella del marito e si tiene un doppio funerale. La storia di Milly è solo una delle toccanti storie narrate nel libro. Sono storie di mancanze, ma anche di fortissime presenze perché, come aveva scritto Nuto Revelli, queste donne sono proprio quell’anello forte che, nel corso della vita, hanno sfidato il vento contrario che le ha piegate, ma non spezzate. Tratto comune è la condizione di uomini, mariti e figli che non fanno più ritorno dal fronte e che vengono definiti “dispersi”, parola terribile, anche più di “morto”, in quanto lascia le donne in una condizione sospesa, di attesa e di vana speranza, senza una tomba su cui piangere.

Così, aggrappandosi a quella “disperata speranza”, la vita delle donne, che siano madri, mogli o foglie, riprende nell’attesa di chi non tornerà più.

Paola Scola, 48 anni, di Ceva, giornalista professionista e redattore del quotidiano "La Stampa", laureata in Lettere classiche (110/110) con una tesi in greco antico sulle "Omelie su San Giovanni" di San Giovanni Crisostomo. A lungo corrispondente prima per il settimanale "L'Unione monregalese" e poi (dal 1991) per "La Stampa", è profondamente legata al territorio. Ha vinto il Premio Igor Man con il quotidiano torinese per le ricerche sull'alluvione '94 e il 1° Premio "Castelgovone" a Finale Ligure per il libro "Eroi nel fango" (Araba Fenice, 2014). Per lo stesso editore ha pubblicato "In prima fila" (2015, terzo posto al Premio Priamar) e collaborato a "I racconti del treno" (2015).



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2019-01-10 17:36:29
    Inserito da Michela Gesualdi
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.