sfondo endy
Dicembre 2018
eventiesagre.it
Dicembre 2018
Numero Evento: 21061056
Eventi Culturali
Omaggio A Taormina
Dove:
Dal: 01/10/2011
Al: 13/05/2012
Dove:
Logo Comune
Sicilia - Italia
Contatti
Telefono:
Fonte
Milena Privitera
Evento Passato! Per aggiornamenti: segnalazione@eventiesagre.it
Scheda Evento
eventiesagre_merc_natale desk
Italcredi 15 giugno Nazionale

OMAGGIO A TAORMINA
Mostra di Salvatore Tudisco
BLU

28 Aprile - 13 Maggio 2012
Inaugurazione: 28 Aprile 2012, ore 18.00

“Blu”. E’ l’icastico titolo scelto da Salvatore Tudisco per la sua mostra di fotografie e di “sculture” di ferri, legni, lamiere e pietre - “cercati” e raccolti sulle spiagge tra Taormina e Siracusa - che si inaugurerà sabato 28 aprile, alle ore 18:00, presso la “Sala Giovanni Di Giovanni” della Biblioteca Comunale di Taormina per terminare domenica 13 maggio.

Tocca, così, al taorminese “doc” Tudisco, architetto, docente di “Beni storico-artistici” presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, curatore di mostre d’arte, già collaboratore del critico d’arte Italo Mussa, del fotografo Carlo Orsi e dello scultore Arnaldo Pomodoro, mettere la parola “fine” al corposo cartellone culturale “OMAGGIO a TAORMINA” che, organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, si è dipanato, con la partecipazione di oltre un centinaio di artisti coinvolti, per oltre sette mesi riempiendo i più belli gioielli architettonici taorminesi di mostre di pittura, fotografia, installazioni, concerti, seminari ed incontri culturali riportando vasti consensi di pubblico e positivi apprezzamenti dalla stampa e dalla critica del settore.

Una mostra, quella di Tudisco, che sa di salsedine e parla siciliano. Le sue fotografie ritraggono prevalentemente luoghi siciliani, il punto dal quale, e attorno al quale, l’artista si è mosso per dare senso alla sua ricerca: ed il suo occhio, e quello della sua macchina fotografica, vanno oltre la superficie degli scenari metropolitani che tutti i giorni siamo abituati a guardare con superficialità. Le “sculture” hanno per protagonisti pezzi di legno contorto, di ferro, pietre, modulati e “ritoccati” dalla forza degli elementi: le onde del mare, lo sferzare dei venti, lo sfregare della sabbia… L’artista salda, scava, assembla gli elementi… Nascono così pesci, figure umane, maschere ed in quei volti di legno, di pietra e metallo arrugginito si intravvedono le chiome e le fessure degli occhi per superare la barriera del visibile. E trovare il significato de “l’altrove”.


OMAGGIO A TAORMINA
Mostra di Aykut Saribas
Enneagramma

04-24 Aprile 2012

“Enneagramma”, la figura geometrica caratterizzata da nove punti, sin da tempi remoti carica di simbolismi spirituali, esoterici e, recentemente, anche psicologici, è il titolo dai molteplici rimandi della mostra di Aykut Saribas che si inaugurerà mercoledì 4 aprile alle ore 18:00 presso la Biblioteca Comunale di Taormina. Organizzata nell’ambito del progetto “OMAGGIO a TAORMINA” dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina” con il patrocinio dell’Ambasciata e dell’Ufficio Cultura turca in Italia, la personale di Saribas, architetto nato ad Istanbul ma da oltre vent’anni residente a Taormina, è una sintesi cromatica e concettuale della ricerca artistica e spirituale dell’artista che, mai allontanatosi dalla cultura d’origine, in questi lunghi anni vissuti all’ombra del vulcano, l’Etna, vi ha man mano sovrapposto sensazioni ed emozioni della terra di Sicilia. Dando vita ad un originale intreccio simbiotico delle due culture, la mediterranea e quella natìa sulle sponde del Bosforo, che vede annullarne le differenze per privilegiarne le affinità. Così il vortice creato dalle lunghe gonne dei Dervisci Rotanti nella loro vertiginosa danza - ponte e mezzo per l’ascesi e la conoscenza del Sé nella tradizione sufica – richiama e si sovrappone perfettamente alla visione del cono del vulcano traboccante di lava e lapilli sgorgati dalle profondità delle sue viscere. Trasformata in psichica e spirituale quella dei seguaci di Mevlana Rumi, sfrontatamente ed esclusivamente materica quella etnea, è la “forza vitale” che si impone da protagonista in ambedue i casi: quella forza vitale che l’enneagramma – “la pietra filosofale degli alchimisti” come lo definì Gurdjieff – racchiude nelle sue linee e nei suoi punti, rappresentando ogni processo che si mantiene da solo per auto-rinnovamento. In primis la Vita.

La mostra di Saribas, ad ingresso gratuito, chiuderà i battenti martedì 24 aprile.


MOSTRA IUDICE

1° aprile alle ore 18:30
dal 1° al 29
aprile

Omaggio A Taormina - Taormina

Sigillo d’Autore per il gran finale della prima edizione di “OMAGGIO a TAORMINA”, il cartellone di eventi culturali organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, che per sette mesi ha vivacizzato l’inverno taorminese. Ospite del quattrocentesco Palazzo Duchi di S Stefano, sede della prestigiosa Fondazione Mazzullo presieduta i da Antonio Lo Turco, il 1° aprile alle ore 18:30, alla presenza dell’autore, s’inaugura “Calma apparente - Omaggio a Taormina”, mostra antologica della produzione artistica di un grande maestro siciliano dei nostri tempi: Giovanni Iudice. L’artista gelese, oltre ad esporre insieme alla “Collezione Siciliana” l’opera più rappresentativa del ciclo dei “Clandestini”, la grande tela della sua magnifica e dolente “Umanità – Il quinto stato” (cm. 2.35 x 2.90), che tanto successo e clamore ha suscitato alla 54° Biennale di Venezia - venendo definita dal prestigioso “The Art Newspaper” una delle “rare gemme” presenti all’esposizione – in questa occasione rende il suo personale “tributo” alla città dedicandole la sua ultima opera d’arte: un quadro intitolato proprio “Omaggio a Taormina”, che, come ha tenuto a sottolineare il Sindaco Mauro Passalacqua nella sua prefazione al catalogo della mostra, “non mancherà di dare altro lustro al nome della nostra città nelle mostre ed esposizioni in giro per il mondo”.

Artista autodidatta che la notorietà acquisita non è riuscita a trascinare lontano dalla sua Gela, pur brutalizzata dalle raffinerie, le opere di Iudice raccontano di una Sicilia vera, lontana dalle patinate cartoline turistiche. Una Sicilia dalle stradine col selciato divelto e le auto parcheggiate sul marciapiede, dalle case modeste e spoglie con le pareti interne chiazzate d’umido, illuminate da lampadine che pendono squallide dal filo e le stoviglie sporche parcheggiate nel lavabo in attesa di essere lavate.

I visitatori della mostra di Giovanni Iudice, uomo ed artista intriso di sicilianità, troveranno la grande Arte dal segno preciso ed impeccabile che si sprigiona dai suoi dipinti ad olio, dai suoi disegni, dalle sue matite su carta. Un’arte che non prevede ammiccamenti di sorta, che non bluffa con evanescenti atmosfere, che non ammette compiacenti compromessi: è dura, vera, reale. Come la cellulite ed i rotoli di grasso che campeggiano in spiagge affollate di gente che si porta da casa sedioline ed ombrelloni. Come l’atteggiamento, indifferente e distante, dei bagnanti vacanzieri nei confronti di un gommone stracarico di migranti in evidente difficoltà. Come gli sguardi dei “clandestini” accalcati sulle carrette del mare: impauriti, da animale braccato; rassegnati al ruolo di pericolosi “intrusi”; rari quelli speranzosi in un domani che restituisca loro la dignità di Uomo. Giovanni Iudice usa la matita ed il pennello per raccontarci in un “fermo-immagine”, pittorico, piccole e grandi storie di varia umanità, un’umanità “reale”, non in posa, non al meglio di sé, non edulcorata. Sbattendocela in faccia, senza mediazioni e manipolazioni, spesso è un pugno nello stomaco.

Orari mostra: tutti i giorni 09:30 – 12:30 e 16:00 - 19:30; lunedì chiuso

Ingresso libero


OMAGGIO A TAORMINA
“MESTIERI & BOTTEGHE DI UNA VOLTA”

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Nell’ambito del progetto “OMAGGIO a TAORMINA”, ideato ed organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, sabato 10 marzo, alle ore 18:00, si inaugura presso la ex - chiesa di S. Francesco di Paola la mostra fotografica di Mirko Malambrì “Mestieri & Botteghe di una volta”. Rampollo di una dinastia di fotografi taorminesi, Mirko - che ha ereditato dal padre Vittorio e dal nonno Giovanni la passione per l’obiettivo fotografico ed un archivio di oltre 140.000 negativi - consapevole dell’importanza del lascito, va da anni ricostruendo con pazienza certosina la “memoria storica”, per immagini, della Taormina di un tempo. Giovandosi delle moderne tecnologie, senza con ciò farne perdere il sapore autentico, Mirko riporta, così, alla luce luoghi e personaggi del recente passato, immortalati da chi lo ha preceduto. Dopo aver dato alle stampe, nel 2010 e nel 2011, con grande successo i due volumi fotografici “Anima Taorminese” ed “Anima Taorminese - Parte Seconda”, con “Mestieri & Botteghe di una volta” Malambrì aggiunge un altro tassello alla panoramica della vita sociale della Città, mostrandoci la bottega del venditore di agrumi e “gazzose” insieme al viso - una mappa di rughe resa incartapecorita dal vento e dal sole di anni - del “Barcaiolo”; la boutique, civettuola, di una giovane signora fiorentina divenuta taorminese per amore e nota antiquaria, insieme alla immagine, decisamente “cruda”, della lavorazione degli animali nel Macello Comunale; lo storico negozio di ricami e tessuti preziosi e la bottega polverosa e piena di segatura di un Mastro ebanista. Un “amarcord”, declinato in Bianco e Nero, in un susseguirsi di “scatti” tutti taorminesi a testimoniare, ancora una volta, il “come eravamo” firmato Malambrì.


Mostra di Luca Indaco
LO ZODIACO ED OLTRE
per OMAGGIO A TAORMINA

02-28 Marzo 2012
Inaugurazione ore 18.00

Omaggio A Taormina - Taormina

Lo Zodiaco ed oltre…” è il titolo della personale di Luca Indaco che, sotto l’egida di “OMAGGIO a TAORMINA”, organizzata dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, verrà inaugurata alle 18:00 del 2° marzo, ospite della “Fondazione Mazzullo” presso il Palazzo Duchi di S. Stefano sino al 28 dello stesso mese. Un’esposizione di incisioni, olii, sculture, che rende conto in maniera panoramica del talento del giovane artista taorminese, che lo ha già portato ad esporre al Padiglione Italia, sezione Accademie di BB.AA, della 54° Biennale di Venezia curata da Vittorio Sgarbi. Un talento che viene fuori in modo prepotente - e potente - soprattutto nelle 12 incisioni che rappresentano i segni zodiacali del titolo, eseguite con la tecnica dell'acquaforte su matrice di zinco, e nelle 3 incisioni, realizzate con la tecnica xilografica su matrice di legno, rappresentanti le “Isole - Matrioske”. Dove il segno continuo, deciso, forte nella sua consapevolezza dell’incidere fa da contraltare a soggetti dalla resa quasi fiabesca, carica di echi del mondo dell’infanzia. Dove le “Isole” si rivelano l’interfaccia della fecondità della Terra, luoghi puri e primitivi privi di contaminazioni; dove i contorni arrotondate delle coste riportano alle curve sinuose della Donna che genera una vita nuova.

Ed è proprio ad esso, a quell’età magica dell’essere umano che trova nelle braccia della Donna-Madre che lo avvolgono conforto, sicurezza, e riconoscimento, che rimandano i colori accesi e solari della “cornice” cromatica dentro cui prendono vita “Le Isole”. Dapprima quasi indefinite ed appena abbozzate sagome, moltiplicandosi e riproducendosi sulle grandi tele ad ogni passaggio acquisiscono, “conquistandola” e quasi “reclamandola”, un’identità iconografica femminile piena e conclamata, divenendone alla fine tout - court il simbolo. Una femminilità senza volto, e ammantata da una sorta di “chador” priva di orpelli, per poter rendersi universale. Mentre le “frecce-triangoli”, dalla simbologia fortemente allusiva, già accolti dal chador materno e pian piano trasformatisi in “alberi - case”, luoghi anch’essi di rifugio e protezione, divengono alla fine “frecce - aquiloni”, pronti al distacco da Madre-Terra per “volare” da soli…


OMAGGIO A TAORMINA
Ascoltare...Sognare!

25 Febbraio 2012, ore 17.00
Palazzo Duchi S. Stefano

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Sotto l’egida di “OMAGGIO a TAORMINA”, il cartellone culturale organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, sabato 25 febbraio, alle ore 17:00, presso il Palazzo Duchi S. Stefano, sede della Fondazione Mazzullo, si svolgerà l’incontro letterario, aperto al pubblico, del circolo di lettura “La Simuletta” dal titolo “Ascoltare… sognare”. Un titolo che sintetizza appieno ragione d’essere ed intenti de “La Simuletta”, apprezzata realtà culturale taorminese, da anni votata alla produzione ed alla promozione della “parola” - scritta ed orale - per una sempre maggiore diffusione della scrittura, della lettura e dell'ascolto nell’ambiente cittadino. Un titolo, suggestivo ed accattivante, che descrive anche come la forza stessa della “parola” - ascoltata o letta - possa mettere in moto processi mentali diversi, aprendo porte su nuovi scenari, facendo volare la fantasia…

E’ un programma ricco e variegato quello di “Ascoltare…sognare” che vede le più intense voci del teatro taorminese - da Rita Patanè a Franco Carnazza, da Rosita Gulotta ad Anna Maria Raccuja ed Andrea Ferri - alternarsi al leggìo per dare risalto alla varia ed inedita produzione letteraria dei tanti autori partecipanti. Poesie di Anneli Berndt, “Rabdomante”, Franco De Francesco, “In morte del poeta”, Santi Portanome, “Pretesto” e “Acquazzone”, Dora Sampieri, “Vorrei andare”, che, insieme alle poesie in dialetto “U sceccu, u vecchiu, u carusu”di Franco La Pica, e “Na tuccari chiù stà Taormina” di Soros - pseudonimo dietro cui si cela Rosario Strazzeri - ed ai racconti di Mirella Bolognari, “Serial Killer” e “..Et, l'ennemi est là”, di Rosanna Capasso, “Il clown”, e di Annerose Czimczik, “L'aguzzino dal basco nero” non mancheranno di coinvolgere l’appassionato pubblico sempre numerosamente presente.


“NIGHT SHAPE”
e “OTTAVA NOTA”

17 Febbraio 2012, ore 18.30
Taormina

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Carnevale all’insegna della musica per “OMAGGIO a TAORMINA”, il cartellone culturale organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”: ben due, infatti, sono gli appuntamenti musicali che si susseguiranno in Piazza IX Aprile nel week-end dedicato ai festeggiamenti a base di maschere, travestimenti, coriandoli e stelle filanti.

Venerdì 17 febbraio, alle ore 18:30, a salire sul palco sarà il gruppo rock dei “NightShape”, fondato nel 2009 dal giovanissimo taorminese Federico Di Bella, che, nato come una delle tante “cover band” di ragazzi, in pochi anni ha fatto un notevole salto di qualità. Arrivando a sfoggiare, oggi, un repertorio variante dal rock classico a quello alternativo/moderno ma, soprattutto, caratterizzato dalla presenza di numerosi brani inediti su varie temi - dall’amore passionale agli orrori della guerra - firmati dagli stessi membri della band. Un quartetto che, oltre al leader Federico Di Bella, dalla timbricità particolare e caratterizzante “Voce e Chitarra Solista”, vede come “Voce e Chitarra Ritmica” Flavia Leonardi, la cui voce, che assume un'accezione lirica, è il perfetto complemento a quella maschile del gruppo, insieme al Basso e Sassofono di Alberto Rapisarda, laureatosi al conservatorio “A. Corelli” di Messina, e Giuseppe Currenti alla “Batteria e Percussioni” che, dopo gli studi col M° Carmelo Bonaventura, oggi segue i corsi del M° De Lazzaretti dell'Accademia "Percento" di Roma.

Sabato 18 febbraio, sempre con inizio alle 18:30, sarà la volta, poi, della “Ottava Nota Live Band” di esibirsi in Piazza IX Aprile per rallegrare con la loro musica residenti e turisti presenti a Taormina per Carnevale: un repertorio di “cover” di musica italiana e straniera che raccoglie il meglio dei generi musicali pop e rock, conducendo lo spettatore verso una sorta di “viaggio all’ascolto di ieri e oggi”. Aggiornato non solo con le ultime discografie, ma integrato con la recente produzione di brani, sia nel testo che nel commento musicale, che danno, così, un tocco personale all’esecuzione ed all’interpretazione. Nata anch’essa nel 2009, dalla volontà di alcuni componenti del gruppo uniti da una storica amicizia e dalla passione per la musica, la band vede al pianoforte e tastiere Alfio Cardone, alla batteria Pippo Ratone, alla chitarra acustica solista Enzo Parrinello, alla chitarra basso Salvo Cardone, alla chitarra rock sound Angelo Zizza, mentre ad alternarsi al microfono un tris tutto “rosa”di vocalist: Santina Bartolotta, Katiuscia Fausto e Daniela Di Leo. Il gruppo storico taorminese “Ottava Nota “presenterà inoltre una giovanissima band catanese “Mon Ocromo” composta da Elia Santoro alla chitarra, Federico Santoro alla batteria, Gabriele Venuto e Fabrizio Villari al basso e Giovanni Spadaro ,voce. Il repertorio del gruppo è composto principalmente da inediti che faranno parte di un imminente CD e da alcune famose cover.


OMAGGIO A TAORMINA
“GO WITH THE FLOW”

04 - 29 Febbraio
Inaugurazione: 04 Febbraio, ore 18.00

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Le… “forme” dell’acqua sono le protagoniste assolute di “Go with the flow” – “Segui il flusso”, la mostra fotografica di Katarina Vargova che s’inaugura alle 18 del 4 febbraio e sino al 29 febbraio sarà ospite della Biblioteca Comunale di Taormina, per il progetto “OMAGGIO a TAORMINA” organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”.

Una trentina di foto dove, ancora una volta, la Vargova dichiara, per immagini, il suo innamoramento per la natura. Una Natura che non ha più il “campo largo” dei panorami e degli scorci di paesaggi siciliani fermati nella loro struggente bellezza - come nella personale del 2010 “ Sogni naturali” - bensì, quasi che il tempo trascorso tra l’una e l’altra mostra avesse innescato una sorta di velocissima “carrellata” con “zoommata” finale, la Natura viene vista come un “coagulo” di frammenti, la cui “esplosione” in un campo visivo sempre più ristretto fa sì che il particolare assurga a quadro d’assieme.

E così l’acqua, elemento primordiale e per certi versi “anonimo” nella sua entità, diviene il macrocosmo, variabile e variegato, dove l’obiettivo fotografico spazia e si arresta per un millesimo di secondo, giusto il tempo di uno scatto, fissando per sempre una variazione sul tema. Dando “consistenza” solida a ciò che è liquido… Dando “forma” a ciò che forma non ha.

Soffici merletti di spuma, intessuti dall’onda del mare che s’infrange, rivestono, impreziosendolo, un nero ciottolo sulla spiaggia; lo zampillo di una fontanella, schizzando via libero nell’aria, sembra assumere antropomorfe sembianze, travestendosi da evanescente Venere di Cirene; una banale pozzanghera, specchio di un raggio di sole sfuggito all’assedio delle nuvole, porta i segni increspati e concentrici della caduta di una foglia che non si arrende alla sua fine, ed, ancora in grado di “navigare”, si allontana come una piccola vela verde dal luogo dell’impatto…E’ un’acqua fotografata in più declinazioni che la rendono completamente diversa, quella della Vargova; un’acqua che trasforma il suo apparire, che cambia in continuazione. Come succede nella vita.


Omaggio a Taormina
TILA
La Stanza del Mito

03-25 Febbraio 2012

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Pittura, fotografia, installazioni, performances: varie espressioni della creatività artistica riunite tutte assieme all’interno de “La stanza del Mito”, la mostra di Tila – tela, in dialetto - che, proposta dal cartellone culturale “OMAGGIO a TAORMINA”, organizzato dall’associazione culturale “Arte & Cultura a Taormina”, aprirà i battenti alle 18 di venerdì 3 febbraio all’interno dell’ex-chiesa del Carmine per richiuderli sabato 25. Quello che si preannunzia come un vero e proprio “evento” nel panorama dell’arte contemporanea per la forte carica simbolica ed i rimandi ancestrali dei temi trattati porta la firma di due giovani artisti calabresi, Maria Concetta Policari e Gianmarco Pulimeni, che affidano alla assoluta modernità dei mezzi espressivi scelti il compito di filtrare, e reinterpretare attualizzandolo, il retaggio culturale di cui, figli della Magna Grecia, sono intrisi.

Ognuno con la sua spiccata sensibilità - Pulimeni immergendosi nel mondo dei colori e del surreale, per l’aspetto pittorico, la Policari accostando a quello dei colori il mondo delle luci, per la fotografia - danno vita, così, ad un progetto che ha nel “mito” e nella sua ancora attuale funzione pedagogica la sua essenza. Poiché la forza dirompente del mito sta non solo nella sua “a – temporalità”, parlando all’uomo di ogni epoca, ma soprattutto nella sua comprensione immediata, senza mediazioni di un’interpretazione razionale, cosicché gli insegnamenti racchiusi nel mito, e trasformati in simboli, riescono ad avere una loro capacità di parlare direttamente all’anima dell’uomo, del terzo millennio come all’epoca di Platone.

E così l’eroina e fonte ispiratrice de “La stanza del Mito” è la stessa Persefone dei tempi antichi, unica figlia di Demetra, dea delle messi e della fertilità. E se l’una è l’Anima che, quando cade nella materia simboleggiata dagli Inferi, diventa cieca agli insegnamenti e Demetra sta a rappresentare la Saggezza e la Natura in fiore, Maria Concetta Policari e Gianmarco Pulimeni ci invitano, nel rappresentare il “loro” mito, a condurre la nostra esistenza rispettando le leggi della natura, la ciclicità e l’avvicendarsi delle stagioni. Un invito alla saggezza, alla spinta al rinnovamento, che i due artisti perseguono capovolgendo, per certi versi, anche la usuale prospettiva in cui viene vista Medusa, vittima della vendetta furiosa di Atena che, dopo averla decapitata, la trasformerà in un mostro il cui sguardo pietrifica chi lo osserva… Ma, a ben vedere, la salvezza o la morte non sono nelle mani di Medusa, bensì di chi decide se guardarla o meno…


PROGETTO OMAGGIO A TAORMINA
MEETING DEHESMAEL

21 Gennaio 2012, ore 19.00

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Meeting Dehesmael” è il concerto multimediale per Orchestra da camera con musiche originali che debutterà, in “prima” nazionale, alla Cattedrale di Taormina, sabato 21 gennaio alle ore 19:00. L’evento, ideato e prodotto da “Shine Records” e presentato nell’ambito di “OMAGGIO a TAORMINA”, la rassegna promossa dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina” e sostenuta dalla Città di Taormina, vede la partecipazione di un ensemble di venti musicisti diretti dal M° Massimo Incarbone, già direttore delle orchestre Noto-Musica Festival, Milano Classica, della Filarmonica del Conservatorio "G. Verdi" e del Teatro di Karkov.

Meeting Dehesmael”, trasposizione in musica di una sorta di “sogno” avuto dal compositore Giovanni Leon Dall’O’, è il racconto, in note ed immagini, del suo incontro “onirico” con una ragazza ebrea di nome Dehesmael e del riconoscimento del profondo rapporto che lo legherà per sempre a questa creatura. Perché Dehesmael altri non è che la rappresentazione della Musica. Una Musica che parla al cuore di chiunque l'ascolti poiché il suo tema è l'infinito, prescinde dal tempo, dalle lingue e dai luoghi, bastando a se stessa. Ed è proprio eseguendo le melodie che la ragazza ebrea ha “sussurrato” in sogno a Dall’O’ che gli spettatori verranno coinvolti in un “viaggio” multimediale fatto di note attraverso i quattro elementi, regni del cosmo, in cui tutto esiste e consiste secondo precise proporzioni e rapporti di successioni numeriche cui il grande Pitagora era approdato con lo studio delle armonie del suono. Accorgendosi che proprio le onde sonore potevano esprimersi secondo quei rapporti archetipici informatori di tutte le cose.

Lo spettacolo, di cui la taorminese Vera Sorrentino firma la direzione artistica, vede la partecipazione del soprano Anna Maria Pennisi, di Isabella Papiro, voce narrante, delle coreografie di Renata Guastella, mentre la regia-video e la proiezione delle immagini in tempo reale sono affidate a Gabriele Vizzini, la cui ultima opera, “Moto perpetuo”, è stata presentata all'interno del Taormina FilmFest 2011, sezione N.I.C.E, corti siciliani.


Omaggio a Taormina
ROGIKA
Street Photography

14 Gennaio 2012
ex Chiesa del Carmine - Taormina

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

“E’ come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti capita!” è il sottotitolo in inglese – “It's like a box of chocolates. You never know what you are going to get” - accattivante e dagli intenti esplicativi, della mostra fotografica “Street Photography” di Rogika - Roberto Mendolia – che, per il progetto “OMAGGIO a TAORMINA”, organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, aprirà i battenti della ex-Chiesa del Carmine alle ore 18:00 del 14 gennaio, per continuare sino alla fine del mese.

Una delle più famose battute del film “Forrest Gump”, riferita alla vita, di cui Rogika, con una buona dose di auto-ironia, si appropria per definire la sua maniera di essere fotografo. Una trentina di fotografie rigorosamente in B/N, risultato di fugaci e brevi viaggi, foto di “feste e rappresentazioni sacre”, di eventi e sport, di mercati, di piazze. Trenta scatti che aprono squarci silenziosi sulle vite degli altri, raccontandocene le storie, trasmettendocene le emozioni. Trenta “fermo-immagini” colti nei loro pochi attimi di esistenza, sempre diversi gli uni dagli altri e, per questa ragione, unici e rari nella loro irripetibile bellezza. Perché fare della “Street Photography” vuol dire entrare in contatto con il mondo e sentirne le vibrazioni, assorbirne gli odori, i colori che lo definiscono, le sensazioni che ci circondano.

A differenza di molti altri “streetpher”, Rogika, però, non attende il “decisive Moment”, quasi “istituzionalizzato” dal grande Henri Cartier – Bresson: bensì scatta a raffica, continuamente, d’istinto, fotogramma su fotogramma. Con il risultato, così, di ritrovarsi centinaia e centinaia di foto tra cui scegliere, e con cui, davanti al monitor, iniziare a…”dialogare”. Guardandole, studiandole e magari rielaborandole per diverse ore, alla ricerca di “quella” vibrazione da condividere e trasmettere a chi le osserva. Insomma, di quel cioccolatino “a sorpresa” della scatola!


Omaggio a Taormina
ORAZIO SORRENTINO

10-26 Gennaio 2012

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Volti intensi, scavati dal tempo ingeneroso… accattivanti sorrisi di fanciulle… donne scarmigliate dall’espressione corrucciata… pensierosi lettori dalla barba fluente. Questi alcuni degli scatti di varia umanità “rubati” da Orazio Sorrentino, OrSo, e presentati, nell’ambito di “OMAGGIO a TAORMINA”, nella mostra fotografica “Portraits Around The World” che dalle 18:00 di martedì 10 e sino al 26 gennaio sarà ospite della “Sala Giovanni di Giovanni” della Biblioteca Comunale di Taormina. Una selezionata miscellanea delle migliaia di foto che Sorrentino, appassionato della fotografia di strada, in tanti anni è andato scattando partendo dalle familiari viuzze di Taormina, percorrendo le polverose strade dell’India, camminando lungo le trafficate streets di Sidney, affascinato ora da uno sguardo, ora da un atteggiamento del soggetto fotografato. Momenti espressivamente efficaci di vite rimaste anonime, gesti quotidiani di gente sconosciuta divenuti irripetibili ed unici grazie al “clic” che li ha ripresi nella loro immediatezza fugace e così, fermati per sempre, li ha affidati allo sguardo dello spettatore.


Non Solo Caos
Ghumbert di Cattolica

Giovedi 29 dicembre 2011
Palazzo Duchi di S. Stefano

Omaggio A Taormina - Taormina

Tocca a Ghumbert di Cattolica, pseudonimo di Umberto Martorana, chiudere il ciclo delle mostre di arte visiva per il 2011 di “OMAGGIO a TAORMINA”, organizzato dall’associazione “Arte & Cultura” ed inaugurare, al contempo, quello per il 2012. Giovedi 29 dicembre, alle ore 18:00, presso il Palazzo Duchi di S. Stefano sede della “Fondazione Mazzullo”, vi sarà il vernissage, infatti, di “Non solo caos”, la personale del taorminesissimo artista che nella sua lunga carriera ha mietuto numerosi riconoscimenti in patria ma anche internazionali, non ultimo l’esposizione delle sue opere in Nuova Zelanda per il Bi-centenario di quella nazione su espresso invito del primo Ministro.

Un’internazionalità che lo ha contraddistinto sin dagli inizi del suo affacciarsi sul palcoscenico dell’Arte e che lo ha visto, giovane studente, approdare prima a Parigi, forse subendo la fascinazione di Chagall - come sembra esserne convinto Raleigh Trevelyan, lo scrittore inglese legato a Martorana da lunga frequentazione e profonda amicizia – per trasferirsi qualche anno dopo alla Royal Academy ed alla St. Martin School of Art di Londra.

Viaggiatore instancabile, con all’attivo ben 55 anni di attività artistica, Ghumbert sembra filtrare nelle sue numerosissime opere ciò che i suoi occhi di siciliano, nato tra il mare di Taormina e le nevi dell’Etna, vedono e sperimentano attraverso la luce abbacinante del sole di Sicilia. Trasformando il tutto in vivido colore. La mostra chiuderà i battenti il 29 gennaio 2012.


OMAGGIO A TAORMINA
Concerto di Natale

19 Dicembre 2011, ore 18.30
Basilica Cattedrale - Taormina

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

L’Associazione Arte e Cultura augura un Buon Natale a tutti con il concerto dell’Orchestra Giovanile Città di Taormina, dell’istituto comprensivo 2, diretta dal Maestro Mirko Raffone, e affiancata dal Piccolo Coro Millevoci, diretto dal Maestro Ivan Lo Giudice. Il concerto natalizio, all’interno del cartellone Omaggio a Taormina, si svolgerà il 19 dicembre, alle ore 18.30, in Cattedrale. Nel programma oltre Verdi, Morricone, Shostakovich, non mancheranno i tradizionali canti di Natale da Bianco Natale a Happy Christmas, da Astro del Ciel ad Adeste Fideles. Un concerto che unisce giovani musicisti della scuola media a giovani voci della scuola elementare, promesse artistiche di Taormina.

L’Orchestra Sinfonica dell’Istituto Comprensivo n. 2 di Taormina è composta da una sezione di archi (violini e violoncelli), una sezione di fiati (flauti e sassofoni), una a pizzico (chitarre) ed una di tastiere (fisarmonica e pianoforte). E’ inoltre completato dalla sezione percussioni.

L’Orchestra ha al suo attivo numerose esibizioni pubbliche tenute sin dalla sua costituzione avvenuta nel 2002, e una serie di importanti rioconoscimenti nazionali.

La continua crescita del livello artistico dell’Orchestra, dovuta ad un costante impegno degli allievi, seguiti con attenzione dai loro insegnati e dai loro genitori nello studio dello strumento ed alla frequenza dei laboratori orchestrali, ha spinto la Stessa a porsi sempre nuovi e più ambiziosi traguardi che l’hanno portata ad essere una delle più belle realtà musicali giovanili attuali.

Milena Privitera


OMAGGIO A TAORMINA
(AP)PESI PENSIERI
Le foto di Lidia Bolognari

01-28 Dicembre 2011
Palazzo Duchi di S. Stefano - Taormina (ME)

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Un reportage dal sapore “speziato” quello che Lidia Bolognari offre ai visitatori della mostra fotografica “Ap(pesi) Pensieri” che, nell’ambito di “OMAGGIO a TAORMINA”, dal 1 al 28 dicembre viene ospitata nella Sala Colonna del Palazzo Duchi di S. Stefano, sede della “Fondazione Mazzullo”, di Taormina. Un reportage che ha per protagonisti via Prè ed i tanti vicoli dell’angiporto genovese - i tipici “carruggi” - e la colorata umanità che li popola: luoghi nel passato di loschi commerci e vite marginali, divenuti oggi zona di accoglienza di immigrati da tutti i continenti. Dove macellai arabi, parrucchiere africane, bambini sudamericani, donne col burka, tutti insieme, con in sottofondo suoni e ritmi di musica transnazionale provenienti da qualche negozietto di CD e in un effluvio di odori di aromatiche spezie, mischiate a quello autoctono del pesto, mescolano le loro esistenze. Trasfigurando il luogo simbolo della città in “non-luogo” interculturale.

L’occhio attento e sensibile della Bolognari, cogliendo con lucida attenzione, scatto dopo scatto, vibrazioni, sensazioni, atmosfere e realtà, racconta storie di immigrazione, di integrazione e di esclusione, di stranieri e di indigeni. Ma anche storie di speranza nel futuro, di libertà conquistata. In fondo, il racconto della vita di ciascuno di noi, appeso a qualcosa, al peso di un pensiero, di un credo, di un legame, di una cultura. Appeso, cioè imprigionato, nel suo percorso di vita. Che è anche il suo “peso”.


OMAGGIO A TAORMINA
“I RACCONTI DELLA SIMULETTA”

24 Novembre 2011, ore 17.00
Ex Chiesa di San Francesco di Paola - Taormina (ME)

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Giovedì 24 novembre, alle ore 17:00, presso la ex - chiesa di San Francesco di Paola, “OMAGGIO a TAORMINA”, il programma di eventi ideato ed organizzato dall'associazione “Arte & Cultura a Taormina”, ospiterà l’incontro, aperto al pubblico, con “La Simuletta”, il circolo di scritturacostituitosi pochi anni fa e divenuto, nel frattempo, un apprezzato appuntamento fisso della vita culturale taorminese. In programma, oltre a testi appartenenti al repertorio classico, un’ampia raccolta di poesie e racconti inediti firmati da Mirella Bolognari, Anneli Berndt, Rosanna Capasso, Annerose Czimczik, Dora Sampieri, Santi Portanome, Franco La Pica, Marco Monforte; chiamate a recitare i testi, le più belle voci del teatro “made in Taormina”: Rita Patané, Franco Carnazza, Rosita Gulotta, Anna Maria Raccuja, Andrea Ferri. Tutti attori che, mettendo con professionalità ed entusiasmo le proprie voci a disposizione del Circolo, hanno contribuito negli anni, grazie alle intense interpretazioni, a determinarne il successo.

La Simuletta”, il cui obiettivo è quello della diffusione della scrittura, della lettura e dell'ascolto, continua, così, a percorrere la strada di promozione della parola scritta ed orale che tanti consensi ha riscosso sin dal suo debutto. Consensi confermati, nel tempo, dalla costante presenza di un pubblico attento ed affezionato che l’hanno resa una realtà letteraria di spicco del panorama


OMAGGIO A TAORMINA
“RECITAL a QUATTRO MANI”

19 Novembre 2011, ore 18.30 - Taormina

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

Allettante appuntamento musicale di “OMAGGIO a TAORMINA” sabato 19 novembre, alle ore 18:30, presso la Chiesa di S. Caterina. Antonino e Pancrazio Pellitteri saranno, infatti, i protagonisti, di un ”Recital Pianistico a Quattro Mani”. I gemelli taorminesi, diplomati brillantemente in pianoforte presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma sotto la guida di Pieralberto Biondi, perfezionatisi in seguito presso l’Accademia Internazionale di Musica “Arts Academy” con, tra gli altri, Boris Petrushansky ed Oxana Yablonskaya, ed allievi di Bruno Canino, con cui hanno conseguito il Diploma di Alto Perfezionamento, sono tra l’altro vincitori di numerosi e prestigiosi concorsi sia nazionali che internazionali. Gli artisti, nel condividere la medesima tastiera – cosa che implica non solo una grande duttilità ma, soprattutto, un notevole affiatamento - eseguiranno, appunto a “quattro mani”, musiche di Schubert, Ravel, Debussy, Stravinsky nel corso di un concerto che già si annuncia di grande richiamo.


OMAGGIO A TAORMINA

Un weekend all’insegna della musica e della pittura a Taormina, per il programma Omaggio a Taormina, organizzato dall’Associazione Arte e Cultura:

Sabato 5 novembre,alle ore 18:30, la Basilica Cattedrale risuonerà delle melodie dell’“Orchestra a Plettro Città di Taormina” diretta dal M° Antonino Pellitteri, fiore all’occhiello della tradizione musicale taorminese. Il programma, nutrito e vario, prevede “Rondò” di Raffaele Calace, la cui grande eleganza compositiva mette in rilievo le doti timbriche e tecniche degli strumenti a plettro, il celeberrimo tema del film “Il postino” di Bacalov, passando, ed inoltre il famoso tema cinematografico de “La vita è bella” di Piovani e la “Norma” di Bellini.

Domenica 6 novembre, alle ore 18:30, nell’ ex-chiesa di S. Francesco da Paola, è la volta dell’inaugurazione della mostra Ut Pictura Poesis” di Michele D’Avenia che ritorna a Taormina dopo 20 anni dalla sua personale al Palazzo Corvaja. Ed è un ritorno che vede l’esibizione di una trentina di opere tra dipinti e sculture - alcune delle quali pluripremiate - accostate ad alcune liriche di Salvatore Quasimodo. La mostra, curata da Giuseppe Filistad e Giuseppe Morgana, propone un itinerario - articolato in 4 sezioni - che prende in considerazione gli ambiti della produzione artistica di D’Avenia, pittura e scultura, mirando ad analizzarne il percorso creativo e produttivo attraverso le opere più significative che ne hanno caratterizzato l’ascesa nel panorama artistico nazionale, rendendolo uno dei più apprezzati, raffinati e ricercati interpreti della Nuova Figurazione.

A rendere ancor più rilevante l’evento, l’accostamento alle opere di D’Avenia di alcune poesie del Premio Nobel Salvatore Quasimodo, selezionate da Milena Romeo. L’esposizione, organizzata in collaborazione con l’associazione “Dionysos”, chiuderà il 29 novembre.


OMAGGIO A TAORMINA

Un’apertura di tutto rispetto delle manifestazioni previste per il mese di novembre da “OMAGGIO a TAORMINA”. Dal 1 al 27 novembre, ospiti del Palazzo Duchi di S. Stefano, sede della “Fondazione Mazzullo”, oltre una trentina di foto, accomunate dal titolo “Verso Nord”, racconteranno le impressioni di un viaggio in camper sino a Capo Nord di Giuseppe Ragonese, avvocato affascinato dalla fotografia “analogica” ed insensibile a “sostituzioni” digitalizzate. Una fascinazione che, nella visione della fotografia come “caccia” di istanti irripetibili e nello “scatto” come gesto non correggibile, lo porta a racchiudere in una serie di “frames” atmosfere rarefatte di luoghi e paesaggi del Nord Europa e della luce “fredda” che lo pervade: spesso, testimonianze, tra il meravigliato ed il coinvolto, di notti illuminate da un “sole di mezzanotte” estraneo e straniante per chi arriva dalla assolata Sicilia.

“Scarti di maree” - “Frasciameddi” è il doppio titolo, italo-siciliano, della mostra fotografica che si inaugura giovedì 3 novembre, alle ore 18:00, nella location seicentesca dell’ex-chiesa del Carmine. Firmata da Carmine Elisa Moschella, poliedrica artista con all’attivo premiate poesie dialettali ed applaudite esibizioni sia musicali - “jazz vocalist” del “Taormina Ensemble” – sia come performer – in “Mimica e Mimetica” in coppia con Eva Berndt - la mostra si incentra su ciò che, portato inizialmente da fiumi e torrenti nel mare, da esso viene in parte restituito nel corso delle mareggiate invernali. E che l’occhio della macchina fotografica della Moschella coglie nel suo spiaggiarsi in forme che la violenza dei marosi ha reso contorte e suggestivamente evocative. L’esposizione, che rimarrà aperta al pubblico sino al 30 di novembre, è organizzata dall’associazione “ARTE & CULTURA” in collaborazione con l’associazione culturale “Ulisse”.

Sabato 5 novembre, alle ore 18:30, la maestosa Basilica Cattedrale risuonerà delle melodie della prestigiosa “Orchestra a Plettro Città di Taormina” diretta dal M° Antonino Pellitteri, fiore all’occhiello della tradizione musicale taorminese. Il programma, nutrito e vario, va dal “Rondò” di Raffaele Calace, la cui grande eleganza compositiva mette in rilievo le doti timbriche e tecniche degli strumenti a plettro, al celeberrimo tema del film “Il postino” di Bacalov, passando, tra gli altri, per l’altrettanto famosi tema cinematografico de “La vita è bella” di Piovani e la “Norma” di Bellini.

Il 6 novembre, alle ore 18:30, nella suggestiva location dell’ex-chiesa di S. Francesco da Paola, è la volta dell’inaugurazione della mostra Ut Pictura Poesis” di Michele D’Avenia che ritorna a Taormina dopo 20 anni dalla sua personale al Palazzo Corvaja. Ed è un ritorno in grande spolvero che vede l’esibizione di una trentina di opere tra dipinti e sculture - alcune delle quali pluripremiate - accostate ad alcune liriche di Salvatore Quasimodo. La mostra, curata da Giuseppe Filistad e Giuseppe Morgana, propone un itinerario - articolato in 4 sezioni - che prende in considerazione gli ambiti della produzione artistica di D’Avenia, pittura e scultura, mirando ad analizzarne il percorso creativo e produttivo attraverso le opere più significative che ne hanno caratterizzato l’ascesa nel panorama artistico nazionale, rendendolo uno dei più apprezzati, raffinati e ricercati interpreti della Nuova Figurazione.

Saranno così esposte le opere più rilevanti dell’ultimo periodo, segnato da una ricerca incessante della luce, con un’attenzione particolare verso i suoi soggetti preferiti: figure femminili, composizioni e paesaggi. Una sezione della mostra sarà dedicata alla scultura, espressione “recente” dell’artista, milanese di nascita ma siciliano d’adozione, con l’esposizione, tra l’altro, di “L’altra faccia del peccato”, Premio Arte Mondadori 2004, e “1 ottobre 2009”, opera di forte impatto emotivo dedicata alle vittime dell’alluvione di Messina.

A rendere ancor più rilevante l’evento, l’accostamento alle opere di D’Avenia di alcune poesie del Premio Nobel Salvatore Quasimodo, selezionate da Milena Romeo. L’esposizione, organizzata in collaborazione con l’associazione “Dionysos”, chiuderà i battenti il 29 novembre.

Antonino e Pancrazio Pellitteri saranno poi protagonisti sabato 19, alle ore 18:30, del ”Recital Pianistico a Quattro Mani”, ospiti della Chiesa di S. Caterina. I gemelli taorminesi, diplomati brillantemente in pianoforte presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma sotto la guida di Pieralberto Biondi, perfezionatisi in seguito presso l’Accademia Internazionale di Musica “Arts Academy” con, tra gli altri, Boris Petrushansky ed Oxana Yablonskaya, ed allievi di Bruno Canino, con cui hanno conseguito il Diploma di Alto Perfezionamento, sono, tra l’altro, vincitori di innumerevoli e prestigiosi concorsi nazionali ed internazionali. Gli artisti, nel condividere la medesima tastiera – cosa che implica non solo una grande duttilità ma, soprattutto, un notevole affiatamento - eseguiranno, appunto a “quattro mani”, musiche di Schubert, Ravel, Debussy, Stravinsky nel corso di un concerto che già si annuncia di grande richiamo.

“La Simuletta”, il circolo di scrittura costituitosi un paio di anni fa e divenuto, nel frattempo, un apprezzato appuntamento fisso della vita culturale taorminese, chiuderà il programma di novembre di “OMAGGIO a TAORMINA” presentando giovedì 24, alle ore 18:30, nella ex-chiesa di S. Francesco da Paola, un’ampia raccolta di poesie e scritti inediti, firmati tutti dalle stesse socie del circolo. Chiamate a recitare i testi, le più belle voci del teatro “made in Taormina”: da Rita Patanè, ad Annamaria Raccuja, da Andrea Ferri, a Rosita Gulotta e Franco Carnazza..


ARTE & CULTURA a TAORMINA
presenta

OMAGGIO A TAORMINA

MOSTRA SCARTI DI MARE
di CARMINE ELISA MOSCHELLA

Omaggio A Taormina - Taormina

“Scarti di maree” - “Frasciameddi” è il doppio titolo, italo-siciliano, della mostra fotografica che “OMAGGIO a TAORMINA” presenta giovedì 3 novembre, alle ore 18:00, nella location seicentesca dell’ex-chiesa del Carmine. Firmata da Carmine Elisa Moschella, poliedrica artista con all’attivo premiate poesie dialettali ed applaudite esibizioni sia musicali - quale “jazz vocalist” del “Taormina Ensemble” – sia come performer – in “Mimica e Mimetica” in coppia con Eva Berndt - la mostra si incentra su ciò che, portato inizialmente da fiumi e torrenti nel mare, da esso viene in parte restituito nel corso delle mareggiate invernali. E che l’occhio della macchina fotografica della Moschella coglie nel suo spiaggiarsi in forme che la violenza dei marosi ha reso contorte e suggestivamente evocative. L’esposizione, che rimarrà aperta al pubblico sino al 30 di novembre, è organizzata dall’associazione “ARTE & CULTURA” in collaborazione con l’associazione culturale “Ulisse”.

ARTE & CULTURA a TAORMINA
presenta

OMAGGIO A TAORMINA

MOSTRA VERSO NORD di GIUSEPPE RAGONESE

Omaggio A Taormina - Taormina

Un’apertura di tutto rispetto delle manifestazioni previste per il mese di novembre da “OMAGGIO a TAORMINA”: dal 1 al 27 novembre, ospiti del Palazzo Duchi di S. Stefano, sede della “Fondazione Mazzullo”, oltre una trentina di foto, accomunate dal titolo “Verso Nord”, racconteranno le impressioni di un viaggio in camper sino a Capo Nord di Giuseppe Ragonese, avvocato affascinato dalla fotografia “analogica” ed insensibile a “sostituzioni” digitalizzate. Una fascinazione che, nella visione della fotografia come “caccia” di istanti irripetibili e nello “scatto” come gesto non correggibile, lo porta a racchiudere in una serie di “frames” atmosfere rarefatte di luoghi e paesaggi del Nord Europa e della luce “fredda” che lo pervade: spesso, testimonianze, tra il meravigliato ed il coinvolto, di notti illuminate da un “sole di mezzanotte” estraneo e straniante per chi arriva dalla Sicilia assolata. E, proprio per questo, denso di malìa.


ARTE & CULTURA a TAORMINA
presenta

OMAGGIO A TAORMINA
“ENSEMBLE ORCHESTRA a PLETTRO”

Omaggio A Taormina - Taormina
clicca sull'immagine per ingrandire

29 Ottobre 2011, ore 19.00
Chiesa di Santa Caterina - Taormina (ME)

Sabato 29 ottobre, alle ore 19:00, presso la Chiesa di S. Caterina, si svolgerà il concerto dello “Ensemble dell’Orchestra a Plettro CITTA’ di TAORMINA” composto da Alessandro Russo, Alfredo D’Urso, Elisabetta Monaco, Claudia Costa, Ivana Rapisarda, Simona Brancato ed Aldo Filistad: in programma, musiche originali per formazioni a plettro.
Tocca, così, alla prestigiosa formazione, “punta di diamante” della blasonata Orchestra di casa, apporre il sigillo di chiusura al primo dei sette mesi di manifestazioni previsti dal calendario di “OMAGGIO a TAORMINA”, il cartellone di eventi ideato ed organizzato dall’associazione “ARTE & CULTURA a TAORMINA” che si snoderà sino ad aprile del 2012. Un mese di ottobre che ha visto il successo di pubblico e di critica riscosso dalle mostre “Percorso Ma-Donna”, di Rosalba Leonardi, ed “I cunti” di Cesare Filistad, e l’entusiastica partecipazione dei numerosi turisti ai concerti del “Taormina Ensemble” e del duo Arlia & Scigliano di “2ttango”, ambedue conclusisi con applauditissime standing - ovations finali.


ARTE & CULTURA a TAORMINA
presenta

OMAGGIO a TAORMINA

Tre sabati all’insegna della musica per “OMAGGIO A TAORMINA”, il programma creato ed organizzato dall’Associazione Arte e Cultura, che ha incassato già il successo del concerto del Taormina Ensemble con il mezzo-soprano Carmine Elisa Moschella, sabato scorso 8 ottobre nella Chiesa di Santa Caterina.

Ora è la volta della band che fa sognare la XRM di Mario Grimaudo, sabato 15 ottobre in Piazza IX Aprile. Il gruppo collabora ufficialmente con il Coro dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato ed è formato da Stefania Guarneri, Laura Sfilio, Antonietta Salanitro e Adele Strano, vocalist e cantanti, e da Mario Grimaudo, sax, Pippo Magrì, batteria, Jonny Chiavaro, basso, Concetto Frusciano, chitarra, Peppino Ferrari, piano e Dario D’Agata, tromba. Divertimento e ballo assicurato.

Sabato 22 ottobre alla Basilica Cattedrale il duo Filippo Arlia (piano)- Giuseppe Scigliano (bandoneon) dell’Associazione Mousikè in 2ttango, concerto dedicato a grandi compositori come Astor Piazzolla e Luis Bacalov. Arlia e Scigliano rappresentano due perle nel settore della musica, non solo sul piano regionale, ma anche nazionale e internazionale.

Il mese di ottobre si chiude con l’Ensemble dell’Orchestra Città di Taormina (29 nella Chiesa di Santa Caterina). L’ensemble dell’orchestra di casa composto da Alessandro Russo, Elisabetta Monaco, Simona Brancato, Ivana Rapisarda, Alfredo D’Urso, Aldo Filistad e Claudia Costa eseguiranno musiche originali per formazioni a plettro.


ARTE & CULTURA a TAORMINA
presenta

OMAGGIO a TAORMINA

Il 30 settembre scorso, nel corso di una conferenza stampa “allargata” ai tanti artisti coinvolti, ospiti del salone delle conferenze dell’Hotel Metropole Maisons d'hôtes, alla presenza del sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, del padrone di casa, Maurizio Corvaia, e del pittore Giovanni Iudice - reduce dal successo riscosso dalla sua “Umanità” alla Biennale di Venezia e legato a Taormina da antiche frequentazioni – è toccato a MariaTeresa Papale, presidente di “ARTE & CULTURA a TAORMINA”, neonata associazione che ha ideato ed organizzato “OMAGGIO a TAORMINA” illustrare motivazioni ed eventi del vasto programma. Un cartellone di manifestazioni che vanno dal 1 ottobre 2011 al 29 aprile 2012: 23 esposizioni d’arte visiva con ben 3 artisti “targati” Biennale di Venezia, 19 eventi musicali ed un paio di incontri letterari gli appuntamenti previsti; ambedue le Orchestre“ufficiali” della Città, compresa quella juniores, coinvolte insieme ad altre 6 associazioni culturali; 8 le blasonate “locations” sedi di eventi, dal trecentesco Palazzo dei Duchi di S.Stefano, sede della “Fondazione Mazzullo”, alla massiccia fortezza-Cattedrale dedicata a S.Nicolò di Bari del XV° sec.

Un progetto – come ha tenuto a sottolineare il presidente di “Arte & Cultura a Taormina” - che vede un centinaio di artisti Taorminesi – di nascita, d’adozione, per scelta di vita o… d’amore – riunirsi, per la prima volta, sotto un’unica egida ed offrire alla Città, ed ai suoi ospiti, un susseguirsi di performances, concerti, mostre di grande respiro. Rendendo così anche la Taormina versione “invernale” un contenitore “all-inclusive” d’arte e di cultura, in un dipanarsi e sovrapporsi di eventi che si susseguono in contemporanea, occasioni tutte in cui gli artisti si esibiscono a titolo gratuito. Tutto ciò nella convinzione che a Taormina, come forse in nessun altra località siciliana, Turismo e Cultura coincidano perfettamente e che tocchi proprio alla Cultura fare da volàno al Turismo quando il binomio “sole &mare” non è meteorologicamente spendibile.

Tocca a Rosalba Leonardi, già presente al “Padiglione Sicilia” sede di Siracusa della Biennale, firmare il gran debutto di “OMAGGIO A TAORMINA”: il 1 ottobre, il Palazzo Duchi S. Stefano ospita la sua intrigante mostra di pittura e “concrezioni” “Percorso Ma-Donna”, a seguire, il 2 ottobre, nell’ex- Chiesa S. Francesco di Paola, antica Cattedrale della Città, la mostra “I Cunti”, organizzata dall’Associazione Dyonisos. Sempre nel mese di ottobre, alla Chiesa di Santa Caterina, si terranno due concerti: l’8 quello del ”Taormina Ensemble”, con il mezzo-soprano Carmine Elisa Moschella, ed il 28 “Il quintetto Orchestra a Plettro Città di Taormina”, mentre in Piazza IX aprile il 15 si scatenerà la band “XRM” di Mario Grimaudo, ed al Duomo, il 22, sarà la volta del recital melodico del M° Filippo Arlia e del M° Giuseppe Scigliano, dell’Associazione “Mousikè”.

La programmazione di novembre prevede tre mostre, due di fotografia - “Verso Nord” di Giuseppe Ragonese e “Scarti di Maree - Frasciameddi” di C. Elisa Moschella - ed una di pittura - “Ut Pictura Poesis” - dell’Associazione Dyonisos. Per la sezione concerti, al Duomo: il 5, concerto della pluripremiata “Orchestra a plettro Città di Taormina”, diretta dal M° Tonino Pellitteri, ed il 19 il recital a quattro mani di Tonino ed Enzo Pellitteri.

A dicembre, per la sezione visiva, Lidia Bolognari presenta la sua mostra di fotografie “Ap(pesi) Pensieri” (Palazzo Duchi S. Stefano) mentre l’Associazione Dyonisos quella di pittura “Arte sacra contemporanea (ex-Chiesa S. Francesco). Unico concerto: il 19 dicembre, al Duomo, con la ”Orchestra e il Coro Giovanile Città di Taormina - Comprensivo 1”, la formazione juniores diretta dal M° Mirko Raffone.

A gennaio saranno protagoniste ben tre mostre: quella di Ghumbert di Cattolica, “Non solo caos” (Palazzo Duchi S. Stefano); di Rogika “Street Photography” (ex-Chiesa S. Francesco di Paola) e di OrSo “Portraits around the World (Biblioteca Comunale). Per i concerti, al Palazzo dei Congressi gli “Shine Records”, di Vera Sorrentino e Giovanni Dall’O’, si esibiranno in melodici brani, molti di loro stessa produzione (7 gennaio), mentre al ritmo elettrizzante della “Jazz Band” di Giuseppe Ferrari canterà con Daniela Di Leo (21 gennaio).

A febbraio due mostre di pittura che certamente non mancheranno di suscitare grande interesse. ”Arte metropolitana” che, dopo il grande successo ottenuto nel 2009 con Paul Kostabi al Palazzo Duchi S. Stefano, riporta a Taormina l’esplosione cromatica e lo stile raffinatamente “primitivo” di Thomas Berra, (ex-Chiesa S. Francesco di Paola) e la suggestiva, intrigante, coinvolgente “La stanza del Mito” di Tila, pseudonimo sotto cui si celano due giovani artisti emergenti, la cui “ricerca” artistica affonda le proprie radici in una ancestrale mediterraneità (ex-Chiesa del Carmine). Da parte sua, Katarina Vargova, slovacca di origine, ferma scorci di paesaggi e frammenti di natura nella mostra fotografica “Go with the flow” (Biblioteca Comunale). Ancora, in concomitanza del carnevale saranno organizzati due concerti in Piazza IX Aprile. Sul palco, il gruppo rock “Night Shape” (17 febbraio) ed il gruppo Pop “Ottava Nota” (18 febbraio), mentre al Duomo, il 25 febbraio, sarà la volta di un recital lirico che si preannunzia “sold out” vista la presenza del noto tenore taorminese Aldo Filistad, che si esibirà accompagnato dai Maestri Maria Intelisano e Agatino Scuderi.

Il mese di marzo sarà inaugurato con la mostra, al Palazzo Duchi S. Stefano, delle incisioni e dei quadri di “Lo zodiaco ed oltre” di Luca Indaco, selezionato quest’anno per le Accademie di Belle Arti alla Biennale di Venezia. Sempre a marzo, ancora due mostre di pittura: alla ex-Chiesa del Carmine la denunzia, dirompente e civilmente impegnata, di “Delitti di Mafia” dell’italo-argentino Juan Miano ed alla Biblioteca Comunale la personale di Francesco Calabrò. Il Duomo il 10 ospita l’esibizione degli allievi del M° Maurizio Gullotta e il 31 il ritorno della ”Orchestra a Plettro Città di Taormina”, mentre il Palazzo dei Congressi, il 24, il recital pianistico di Giuseppe e Roberto Ferrari.

Ad Aprile, chiusura “col botto” della programmazione autunno - inverno dell’Associazione “Arte & Cultura a Taormina”: al Palazzo Duchi di S. Stefano è, infatti, Giovanni Iudice, l’omaggiato autore de “I clandestini”,con la sua pittura su tela talmente realistica da sembrare una foto, a rendere a sua volta “Omaggio a Taormina” in una mostra che esibisce, appunto, la sua nuova opera “taorminese”. Seguiranno la mostra della pittrice e scultrice di origine polacca Edyta Grzegorczyk, “Riflessi di luce”; le foto e le installazioni di Turi Tudisco in “Blu”; la personale “Enneagramma” di Aykut Saribas, l’artista nato ad Istanbul che trasfonde nelle sue opere la magia degli echi e delle atmosfere d’Oriente.

E poi…i fuochi d’artificio finali con “Uovo di artista”, dell’Associazione Dyonisos. Un parterre de roi di artisti coinvolti – da Piero Guccione a Giuseppe Colombo, da Thomas Berra a Giovanni Iudice oltre agli artisti “taorminesi” creerà ciascuno un “uovo d’autore”, secondo il proprio stile ed il proprio estro. Messi all’asta, il ricavato della vendita sarà devoluto al “Progetto Corazon”, cui da anni Taormina ed il suo ospedale “San Vincenzo” sono legati, progetto che organizza missioni all’estero in favore di bambini cardiopatici in attesa di intervento chirurgico.

All’interno del programma l’Associazione “La Simuletta” organizzerà delle letture con intermezzo musicale il 24 novembre e 16 febbraio alla Biblioteca Comunale. Infine, inusuale performance alla ex-Chiesa S. Francesco di Paola “Mimica e Mimetica” di Carmine Elisa Moschella - lettura e canto - & Eva Bernd, proiezioni immagini.

www.arteeculturaataormina.it



    News Evento

    Leggi anche


    Data ultimo aggiornamento pagina 2012-04-24 12:07:47
    Inserito da Cinzia
    Diniego di responsabilià: le notizie riportate in questa pagina sono state fornite da Enti Pubblici e Privati e, organizzazione eventi e sagre, fiere. Suggeriamo di verificare date, orari e programmi che potrebbero variare, contattando le organizzazioni o visitando il sito ufficiale dell'evento.
    eventiesagre-mercatini di natale dove e quando